Manfredonia

Antenna WIMAX nel CA9, associazione: rispettare tutte le procedure


Di:

Progetto base station Wimax nel Ca9 a Manfredonia (statoquotidiano)

Manfredonia – RISPETTO di tutte le procedure per il rilascio delle autorizzazioni previste; necessità o meno dell’agibilità dello stabile per l’installazione dell’impianto; presenza in futuro di impianti di telefonia nell’area; redazione di un piano relativo a tutte le ipotetiche installazioni che saranno presenti nel territorio. Queste le richieste-riflessioni dell’associazione Noi Comparti di Manfredonia relativamente alprogetto base station WIMAX per reti di telecomunicazioni a larga banda Wireless su edificio esistente (ai sensi del D.lgs. 259/2003), piano esecutivo relativo ad un’antenna della Linkem (da raccolta dati, di circa 5 metri di altezza) in realizzazione su uno stabile nel comparto CA9 di Manfredonia. Progetto che ha suscitato le recriminazioni di alcuni residenti che, attraverso Stato, avevano “maggiori delucidazioni” sul piano e sugli ipotetici e presunti rischi per la salute dei cittadini.

I DUBBI DEI RESIDENTI.
“Perché l’antenna è coperta da una canna fumaria? Ci sono relazioni con gli impianti di telefonia? Sono stati operati i dovuti controlli per il rilascio delle autorizzazioni? Sono previste altre installazioni nel Comune di Manfredonia?”, come chiesto a Stato da Franco, un residente del Comparto CA9. Nell’area anche i carabinieri di Manfredonia, contattati da alcuni residenti e operatori della Polizia municipale, che hanno proceduto per verificare la regolarità dell’installazione. A riguardo tutte le procedure previste sarebbero state rispettate in toto.

FOCUS IMPIANTO E REGOLAMENTO REGIONALE. Da raccolta dati, si tratta di un’antenna della Linkem, società che con la sua rete di proprietà promette di “portare internet veloce” direttamente nelle case dei cittadini “senza linea fissa, senza i limiti della chiavetta e anche dove non arrivano gli altri operatori (…) che utilizzano cavi sotterranei per portare la connessione internet”. Per il progetto in questione si fa dunque riferimento ad una rete di telecomunicazione a banda larga, altrimenti detto la “capacità della rete telefonica di consentire, oltre alle classiche comunicazioni in voce, anche una elevata velocità di trasmissione dei dati”. La tecnologia WIMAX rappresenta un sistema di radiocomunicazioni nella banda 3.4-3.6 (banda 3.5 Ghz) che consente di offrire all’utente servizi di accesso a larga banda alle reti, tramite collegamenti via radio senza fili (wireless) fra una singola stazione radio base localizzazione in una postazione fissa e determinata ed un numero di stazioni utente, fisse o mobili, collegate alla suddetta stazione base. A riguardo, da raccolta dati, potrebbero essere installate altre antenne del medesimo tipo a Manfredonia con funzione di “ponte” in considerazione delle basse emissioni degli impianti.

Da raccolta dati, l’intero comparto CA9 sarebbe al momento privo della linea fissa con un supermercato dell’area che non avrebbe ancora “aperto i battenti” proprio per la mancanza di rete. Per le autorizzazioni ed installazioni dell’antenna in costruzione nel Comparto CA9 si farebbe riferimento al regolamento regionale 14.09.2006 n.14 (Regolamento per l’applicazione della Legge regionale 8 marzo 2002 n. 5, recante “Norme transitorie per la tutela dell’inquinamento elettromagnetico prodotto da sistemi di telecomunicazioni e radiotelevisivi operanti nell’intervallo di frequenze tra 0Hz e 300GHz”). Un regolamento che per i microimpianti, come sarebbe quello della Linkem, prevede che “gli impianti con potenza in singola antenna inferiore o uguale a 5 Watt possono essere installati in base a DIA e con un preavviso non inferiore ai 30 giorni”. Ora l’ipotetico contratto sottoscritto dai condomini di Piazzale dei Navigatori avrebbe una durata di 6 anni, con DIA (denuncia di inizio attività, base per l’avvio dell’istruttoria) presentata dalla società Linkem al Comune di Manfredonia nel giugno del 2012. Stesso periodo nel quale la Linkem avrebbe presentato DIA al Comune anche per l’installazione di un’antenna in via delle Primule, con lavori attualmente “sospesi “a causa di divergenze di livello condominiale. Come stabilito dal citato regolamento regionale, la DIA deve essere corredata della documentazione prevista dalla legge con successiva trasmissione anche ad Arpa Puglia. L’operatore richiede ad Arpa Puglia il rilascio – ai sensi di legge – del certificato di conformità post-attivazione attestante il rispetto dei limiti applicati.

