Edizione n° 5345

BALLON D'ESSAI

SINDACO // Decaro celebra unione vigilesse, ‘sosteniamo amore e libertà’
23 Maggio 2024 - ore  00:12

CALEMBOUR

PROSTITUZIONE // Bari: baby prostitute, “Si guadagnavano anche mille euro a serata”
22 Maggio 2024 - ore  17:29

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

VOTI Corruzione elettorale a Bari: perquisita l’assessore regionale Anita Maurodinoia. Ai domiciari il marito Alessandro Cataldo

Tra gli arrestati il primo cittadino Donatelli e Armando De Francesco. Obbligo di dimora per moglie e figlio del sindaco

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
4 Aprile 2024
Cronaca // Focus //

TRIGGIANO (BARI) – Alessandro Cataldo, marito dell’assessore regionale Anita Maurodinoia, e il sindaco di Triggiano, Antonio Donatelli, sono tra le persone finite ai domiciliari stamattina nell’ambito di una inchiesta della Procura di Bari per associazione a delinquere che riguarda le elezioni nel piccolo centro della provincia e le elezioni comunali di Bari.

Cataldo è da sempre considerato uno dei portatori di voti del centrosinistra con la lista Sud al Centro. Anche nella imminente campagna elettorale per il Comune di Bari è impegnato a sostegno della coalizione in carica.

Ai domiciliari anche un consigliere circoscrizionale di Bari della lista «Sud al Centro», Armando De Francesco, riconducibile a Cataldo.

Per la moglie e il figlio del sindaco di Triggiano (eletto nell’ottobre 2021 con una giunta di centrosinistra) è stata disposta la misura dell’obbligo di dimora.

Nei confronti della Maurodinoia è invece in corso una perquisizione delegata ai carabinieri.

Il fascicolo è coordinato dal procuratore aggiunto Alessio Coccioli e dai pm Claudio Pinto e Savina Toscani. Le misure sono state disposte dal gip Paola De Santis.

I VOTI COMPRATI A TRIGGIANO “PER 50 EURO”

L’indagine parte dal ritrovamento, il 6 ottobre 2021, in un cassonetto per l’immondizia di San Giorgio, di “frammenti di fotocopie relative a documenti d’identità e codici fiscali di cittadini triggianesi”.

L’ipotesi di reato è corruzione elettorale: il gruppo coordinato da Cataldo avrebbe acquistato voti per 50 euro a favore del sindaco Donatelli.

L’indagine nasce da quella su Carlo De Giosa, consigliere eletto nel 2019 al Primo Municipio di Bari, che avrebbero pagato 25 euro a voto.

Anche De Giosa era rappresentante di Sud al centro, il partito che portò a Maurodinoia 6.234 voti alle Comunali di Bari del 2019 e 19.700 voti alle Regionali del 2020.

Fonti verificate: GAZZETTADELMEZZOGIORNO //

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.