Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

SEQUESTRATO Rifiuta il sesso al primo incontro, donna lo chiude in casa: lei arrestata e lui liberato dai pompieri

I due si erano conosciuti su un’app di incontri online ma al primo appuntamento lei avrebbe insistito per consumare un rapporto sessuale

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
4 Marzo 2024
Cronaca // Live //

PARMA – Una donna di 31 anni è stata arrestata nelle scorse dalla polizia di stato a Parma dopo aver minacciato e rinchiuso in casa sua un uomo appena conosciuto che si era rifiutato di fare sesso con lei al primo appuntamento.

L’episodio si è consumato nella notte tra domenica e lunedì all’interno di un’abitazione in località Corcagnano dove per liberare il malcapitato sono dovuti intervenire i vigili del fuoco e la polizia.

A lanciare l’allarme la notte scorsa, con una chiamata di emergenza al 113, è stato lo stesso 29enne rinchiuso in casa.

L’uomo ha raccontato al telefono che in pratica era tenuto prigioniero in casa da una donna che aveva conosciuto su un’app di incontri online e che aveva visto per la prima volta.

Stando al suo racconto, dopo aver cenato insieme alla 31enne in un ristorante, aveva deciso di accompagnarla a casa ma qui si sarebbe trovato di fronte alla richiesta perentoria di fare sesso.

La signora, una volta saliti nell’appartamento, probabilmente complice anche lo stato di ebbrezza, avrebbe insistito per consumare un rapporto sessuale ma, al rifiuto dell’uomo, si sarebbe scagliata contro di lui.

Prima avrebbe minacciato il 29enne con una bottiglia e infine avrebbe chiuso la porta blindata di casa, portando con sé le chiavi e chiudendosi a sua volta in camera da letto.

A questo punto la donna avrebbe detto che avrebbe fatto uscire il giovane dalla casa solo se lui avesse avuto un rapporto sessuale con lei.

Visto il piano elevato dell’appartamento, al 29enne non è rimasto che chiedere aiuto alla polizia.

Sul posto quindi in poco tempo sono accorsi vigili del fuoco e gli agenti di un equipaggio della Squadra Volante di Parma che, con una scala, sono poi entrati nell’appartamento della donna attraverso il balcone della cucina, liberando il malcapitato.

In casa, rinchiusa in un’altra stanza, vi era la stessa donna che alla vista di poliziotti e pompieri è andata in escandescenze e ha cominciato a sferrare calci e pugni all’indirizzo degli operatori, minacciandoli di morte.

Nel trambusto generale, la 31enne ha ferito leggermente anche un poliziotto, colpendolo all’addome, oltre a rifiutarsi di fornire le proprie generalità.

Per questo la donna è stata tratta in arresto per il reato di resistenza e lesione a Pubblico Ufficiale e denunciata in stato di libertà per violenza privata, minacce aggravate e rifiuto di fornire le indicazione sulla propria identità personale.

Per la 31enne, che dopo esserci calmata è stata affidata alle cure del personale del 118 intervenuto sul posto, sono stati disposti gli arresti domiciliari presso il proprio domicilio in attesa della celebrazione del processo per Direttissima.

Fonti verificate: FANPAGE //

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.