Foggia

Rivoluzione PRC: “Prima del lavoro, offriamo il servizio”


Di:

Il sindaco di Foggia Gianni Mongelli (ph: Michele Sepalone)

Foggia – “A 3 anni dall’inizio del mandato siamo nel pieno di una crisi di credibilità nella cittadinanza, con un indice di gradimento ai minimi storici anche in seguito al fallimento della società partecipata AMICA . E’ questo il momento per fissare dei punti di programma che, con il rilancio dell’azione di governo e amministrativa della città, permettano di superare la situazione di crisi economica e sociale che porta la nostra città sempre in fondo alle classifiche italiane della vivibilità”. Lo dice in una nota il Partito della Rifondazione comunista circolo Che Guevara di Foggia.

“In tutte le società di servizio gestite direttamente dal comune (ATAF, AMICA, Foggia Servizi), da cooperative (servizi per la cura e manutenzione del verde) o da privati (servizio di manutenzione dell’illuminazione pubblica), si evidenzia una gestione più propensa a distribuire posti di lavoro che a erogare i servizi. Se il fallimento di AMICA è dovuto al peso del costo del personale, pari al 75% del contratto di servizio, non migliore è la situazione per Foggia Servizi, 62 persone ora in cassa integrazione a 0 ore, società ora senza futuro per mancanza di commesse. Sorte analoga è toccata alle cooperative del verde che, a fronte di un servizio scadente, impiegavano un numero di persone superiore a più del doppio del necessario, con una spesa eccessiva, a carico del comune, della stessa dimensione. Per lo stesso motivo, esubero di personale da pagare, vanno deserte le gare per l’assegnazione del servizio di manutenzione dell’illuminazione pubblica”.

Per Rifondazione “e’ un’evidenza storica che il comune di Foggia ha pensato più a distribuire posti di lavoro che a erogare i servizi alla comunità, una mission sicuramente nobile in un mezzogiorno d’Italia segnato dalla piaga della disoccupazione, che costringe i nostri giovani all’emigrazione spopolando il territorio. La popolazione di Foggia si è ridotta a 152.000 abitanti da 160.000 del 2001 nonostante la popolazione immigrata da paesi esteri sia aumentata di 15.000 unità.

“E’ evidente la necessità di riportare le aziende di servizio a una normalità che riporti il personale entro i livelli fisiologici della buona gestione pubblica dei beni comuni riportando nell’ambito sei servizi sociali l’erogazione degli ammortizzatori sociali necessari a calmierare l’emergenza sociale della disoccupazione. Ad esempio portiamo gli operatori della sosta passati dalle cooperative dei posteggiatori a ATAF, personale che non è possibile impiegare in mansioni di riscossione o controllo della sosta perché costituisce la parte dei dipendenti delle cooperative che costituiva il fine sociale delle cooperative: il reinserimento sociale degli ex detenuti. La continuità del programma sociale non può essere posta tra i costi dell’azienda per la mobilità sostenibile (ATAF), non è socialmente utile al reinserimento sociale dei cittadini e costituisce oggetto di malumore nella popolazione. La tutela di questi lavoratori deve essere posta a carico dei servizi sociali che devono elaborare piani per il reinserimento sociale degli ex detenuti. A questo progetto può essere destinato anche una parte degli utili di gestione delle aziende partecipate risanate“.

Efficienza organizzativa dell’amministrazione comunale. Per risanare l’amministrazione comunale senza aumentare la disoccupazione, bisogna porsi l’obiettivo primario della riorganizzazione della gestione dei servizi comunali, sia di quelli gestiti direttamente dal comune, che da quelli erogati dalle società partecipate o appaltati a terzi. L’innovazione tecnologica e la riorganizzazione del personale devono essere perseguite implementando la tracciabilità e la qualità dei servizi erogati. Ogni atto deve avere un responsabile e tempi certi per il suo svolgimento nella trasparenza e tracciabilità. Tutta l’amministrazione comunale deve procedere verso la certificazione dei servizi nello spirito delle norme UNI EN ISO 9001 (indicativamente con codice merceologico 36 e EA 39per servizi di pubblica utilità specifici come servizio per la raccolta dei rifiuti, servizi sociali, gestione illuminazione pubblica, ecc.).

Riorganizzazione dei servizi pubblici. Dopo la sentenza della Corte Costituzionale sui servizi pubblici locali che ha riconosciuto la validità del responso referendario contro la privatizzazione dei servizi pubblici locali, riteniamo superata e improponibile la vendita a soggetti privati della società che gestisce il trasporto pubblico integrato e promuove la mobilità sostenibile, ATAF Spa. Il completamento del piano per la mobilità sostenibile con l’avvio dei parcheggi di scambio auto-bus urbano (park and ride), la differenziazione della tariffa di sosta tra zone centrali e periferiche sono la condizione per poter avviare il progetto treno-tram (in altre realtà chiamato metrò di superficie) e ridurre l’impatto ambientale derivante dalla circolazione urbana delle autovetture private.

La riorganizzazione della raccolta differenziata dei rifiuti deve passare attraverso la creazione di una società partecipata a capitale e gestione pubblica che si prefigga il rapido raggiungimento del 65% di raccolta differenziata con l’avvio della raccolta “porta a porta” per evitare aumenti del costo di smaltimento dei rifiuti che peseranno sui cittadini. La proprietà e la gestione diretta della discarica e dell’impianto di biostabilizzazione è garanzia di trasparenza e uso degli impianti nel rispetto delle norme ambientali. In questi impianti pubblici deve essere implementato il ciclo di compostaggio della frazione umida dei rifiuti e l’avvio al recupero della raccolta differenziata.

Il processo di valorizzazione e riorganizzazione della partecipata Foggia Servizi, che può avvenire anche con lo scioglimento della stessa e la creazione di una nuova società, permette di “reinternalizzare” i servizi appaltati a soggetti esterni quali la cura e manutenzione del verde, la gestione e manutenzione della pubblica illuminazione e i servizi necessari alla pulizia e manutenzione delle scuole e dei locali comunali in genere.

Particolare attenzione, e urgenza, va posta nella riorganizzazione degli uffici che si occupano dei “lavori pubblici” che devono provvedere ad alleviare e risolvere la situazione disastrosa del manto stradale, pieno di buche, che ha bisogno di programmi pluriennali per la sua manutenzione evitando il ricorso alla formula della somma urgenza per l’affidamento dei lavori”.

Rivoluzione PRC: “Prima del lavoro, offriamo il servizio” ultima modifica: 2012-08-04T12:01:52+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

  • Egregi Signori, Vi ringraziamo per la Vs. apanpsioasta e sollecita segnalazione, gie0 da tempo ci eravamo accorti della cosa e avevamo provveduto immediatamente alla correzione dell’errore tanto e8 vero che nelle FAQ dei Fondi, sezione blu, e8 presente la stessa domanda con una risposta ben diversa. Puf2 capitare a chiunque di eseguire un aggiornamento di contenuti e pubblicare una vecchia copia di una pagina, comunque adesso abbiamo ripristinato la pagina corretta. Per quanto riguarda le Vs. affermazioni possiamo solo dire che il Ns. sito fa parte di quei due terzi dei server web che girano su Apache forse non ve ne eravate accorti. Inoltre buona parte dei Ns. server interni sono gie0 da tempo migrati su piattaforma Open source su cui stiamo concetrando molte risorse e investimenti non per partito preso ma per una attenta valutazione dei costi e benefici. Cordiali Saluti, Grifogest SPA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This