Edizione n° 5312
/ Edizione n° 5312

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

“Caso” Stella Maris, per 3 OSS obblighi di dimora. Ai domiciliari 43enne accusato di violenza sessuale

AUTORE:
Giuseppe de Filippo
PUBBLICATO IL:
4 Febbraio 2023
Focus e Inchieste // Inchieste Manfredonia //

StatoQuotidiano.it, Manfredonia, 04 febbraio 2023. Passate violenze nella Rsaa Stella Maris di Siponto (Manfredonia): con provvedimento firmato ieri sera dal Gip dr. Carlo Protano del Tribunale di Foggia, è stato disposto l’obbligo di dimora per Antonio Vero, 42 anni, Mariano Paganini, 25 anni, e Michele Salcuni, 37 anni, per i quali in precedenza era stata disposta la misura cautelare in carcere, dopo che il Tribunale del Riesame aveva accolto l’appello cautelare della Procura di Foggia contro l’ordinanza che dispose i domiciliari (mentre era stato respinto l’appello per un altro operatore sanitario a cui il gip aveva escluso i gravi indizi di colpevolezza. Per un altro oss che era finito ai domiciliari, la procura aveva invece rinunciato all’appello).

Resta agli arresti domiciliari Antonio Vero (classe 1980), accusato anche di violenza sessuale.

Per decorrenza dei termini di custodia cautelare, essendo passati 6 mesi dagli arresti domiciliari, non essendo le indagini ancora concluse, per i 3 oss indicati è stato dunque disposto l’obbligo di dimora, misura meno afflittiva rispetto alla detenzione in carcere.

++ Maltrattamenti e violenza sessuale in Rsa, 4 arresti ++ Nel Foggiano. Ai domiciliari operatori socio-sanitari (frame)

Il collegio difensivo è costituito dai legali Le Noci, Caputo, Pellegrini, Schiavone, Raffaeli, Ciociola e Ferosi.

8 commenti su "“Caso” Stella Maris, per 3 OSS obblighi di dimora. Ai domiciliari 43enne accusato di violenza sessuale"

  1. Sono sempre più convinto che in questa Italia non c’è posto per gli onesti…il nostro sistema giudiziario fa schifo..e i delinquenti vann cammnann…

  2. Diamoli anche una medaglia già che ci troviamo, la giustizia!!!!!!! È una montagna di merda . Siete vomitevole.

  3. Ecc’ qua, che avevo detto io qui su SQ già tempo fa e già solo vedendo quanti avvocati avessero cambiato tutti e 4 (e che avvocati, soprattutto)?
    “Tempo qualche mese e la storia finirà totalmente nel dimenticatoio, con i 4 incriminati del tutto liberi o quasi”
    E infatti eccoci qui: tutt’ à post’ e benvenuti in ItaGlia

  4. Ottimi requisiti per aspirare al premio Re Manfredi e ottenere la ” causa di servizio” per patologie contratte in costanza di servizio.

  5. Poi dicono di avere fiducia nella giustizia. Spero che comunque si faccia di tutto per far tornare queste nullità nelle patrie galere perché è lì che devono stare.

  6. Spero che almeno gli sia revocata la licenza da oss, e gli sia impedito di svolgere qualsiasi altro tipo di lavoro in futuro, e non abbiamo nessuna possibilità di percepire redditi di cittadinanza e quant’altro, e che vengano controllati se svolgono qualche lavoro in nero. Non è normale una cosa del genere… É vergognoso…

Lascia un commento

“I coraggiosi agiscono, i pavidi desistono.” Luigi Giuseppe Bruno D'Isa

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.