Manfredonia

Manfredonia, i bambini della Colonia Fascista (anni ’30)


Di:

"Marina Fascista", bambini con insegnanti (cc@)

Manfredonia – ANNI ’30: epoca della polvere e della terra bianca, dei capelli rasati a zero, della scarsa igiene, quando i pidocchi colpivano i bambini e non solo, quando la pulizia del corpo scarseggiava in ogni parte d’Italia. La rasatura quale antidoto contro i piccoli parassiti.

I bambini della “Colonia Fascista“ venivano messi tutti in fila e sorvegliati dagli insegnanti a vista. Alle loro spalle Macchia e Monte Sant’Angelo. I bambini si guardavano negli occhi, le braccia sulle ginocchia, sguardi un po’ malinconici, sotto il naso degli insegnanti vestiti fuori l’uscio della “cabina fascista”.

(A cura di Claudio CastriottaRedazione Stato)

Manfredonia, i bambini della Colonia Fascista (anni ’30) ultima modifica: 2013-11-04T18:54:13+00:00 da Claudio Castriotta



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Mario

    sulle ginocchia…non sui ginocchi— almeno in italiano NDL (nota del lettore)


  • Redazione

    Le nostre scuse, la responsabilità è della direzione, che cura la revisione del testo; grazie per l’intervento; Red.Stato


  • Respighi

    Voglio solo dirvi che e’ italiano toscano: sui ginocchi,per Mario hai fatto una buona scoperta complimenti.


  • Mario

    Claudio o Respighi:
    Complimenti a te che usi l’italiano a tuo piacimento…fantasioso e sempre pronto a cadere in piedi..anche quando si potrebbe sorridere, in fin dei conti è un errore…di nuovo BRAVO…
    p.s.
    non bisogna necessariamente saper fare ciò che non si sà fare
    P.P.S.
    non ti offendere però

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This