FoggiaManfredonia
Nota stampa

Bollette dell’energia elettrica in Puglia: a Brindisi le più care

Nell'analisi sono stati presentati i consumi di energia medi che gli utenti di SosTariffe.it hanno indicato per ognuna delle città della Puglia nel 2014 e nel 2015


Di:

Bari. Quanto ammonta la bolletta per l’energia consumata in Puglia? A rivelarlo un’indagine di SosTariffe.it che ha analizzato consumi e costi della regione pugliese stimando il prezzo della bolletta annua della luce. Secondo l’osservatorio Brindisi è la città con i consumi più alti, ovvero 3406 kWh annui (-7% dal 2014) che corrispondono a 752 euro di spesa annua. Tuttavia con alcuni suggerimenti proposti da SosTariffe.it i costi possono essere tagliati in Puglia del 42%, ovvero 285 euro l’anno.

Nei periodi autunnali e invernali i consumi di energia elettrica subiscono un incremento, gonfiando la bolletta della luce. Quali sono i fattori che incidono maggiormente sul costo finale dell’energia? Quali gli accorgimenti migliori per ridurre le spese? Sapere a quanto ammontano i costi per l’energia e dove agire per ridurli è utile per non ritrovarsi con un salasso in bolletta.
Per quanto riguarda la Puglia, SosTariffe.it ha cercato di stimare i consumi medi di energia elettrica in ogni città della regione, la variazione rispetto ai consumi del 2014 e i costi finali che gli utenti si ritroveranno in bolletta a fine anno per il 2015. I dati dello studio di SosTariffe.it sono riassunti nella tabella.

Nell’analisi sono stati presentati i consumi di energia medi che gli utenti di SosTariffe.it hanno indicato per ognuna delle città della Puglia nel 2014 e nel 2015. Per quest’ultima annualità è stato calcolato l’importo totale che l’utente finale pagherà nell’anno per soddisfare il fabbisogno di energia indicato. La percentuale indica la variazione di consumi riscontrata nel 2015 rispetto al 2014. Dallo studio si evince che i consumi medi di energia nel 2015 in Puglia sono rimasti pressoché identici dal 2014 con una diminuzione di circa il 3%. Nel 2015 in regione si consumano in media circa 3202 kWh annui a nucleo familiare, contro i 3312 kWh dell’anno scorso. Secondo questa stima, dunque, nel 2015 si spenderanno in media quasi 685 euro per l’energia. A Barletta SosTariffe.it rileva l’aumento più alto dei consumi in regione (+8%). Oggi in questa località si consumano circa 3202 kWh contro i 2955 kWh del 2014. Tuttavia i consumi medi più alti SosTariffe.it li registra a Brindisi che, nonostante il calo del 7% rispetto al 2014, detiene anche per quest’anno il primato come città pugliese con il maggior dispendio di energia. Qui, infatti, si arrivano a consumare in media 3406 kWh annui di energia per un costo finale di oltre 752 euro in bolletta.

Andria è, invece, la località della Puglia più risparmiosa dato che in questa realtà SosTariffe.it segnala sia il calo maggiore di consumi dall’anno scorso che il consumo medio minore in regione. Dal 2014, infatti, la diminuzione è stata del 10% e oggi ad Andria si consumano circa 2977 kWh annui per una spesa di quasi 603 euro in bolletta, circa 150 euro in meno che Brindisi.
In generale, in quasi tutte le città pugliesi, si riscontra una diminuzione dei consumi medi, dato che indica una cultura del risparmio energetico maggiore che in altre regioni. A pesare maggiormente sui prezzi dell’energia elettrica ci sono alcuni cattivi comportamenti individuati da SosTariffe.it durante la propria indagine. Queste abitudini possono essere tuttavia sostituite con alcuni consigli che il sito di comparazione propone per poter contenere le spese, che vengono riassunti nella seguente tabella. Rimanere nel mercato tutelato (circa il 75% delle famiglie italiane infatti ha all’attivo la tariffa di maggior tutela imposta dall’AEEGSI) e usare male l’energia concentrando i consumi di giorno pesa per circa il 12% sulle bollette in Puglia. Secondo SosTariffe.it confrontare le tariffe per l’energia elettrica, sottoscrivere la più economica e spostare per l’80% di questi nelle fasce orarie più convenienti (di notte, nei fine settimana e giorni festivi) comporta un risparmio in questa regione di 85 euro l’anno ovvero il 12% della bolletta dell’energia.