Come citato nel regolamento regionale, “data l’esigua potenza dell’impianto (con frequenza minore o uguale a 3GHZ o minore o uguale a 5 Watt, come nel caso dell’antenna alla quale si fa riferimento, prossima installazione in Piazzale dei Navigatori) non risulta essere necessario condurre una modellizzazione dei campi elettromagnetici in relazione alla configurazione radioelettrica denunciata, esclusa l’ipotesi in cui l’impianto venga ad inserirsi in area caratterizzata da valori di fondo superiori a 4,5 V/m per aree accessibili ad individui della popolazione per periodi di tempo pari o superiori a 4/5 ore/giorno”. Relativamente all’istruttoria parere tecnico preventivo, da citato regolamento regionale: “si tratta di richieste di installazione o variazione tratta in ponti radio ad alta frequenza. La questione – come scritto nel regolamento – data la natura del collegamento in ponte radio, ha scarso interesse radioprotezionistico.”

Il compito dell’Arpa Puglia? Prendere atto della DIA e verificare il rispetto della configurazione radioelettrica denunciata a seguito del ricevimento della comunicazione preventiva di attivazione dellì’impianto, obbligatoria per l’operatore”.

SABATO 1^ GIUGNO RIUNIONE RESIDENTI. EMERSA VOLONTA’ DI ACCESSO AGLI ATTI. NEI PROSSIMI GIORNI INCONTRO TRA ASSOCIAZIONE E REFERENTI STABILE. Lo scorso sabato 1 giugno si è svolta una riunione nei presso dello stabile dove è stata installata l’antenna della Linkem. Circa una trentina i presenti, compreso un referente dell’associazione Noi di Manfredonia. Dalla riunione, priva di tecnici, referenti del Comune o progettisti, la volontà di una petizione per l’accesso agli atti relativi al citato progetto base station WIMAX, ricordando l’inutilità della raccolta firme essendo possibile l’accesso agli atti da parte di tutti i cittadini. Nei prossimi giorni dovrebbe svolgersi un incontro tra referenti dello stabile del CA9, dove è stata installata l’antenna, e referenti dell’associazione Noi Manfredonia.

Come informa un lettore interessato alla vicenda, “la raccolta delle firme per l’accesso agli atti, oltre che per la motivazione indicata”, dovrebbero essere, a breve, utilizzate con il dovuto supporto legale, per i seguenti motivi:
1) Manifestare la prova documentale relativa al dissenso, riferito alla messa in funzione dell’antenna Wimax in Piazzale dei Navigatori, di un cospicuo numero di residenti al Sindaco;
2) Richiedere un incontro con il Sindaco e i Dirigenti dei rispettivi uffici “Tecnico” ed “Ambiente” del Comune di Manfredonia;
3) Richiedere un sopralluogo, dei tecnici del Comune, sul fabbricato dove è installata l’antenna, per verificare, oltre alla conformità dell’esecuzione dei lavori alla relativa D.I.A. presentata nel Giugno del 2012, la conformità al Permesso di Costruire e successive varianti dello stato dei luoghi, con particolare riferimento all’attico;
4) Richiedere l’intervento dei Tecnici del Genio Civile per verificare l’idoneità dei calcoli statici del fabbricato, già precedentemente depositati, per sostenere l’antenna;
5)Presentare degli esposti ai seguenti Enti: Prefettura; Ministero dell’Ambiente; Ministero della Sanità con relativa richiesta di parere del Consiglio Superiore della Sanità; ARPA (Agenzia Regionale Protezione Ambiente; Nucleo Operativo Ecologico (dei Carabinieri); Procura della Repubblica”.

Redazione Stato,defilippo@statoquotidiano.it

Antenna WIMAX nel CA9, associazione: rispettare tutte le procedure ultima modifica: 2013-06-04T17:08:37+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • giiuanumunicip

    Un regolamento che per i microimpianti, come sarebbe quello della Linkem, prevede che “gli impianti con potenza in singola antenna inferiore o uguale a 5 Watt possono essere installati in base a DIA e con un preavviso non inferiore ai 30 giorni”.
    Questo che hanno installata, grazie al metodo DIA è la prima di una lunga serie.———-e quindi ANTENNE A TUTTA BIRRA !!!!


