Edizione n° 5339

BALLON D'ESSAI

AL VOTO  // Sostenibilità a tutto tondo. L’idea di paese per Filippo Barbano
17 Maggio 2024 - ore  15:14

CALEMBOUR

MATTINATA // Gianfranco Prencipe assolto da ricettazione targhe di nazionalità tedesca. Virale dopo videoclip
15 Maggio 2024 - ore  11:07

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

PATRIMONIO Quattro casi di lupara bianca, sequestrati beni a pregiudicato a Canosa

I proventi dello smercio di droga e del racket avrebbero consentito all'uomo, ufficialmente disoccupato, di accumulare un patrimonio

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
4 Aprile 2024
Bari // Cronaca //

Beni, mobili e immobili, per un valore complessivo di oltre 400mila euro, sono stati sequestrati a Sabino Carbone, 42enne di Canosa di Puglia, nel nord Barese, condannato all’ergastolo lo scorso 26 gennaio dalla Corte di Assise di Trani, per i quattro casi di lupara bianca avvenuti in paese tra il 2003 e il 2015.

Il provvedimento disposto dal Tribunale di Bari e notificato dalla polizia riguarda un appartamento che si trova nella zona storica di Canosa e composto da da due piani fuori terra e sette vani, e alcuni rapporti bancari e finanziari.
Il 42enne, secondo quanto accertato dalle indagini, è un esponente di spicco della criminalità organizzata del nord Barese vicino al gruppo criminale Campanella-Carbone storicamente attivo tra Canosa di Puglia e Trinitapoli nella gestione di traffici illeciti e delle estorsioni.

I proventi dello smercio di droga e del racket avrebbero consentito all’uomo, ufficialmente disoccupato, di accumulare un patrimonio fatto di “proprietà mobiliari, immobiliari e quote sociali”, spiegano gli inquirenti.

Gli omicidi per cui è stato condannato al carcere a vita, assieme ad altri quattro tra presunti autori e mandanti, sarebbero maturati nell’ambito di regolamenti di conti per lo spaccio di sostanze stupefacenti.
Le vittime, i cui corpi non sono stati mai trovati, sono Sabino D’Ambra, scomparso il 14 gennaio 2010, Giuseppe Vassalli, scomparso il 18 agosto 2015, Sabino Sasso e Alessandro Sorrenti di cui si sono perse le tracce il primo dicembre 2003. Il sequestro è finalizzato alla confisca.

Lo riporta l’Ansa.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.