BATManfredonia

Sentenza Consiglio Stato su mercato Manfredonia, Codicom: perde il lavoro


Di:

Ambulanti, mercato settimanale (archivio)

Andria – UN risultato non eclatante né imprevedibile dopo l’analisi della precedente sentenza del Tar che già aveva respinto il ricorso degli ambulanti e delle loro associazioni di categoria delle Province di Bari e Bat.

Dopo una lunghissima attesa dalla discussione del ricorso al Consiglio di Stato, è stata pubblicata la sentenza che, in poche parole, afferma la correttezza delle procedure poste in essere dal comune di Manfredonia dal punto di vista burocratico, avendo espletato le fasi previste.

Una sentenza, a nostro avviso di natura “tecnica” che però non rende Giustizia alla Grande ed unica vittima di questa triste e lunga vicenda cioè “il Lavoro”, quello degli ambulanti, delle centinaia di ambulanti del mercato settimanale di Manfredonia, moltissimi dei quali, quasi la totalità, provenienti dalle Province di Bari e della Bat, privati di una giornata lavorativa il mercoledì e con l’ansia di dover scegliere quale mercato frequentare il martedì avendone più d’uno in contemporanea concessione.

La nostra speranza è che non si verifichi alcuna situazione incresciosa poiché abbiamo incontrato ambulanti interessati da questa vicenda in profondo stato depressivo e veramente angosciati ed è per questo che auspichiamo un positivo risvolto della questione in quanto ora che non esiste più la probabilità che quel ricorso potesse essere perso dal comune con eventuale diritto di risarcimento da parte dei ricorrenti, lo stesso comune, preso atto della “vittoria” potrebbe decidere di fare un passo indietro in modo autonomo ed indipendente cioè riportando il mercato al tradizionale giorno del mercoledì anche perché al di la di qualsiasi sentenza, bisogna ammettere che l’esperimento non è riuscito e che quella scelta rimane unilaterale, non condivisa e, anche a nostro avviso, sbagliata.

Sorvoliamo sugli aspetti normativi di tutta la vicenda altrimenti dovremmo parlare della legge madre cioè il Decreto Bersani che nulla ha previsto nel merito della possibilità di modifica della giornata di svolgimento di mercato essendosi concentrato unicamente sulla possibilità offerta a larga manica agli ipermercati di poter invadere indiscriminatamente il territorio nazionale e sulla istituzione di società parallele ad alcune associazioni di categoria che fanno man bassa di finanziamenti pubblici dei comuni, delle regioni e delle camere di commercio e della legge della Regione Puglia che ha lasciato in tal senso molti dubbi interpretativi mentre si sarebbe dovuto prendere esempio dalle leggi emanate da altre regioni italiane, come la Basilicata, laddove l’art. 37, comma 1, recita: “al fine di salvaguardare il diritto acquisito dagli operatori concessionari di posteggio alla giornata lavorativa, è fatto divieto di spostare in altro giorno il mercato”.

Ma questa è l’Italia delle diverse velocità e delle diverse vedute, in barba ai diritti e alla dignità delle persone e dei lavoratori.

(Nota a cura CO.DI.COM. – Puglia)

Sentenza Consiglio Stato su mercato Manfredonia, Codicom: perde il lavoro ultima modifica: 2013-06-04T09:00:16+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • Pippo da Canosa

    Che altro aggiungere a questa splendida analisi? Sindaco ascolta e segui il consiglio.


  • Vito

    I consumatori preferiscono il mercoledì


  • giovanni

    Cosa dire?Meglio favorire chi ha già molto e non la popolazione!


  • francesco

    sindaco e consiglieri comunali se avete un cuore sereno fateci tornare di mercoledi ormai le vostre soddisfazioni ve le siete tolte


  • ceunsolocapitano

    martedi ho mercoledi x me cittadino sinceramente non mi cambia nulla ma al comune che ha spostato il giorno che vantaggio ha portato?x danneggiare cosi i commercianti fino ha questo scontro frontale


  • Nicola di Andria

    MA FORSE QUALCUNO PENSAVA CHE POTESSERO AVERE RAGIONE I POVERI LAVORATORI AMBULANTI? AIH LA POLITICA, —-POLITICA —– DAPPERTUTTO.
    ASPETTA E SPERA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This