Quello che tuttavia incide maggiormente sulle bollette è, di certo, utilizzare male alcuni elettrodomestici. SosTariffe.it ha calcolato anche il peso degli apparecchi più utilizzati sul totale dei consumi medi in Puglia.

Il risultato è espresso nella tabella.
Nello studio sono stati analizzati i consumi degli apparecchi più diffusi e stillata una lista di buoni consigli da seguire per risparmiare:
• lavatrice: lavare a 60° o temperature più alte comporta un sovrapprezzo in bolletta di circa il 10%. Questo accade perché circa il 90% dell’energia elettrica utilizzata dalla lavatrice serve a riscaldare l’acqua. I consigli individuati sono quelli di lavare il più possibile a 40° oppure utilizzare pannelli solari per scaldare l’acqua. Queste due soluzioni permettono un risparmio in Puglia di circa 45 euro all’anno ovvero il 58% dei consumi utilizzati per la lavatrice;
• lavastoviglie: anche l’utilizzo di questo elettrodomestico incide per circa il 10% sui consumi a causa del riscaldamento dell’acqua necessaria al funzionamento. Scegliere un modello che possa caricare direttamente l’acqua calda dalla rete permette un risparmio di 26 euro, ovvero il 35% dei consumi della lavastoviglie;
• frigorifero: il frigorifero, anche se può non sembrare, incide per il 9% su consumi e costo bolletta annuo. Questo accade perché per spendere di meno spesso si scelgono modelli con classe energetica bassa. Optando per un frigorifero in classe A++, invece, si possono risparmiare circa 41 euro ovvero il 58% dei consumi annui per il frigorifero;
• illuminazione: è una delle voci di costo più variabili. Illuminare casa con 10 lampadine a basso consumo incide per circa l’8% dei consumi. Il consiglio più efficace in questo caso è passare a lampade a LED, risparmiando circa 44 euro, ovvero il 73% dei consumi per l’illuminazione;
• ferro da stiro: ha un consumo piuttosto elevato e pesa per circa il 6% dei consumi. L’unico modo per risparmiare è ridurre l’utilizzo del 50%, grazie ad alcuni accorgimenti: stendere bene il bucato per ridurre le pieghe, non lasciare il ferro acceso inutilmente, accumulare più capi e stirarli insieme per ridurre l’utilizzo, cominciare dalle cose da stirare a freddo mentre il ferro si scalda e poi passare a quelle ad alta temperatura e infine, staccare il ferro di stiro mentre si finisce con le ultime robe, stirando a bassa temperatura mentre l’apparecchio si raffredda. In questo modo si possono risparmiare circa 23 euro;
• asciugatrice in classe B: comporta il 5% dei consumi, ma scegliere un apparecchio di classe superiore può permettere un risparmio di oltre il 60% (in Puglia circa 21 euro annui). Anche il modello a pompa di calore evita la dispersione di aria calda riducendo il consumo energetico fino al 50% rispetto alla classe A.

I dati sono stati estrapolati da SosTariffe.it grazie allo strumento di comparazione dell’energia elettrica che permette sia di individuare il proprio consumo annuo di luce che di confrontare i prezzi delle offerte dei principali fornitori di energia attivi in Italia: http://www.sostariffe.it/energia-elettrica/.

Bollette dell’energia elettrica in Puglia: a Brindisi le più care ultima modifica: 2015-11-04T13:40:47+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • svolta

    Ed hanno la centrale elettrica in casa…. e come dire che ci mettono l’Energas in casa e ci fanno pagare il gas più caro che in altre parti….
    Quanti paradossi che si verificano in questa povera Italia… dove non dobbiamo dimenticare una siringa, magari uguale, al nord costa meno che al sud ed/o viceversa…. e tante altre discrepanze….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This