Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

EMERGENCY Foggia: il grande cuore di Lea, medico volontario con Emergency. La sua esperienza in giro per il mondo

Cantatore, specializzata in Anestesia, Rianimazione, Terapia intensiva e del Dolore presso il Policlinico “Riuniti”

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
4 Marzo 2024
Foggia // Storie e Volti //

FOGGIA – Un’esperienza unica, altamente formativa sia a livello umano che professionale.

Un’avventura che permette di cambiare prospettiva, allargando la visione da molti punti di vista”. Non nasconde una certa emozione nel raccontare la propria esperienza di volontariato internazionale con Emergency Lea Cantatore, giovane medico specializzato in Anestesia, Rianimazione, Terapia intensiva e del Dolore presso il Policlinico “Riuniti” di Foggia, la cui storia è stata raccolta dal Ce.S.eVo.Ca., il Centro Studi e Volontariato di Capitanata.

Un’infanzia trascorsa a Castelluccio Valmaggiore, sognando di fare il medico fin da quando era bambina.

“A 4 anni – spiega la dottoressa Cantatore – già sapevo che da grande avrei curato le persone; negli anni non ho mai avuto un dubbio o un ripensamento”.

Una passione trasmessa da papà Gino, infermiere al Pronto Soccorso del Policlinico Riuniti di Foggia.

“Mio padre è sempre stato un esempio, un modello da seguire nella vita e nella professione.

È stato il primo a comprendere il mio bisogno di partire con Emergency per il Sudan.

Ho sempre condiviso i valori dell’associazione e di Gino Strada. Lui spesso ripeteva che ‘i diritti degli uomini devono essere di tutti gli uomini: proprio di tutti, altrimenti diventano privilegi’.

Con questo spirito sono arrivata a Khartoum, dove ho svolto servizio come medico da marzo a settembre 2022 presso l’ospedale ‘Salam Centre’.

È un Centro molto importante in cui viene offerta assistenza gratuita e altamente qualificata a pazienti pediatrici affetti da patologie – congenite o acquisite – di interesse cardiochirurgico.

I pazienti operati al ‘Centro Salam’ soffrono soprattutto di patologie valvolari di origine reumatica, causate da infezioni da streptococco betaemolitico di tipo A non curate.

Una semplice faringite, se trascurata o non curata con i medicinali giusti, può sviluppare il rischio di contrarre la malattia. In Sudan questa situazione si ripete spesso, a causa della mancanza di penicillina”.

Lea Cantatore, nonostante siano trascorsi già quattro mesi dal suo rientro in Italia, ricorda ogni paziente curato nel periodo trascorso in Sudan e si dice pronta a ripartire per una nuova esperienza di volontariato internazionale: un’opportunità di crescita che si augura possano fare tanti altri giovani.

“Qualsiasi esperienza di volontariato – spiega – consente di mettere a disposizione il proprio tempo per aiutare il prossimo ma serve anche ad aiutare se stessi, grazie alla crescita personale e all’acquisizione di nuove competenze professionali e linguistiche. È una chance da non perdere”.

Fonti verificate: .lagazzettadelmezzogiorno.it //

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.