Edizione n° 5340

BALLON D'ESSAI

AL VOTO  // Sostenibilità a tutto tondo. L’idea di paese per Filippo Barbano
17 Maggio 2024 - ore  15:14

CALEMBOUR

MATTINATA // Gianfranco Prencipe assolto da ricettazione targhe di nazionalità tedesca. Virale dopo videoclip
15 Maggio 2024 - ore  11:07

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Dalla Russia: “Zelensky fuggito in Polonia”. Attacco a centrale nucleare

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
4 Marzo 2022
Cronaca // Stato prima //

FOGGIA, 04/03/2022 – (dire) Nella notte torna il fantasma di Chernobyl, e l’Europa tutta trema. I negoziati di ieri tra Ucraina e Russia e Brest non hanno portato risultati significativi, fatta eccezione per l’accordo sui corridoi umanitari per mettere in salvo i civili.

 

I bombardamenti non si sono fermati e nel mirino degli scontri è finita la centrale nucleare Enerhodar, la più grande d’Europa che si trova nel sud del Paese, a Zaporizhzhia, colpita da ordigni russi. Ore di terrore in cui si sono moltiplicati gli appelli di cessate il fuoco da parte dei leader politici internazionali. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in un video messaggio, ha puntato il dito contro Mosca accusando Putin di voler ricorrere al terrore nucleare e di voler ripetere il disastro di Chernobyl.

 

DEPUTATO RUSSO: ZELENSKY HA LASCIATO PAESE, È IN POLONIA

 

Il presidente Volodymyr Zelensky ha lasciato l’Ucraina e si trova ora in Polonia: lo ha riferito Vyacheslav Volodin, portavoce della Duma di Stato, la Camera bassa del parlamento russo, citato dalle agenzie di stampa Ria Novosti e Tass.

 

Stando a questa ricostruzione, Volodin ha sostenuto che i deputati ucraini “non riescono a trovare” Zelensky a L’viv, una città dell’Ucraina occidentale a circa 50 chilometri dal confine con la Polonia dove si sono trasferite dalla capitale Kiev diverse ambasciate europee.

 

Nel rilanciare le dichiarazioni di Volodin, Tass e altre fonti russe sottolineano che l’obiettivo dell’”operazione speciale” avviata da Mosca il 24 febbraio, su richiesta delle repubbliche del Donbass, “non è l’occupazione del territorio dell’Ucraina ma la demilitarizzazione e denazificazione del Paese”. (dire)

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.