AttualitàStato news

D’Agata: sesso e ricatti su Internet, arresti in Filippine


Di:

Attenzione alle video chat su internet! Nei giorni scorsi si è conclusa un’operazione dell’Interpol che ha scoperto una banda di estorsori che aveva ingannato migliaia di uomini nel mondo convincendoli a spogliarsi davanti alla webcam. Questi criminali avevano utilizzato come richiamo alcune donne.

Hanno attirato gli uomini davanti alle webcam, e persuaso le loro vittime a spogliarsi e subito dopo li ricattavano con questi scatti o video. E’ accaduto nelle Filippine, dove l’anello della criminalità informatica che si trova dietro l’estorsione on-line, è stato spezzato a seguito di lunghe indagini internazionali!

58 sospetti sono stati arrestati nella capitale Manila e alcuni in altri luoghi del paese, ha detto il capo della polizia Allan Purisima. “La portata di questa estorsione è enorme”, ha aggiunto Sanjay Virmani, direttore del Digital Crime Center dell’Interpol. Non è la prima volta, ma la notizia è che i criminali hanno trovato le loro vittime in tutto il mondo e tra questi ci sarebbero anche italiani.

La strategia della banda iniziava con un innocuo flirt: per esempio attraverso un social network come Facebook dove veniva preso contatto con un ignaro utente per il tramite di giovani donne. Poi rapidamente acquisivano la confidenza del malcapitato tanto che l’avvenente interlocutrice suggeriva di continuare la conversazione su Skype o altre piattaforme di video al fine di vedersi via webcam. Ovviamente, subito dopo si presentava in pose erotiche e chiedeva alle loro vittime di compiere atti sessuali di autoerotismo di fronte alla webcam.

Detto fatto, e la vittima veniva incastrata poiché il cyber incontro veniva registrato e scattava il ricatto e la minaccia di inviare il video ad amici e parenti se non avesse pagato con del denaro.

“Una voce di un hacker, senza immagine, si fece avanti e chiese 500 € tramite Western Union per il trasferimento”, ha detto alla polizia una delle vittime l’anno scorso. “Altrimenti il video sarà trasmesso a tutti gli amici personali di Facebook”.

Un diciassettenne Daniel Perry (17) da Dunfermline (Scozia) si è suicidato dopo il ricatto.

E la polizia britannica non ha tardato a mettere in guardia contro la trappola del sesso Skype, mentre in Italia se ne parla poco o pochissimo, anche se quella dei ricatti online è ormai una prassi criminale che sta assumendo contorni di notevole entità visti i fatti di cronaca che si sono già registrati anche nel Nostro Paese, sottolinea Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”.

L’unico rimedio certo, al di là della punizione degli estorsori, è quello della prevenzione, ossia di evitare di cadere nella trappola se non si vuole diventare vittime, anche perché non si può mai sapere l’effettiva identità di chi si cela dietro il monitor o dietro uno pseudonimo.

(Lecce, 3 maggio 2014; Giovanni D’Agata)

Redazione Stato

D’Agata: sesso e ricatti su Internet, arresti in Filippine ultima modifica: 2014-05-04T19:40:57+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This