Capitanata

FISM: a rischio fondi europei per asilo nido a Cerignola


Di:

Il sindaco di Cerignola Antonio Giannatempo (STATO@)

Cerignola – VIENE dal Comune di Cerignola – in provincia di Foggia – uno degli ultimi infelici esempi di incapacità nella gestione delle risorse provenienti dall’Unione Europea e destinate ai servizi sociali per i cittadini. A causa di alcune (presunte,ndr) inadempienze dell’Ufficio di Piano dell’amministrazione guidata dal Sindaco Antonio Giannatempo, si rischia di restituire alla Regione Puglia delle importanti risorse provenienti dai “Fondi FESR 2007/13”, destinati ai buoni servizi di conciliazione a favore delle famiglie dell’Ambito Territoriale di Cerignola per l’accesso alle strutture educative della prima infanzia come asili nido e sezioni primavera.

I Buoni Servizi di Conciliazione sono stati istituiti dalla Regione attraverso la Determinazione del Dirigente del Servizio alle Politiche per il Benessere Sociale e le Pari Opportunità numero 1425 del 17 dicembre 2012. Essi si inseriscono nell’insieme degli interventi atti a sostenere la genitorialità e favorire la conciliazione dei tempi vita-lavoro. Attraverso i Buoni Servizi di Conciliazione, i genitori pugliesi e le strutture educative possono ottenere dei fondi di natura economica destinati a coprire parte della retta mensile del servizio di asilo nido. Si tratta di una risorsa capace di creare inoltre servizi di qualità e buona occupazione per risollevare almeno in parte la situazione economica di questi territori colpiti dalla crisi economica.

In tutti i comuni della Capitanata, le famiglie dei bambini che frequentano gli asili nido e le sezioni “primavera” hanno già consegnato le domande per ottenere tale riconoscimento che, invece, è negato per colpe dell’ente comunale di Cerignola ai genitori di Cerignola ma anche alle famiglie dei paesi appartenenti all’ambito.

Al fine di denunciare questa grave situazione, la sezione provinciale della Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) – che rappresenta le strutture nel territorio dauno – minaccia delle dure e severe forme di protesta nei confronti del Comune amministrato dal Sindaco Giannatempo. A breve, infatti negli asili nido e nelle sezioni primavera di Cerignola e dei comuni limitrofi partirà una raccolta firme per chiedere il sostegno dei cittadini nella lotta a questa ennesima inefficienza che penalizza un territorio già povero di risorse.

“Si tratta di un ulteriore esempio di cattiva Amministrazione – dichiara Fabio Daniele, Presidente della FISM Foggia – una vergogna che ha privato le famiglie e le strutture di fondi utilissimi in questo già difficile contesto economico che stiamo vivendo. Oltre alle famiglie di Cerignola, a subire questo ingiusto danno saranno anche i cittadini dei comuni vicini che ricadono sotto l’influenza dell’Ufficio di Piano di Cerignola. Per il welfare delle famiglie e per garantire un futuro a tutto il personale degli asili ci batteremo per ottenere giustizia contro l’incapacità degli amministratori locali accertando le responsabilità ai danni subiti verificando, con il nostro ufficio legale, la possibilità di attivare le autorità giudiziarie”.

Redazione Stato

FISM: a rischio fondi europei per asilo nido a Cerignola ultima modifica: 2013-11-04T16:24:51+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This