  • narco

    si ma esiste anche un altra antenna nascosta da una canna fumaria in via tratturo del carmine , vicino al distributore di carburanti esso


  • fausto

    Spett.le Redazione, con riferimento alla Vs precisazione, riportata nell’ultimo capoverso dell’articolo sopra riproposto, riguardante il sottolineare l’inutilità della raccolta delle firme per l’accesso agli atti, Vi faccio presente che le firme oltre che per l’accesso agli atti saranno, a breve, utilizzate con il dovuto supporto legale, per i seguenti motivi:
    1) Manifestare la prova documentale relativa al dissenso, riferito alla messa in funzione dell’antenna Wimax in Piazzale dei Navigatori, di un cospicuo numero di residenti al Sindaco;
    2) Richiedere un incontro con il Sindaco e i Dirigenti dei rispettivi uffici “Tecnico” ed “Ambiente” del Comune di Manfredonia;
    3) Richiedere un sopralluogo, dei tecnici del Comune, sul fabbricato dove è installata l’antenna, per verificare, oltre alla conformità dell’esecuzione dei lavori alla relativa D.I.A. presentata nel Giugno del 2012, la conformità al Permesso di Costruire e successive varianti dello stato dei luoghi, con particolare riferimento all’attico;
    4) Richiedere l’intervento dei Tecnici del Genio Civile per verificare l’idoneità dei calcoli statici del fabbricato, già precedentemente depositati, per sostenere l’antenna;
    5)Presentare degli esposti ai seguenti Enti: Prefettura; Ministero dell’Ambiente; Ministero della Sanità con relativa richiesta di parere del Consiglio Superiore della Sanità; ARPA (Agenzia Regionale Protezione Ambiente; Nucleo Operativo Ecologico (dei Carabinieri); Procura della Repubblica.
    RingraziandoVi delle delucidazioni fornite ai lettori in materia di trasparenza degli atti amministrativi, consigliandoVi di approfondire la conoscenza della materia, l’occasione è gradita per porgeVi distinti saluti.
    Fausto.


  • matteo

    Per dindirindina! Ho appena letto l’articolo qui su Stato Quotidiano. Poi ho trovato conferma sull’albo pretorio online del Comune di Manfredonia! L’amministratore delegato della Linkem S.p.A., D.R.D., è stato denunciato alla Procura della Repubblica per abuso edilizio. L’abuso è riferito ai lavori per l’installazione dell’antenna in Via delle Primule. Chissà se —-


  • matteo

    SPETTABILE REDAZIONE SI POTREBBERO SAPERE NELLA FATTISPECIE LE CAUSE CHE HANNO INDOTTO L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE A DENUNCIARE L’AMMINISTRATORE DELLA LINKEM SPA ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA? RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE PER LA PROFICUA COLLABORAZIONE!


  • IL BELLO

    L’amministrazione si preoccupa di fare un’ordinanza per i circhi che hanno animali e non di regolamentare questa materia.


  • Yorayor

    Quella in via Tratturo del Carmine e’ un antenna di una nota compagnia telefonica (H3G). Ma sta li già da un po’ di anni e stato fatto anche casino ma comunque l’antenna (camuffata da canna fumaria ) sta ancora li! In quel condominio ci abita il proprietario di un famoso negozio di elettronica di Manfredonia ecco anche il perché l’antenna sta lì. Da notare anche in via Tratturo del Carmine dentro al distributore ESSO altra antenna di altra compagnia, ma il bello e che a 50 metri c,e’ un edificio scolastico!!!


  • Salvatore CLEMENTE

    Tanto per precisare, l’incontro avvenuto tra residenti lo scorso 1 giugno NON è stato indetto dall’associazione Noi Manfredonia.
    Per il momento, come associazione, non faremo la richiesta di accesso agli atti per verificare che tutto l’iter burocratico sia ok, onde evitare di duplicare lo sforzo dei residenti che sabato hanno raccolto le firme proprio con questo scopo.
    Con loro siamo in contatto e ci aggiorneremo ad ogni sviluppo per concordare eventuali azioni congiunte se emergono irregolarità.


  • Redazione

    La ringraziamo Fausto, noi eravamo a conoscenza – come da voi informato – del solo accesso agli atti; non possiamo prevedere le intenzioni altrui; non dobbiamo approfondire pertanto nulla; grazie, a disposizione; Red.Stato


  • Redazione

    Sono quelle che legge nel prospetto dell’albo pretorio, altro al momento non è stato reso noto, saluti; Red.Stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This