Edizione n° 5172

BALLON D'ESSAI

VELENO // Noemi Bocchi risponde a Ilary Blasi “Unica”: “Cose che non valgono niente”
1 Dicembre 2023 - ore  17:52

CALEMBOUR

GOSSIP // “La tengo como todas”! Elodie cita Laura Pausini sul vestito troppo corto
2 Dicembre 2023 - ore  09:45
/ Edizione n° 5172

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

“Affaire Mezzanone”: ecco perché “l’odore dei soldi”

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
4 Ottobre 2023
Manfredonia //

Manfredonia – “Mentre il Sindaco Rotice continua a menare “il can per l’aia”, come ha fatto nell’ultimo Consiglio Comunale, con calunnie gratuite rivolte ad altri e attribuendosi meriti indimostrabili, noi gli chiediamo, ancora una volta, di chiarire pubblicamente perchè ha approvato frettolosamente in giunta una delibera per un “Accordo di collaborazione tra il Comune di Manfredonia e il Consorzio per l’area di sviluppo industriale di Foggia (ASI)”, votata solo da quattro assessori su sette, che ha dato inizio alla grave crisi politica di questa amministrazione, e che avrebbe voluto far passare inosservata.

Città Protagonista ha contestato subito tale scelta con una serie di interrogativi a cui un serio amministratore deve rispondere, senza girarci attorno, se vuole fugare ogni incertezza interpretativa”.

Lo dicono i referenti di Città Protagonista in un articolo odierno.

“Facciamo notare, anche agli organi di controllo preposti, che questa anomala Delibera di Giunta è successiva e in contrasto con quanto concordato il 05/04/2023, presso la Prefettura di Foggia dove si è condiviso di addivenire ad un accordo di collaborazione tra Regione Puglia, Comune di Manfredonia e Comune di Foggia, con l’assistenza del Politecnico di Bari, per il superamento degli interventi abusivi a Borgo Mezzanone, e in altri borghi del nostro territorio, molto più stringente e preciso e dalle innumerevoli ricadute economiche e sociali”.

“Da parte sua il protocollo d’intesa con ASI Foggia, all’art. 1, ha le identiche finalità dell’Accordo con la Regione Puglia, mentre al successivo comma b dell’art.2 prevede: “eventuale delega per la realizzazione di urbanizzazioni relative ad aree attrezzate per insediamenti produttivi, nonchè delle infrastrutture e delle opere per il loro allacciamento ai pubblici servizi…”.

Perchè mai il Comune di Manfredonia, destinatario delle risorse, in un momento difficile della sua vita amministrativa e politica, mentre gli attori economici del Sistema Italia ritengono fondamentale facilitare la partecipazione degli Enti Locali al mercato del lavoro, invece di attivare un processo di decisione collettiva con tutti i soggetti pubblici coinvolti, come concordato in Prefettura e come stabilito anche nell’accordo con il Ministero e la Regione Puglia, ritiene di poter delegare ad altri, al di fuori del tavolo istituzionale costituito, opere e servizi decisivi per lo sviluppo del nostro territorio, in grave crisi sociale ed economica (54 milioni di euro)?.

Libero Palumbo: "Questa la verità sulle mie dimissioni. Sindaco Rotice? Non mangerà il panettone"
Libero Palumbo

Non sarebbe più naturale che un Comune come il nostro, insieme a tutte le istituzioni rappresentate al “Tavolo Capitanata” diventi punto di riferimento di nuove politiche per il lavoro, esempio di inclusione sociale e catalizzatore di altre eventuali risorse possano rendersi disponibili (150 milioni di euro per un polo attrattivo agroalimentare), come ci informa lo stesso Sindaco-Imprenditore.

Non sarebbe utile coinvolgere le forze intellettuali, economiche, professionali, sociali dell’intero territorio utilizzando ogni risorsa a disposizione del nostro Comune, sotto il controllo pubblico, per risollevare finalmente le sorti della città e delle sue numerose borgate, spesso richiamate a sproposito poi abbandonate al loro destino di sottosviluppo e di sfruttamento quando è il momento di diventare protagoniste del proprio futuro?

Non sarebbe più utile coinvolgere tutte le forze imprenditoriali, nessuna esclusa, su obiettivi validi e ben definiti, come la realizzazione di un distretto produttivo legato alla trasformazione dei prodotti agricoli rassicurando tutti gli enti coinvolti, a partire dallo stesso Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, del convinto impegno del Comune a svolgere un ruolo di soggetto attuatore garante degli interessi pubblici?

Chiediamo alle forze sane del nostro territorio, a cui spesso, a sproposito, si rivolge il Sindaco-Imprenditore, alle forze politiche della città ed ai movimenti civici di sostenere pubblicamente la nostra richiesta di eliminare il comma b dell’art. 2 dell’Accordo di collaborazione con ASI Foggia, per evitare quella deriva politico-economica avviata da tempo a cui molti avevano creduto di poter mettere fine.

CITTA’ PROTAGONISTA

1 commento su "“Affaire Mezzanone”: ecco perché “l’odore dei soldi”"

  1. “Città protagonista”. Chica sùte e quande ne sùte e a chica appartenùte? M’arrecorde ai timbe d l’Enichemme. Quatte crestiene, cinghe associazziùne. C vonne i nnómmere e a chiazze!

Lascia un commento

“L’atteggiamento di fondo della mia vita è stata la passione. Per realizzare i miei sogni ho agito sempre spinto solo dalla passione." (Roberto Baggio)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.