Edizione n° 5400

BALLON D'ESSAI

ANTIFASCISTE // Cerignola, il 25 luglio la “Pastasciutta antifascista” su Terra Aut
17 Luglio 2024 - ore  13:55

CALEMBOUR

TASK FORCE // Le ricerche di Antonio Draicchio, dopo 7 giorni, sono state interrotte come da prassi di legge
17 Luglio 2024 - ore  14:39

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

“Uccise la compagna incinta”: chiesto l’immediato per Alessandro Impagnatiello

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
4 Novembre 2023
Attualità // Stato prima //

MILANO – La procura di Milano ha chiesto di processare con il rito immediato Alessandro Impagnatiello, 30 anni, accusato di omicidio pluriaggravato, soppressione di cadavere e interruzione di gravidanza non consensuale della compagna 29enne Giulia Tramontano, assassinata, mentre era incinta di sette mesi, lo scorso 27 maggio nell’appartamento in via Novella a Senago.

L’istanza, firmata dalla pm Alessia Menegazzo e dalla procuratrice aggiunta Letizia Mannella, dovrà essere vagliata dalla gip Angela Minerva. Secondo quanto emerso dal’autopsia, disposta a suo tempo dalla procura, da mesi Impagnatiello cercava di avvelenare la compagna.

La prova sarebbe nelle tracce del principio del veleno per topi, il Bromadiolone, rinvenute nel sangue di Giulia e nei capelli del feto. Dalle analisi non era stato però possibile rilevare se la somministrazione fosse avvenuta per un periodo più ampio di tempo con piccole dosi o in un’unica volta con un elevato quantitativo.

Fonte: affariitaliani

I carabinieri della squadra omicidi del nucleo investigativo di Milano hanno sempre privilegiato la prima ipotesi. Dalle indagini è emerso, infatti, ai primi di gennaio Impagnatiello avesse fatto delle ricerche in Internet sugli effetti e i dosaggi del topicida per uccidere una persona.

Giulia Tramontano morì dissanguata per le 37 coltellate inferte dal compagno, aveva stabilito ancora l’autopsia. “C’è la massima infiltrazione emorragica delle ferite di significato certamente vitale”, avevano scritto i medici legali nella relazione depositata alla procura. Una definizione scientifica che significa che la ragazza è deceduta solo dopo aver ricevuto l’ultima delle 37 coltellate.

Impagnatiello avrebbe colpita la ragazza con un coltello preso dalla cucina sul viso, nell’area del collo e del torace. L’esame del corpo della vittima non ha evidenziato nessuna lesione sulle mani e gli avambracci compatibili con un tentativo di reazione. La causa della morte di Thiago è stata direttamente conseguenza della morte della madre.

Lo riporta l’agenzia Agi.

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.