Interessati dall'esecuzione di una recente ordinanza di custodia cautelare

Gargano. “Stirpe criminale”, partono gli interrogatori di garanzia


Di:

Foggia, 04 dicembre 2018. Partiranno da domani, 5 dicembre 2018, nel carcere (per un gruppo di indagati) e nel Tribunale (per un altro) di Foggia , gli interrogatori di garanzia a carico di Francesco Pio Pacilli, classe 96’, Libero Caputo, classe 77’, Matteo Caputo, classe 98’, Salvatore Pacillo, classe 63’, Ciro Pacillo, classe 97’, Valentino Conoscitore, classe 72’, interessati da una recente ordinanza di custodia cautelare – emessa dal G.I.P. di Bari su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari ed eseguita dagli agenti della Polizia di Stato del Servizio Centrale Operativo, delle Squadre Mobili di Foggia, Bari e del Commissariato di P.S. di Manfredonia – poichè “ritenuti a vario titoli partecipi dell’organizzazione criminale operante a Manfredonia e capeggiata da Francesco Pio Pacilli, figlio del noto Giuseppe Pacilli, detto “Peppe u muuntaner”, elemento di spicco dell’organizzazione nota come “clan Li Bergolis”, catturato dalla Squadra Mobile di Foggia nel maggio 2011 a seguito di un periodo di latitanza di anni due e condannato per i reati di cui all’art. 416 bis, c.p.”.

Come anticipato, con lo stesso “provvedimento cautelare il G.I.P. ha disposto la misura degli arresti domiciliari a carico di Antonio Guerra, classe 80’, e la misura dell’obbligo di dimora a Manfredonia nei confronti di Raffaele Quitadamo, classe 96’, sodali intranei alla medesima organizzazione criminale, dediti, a vario titolo, all’approvvigionamento ed alla gestione dello spaccio al dettaglio dello stupefacente nella città di Manfredonia”.

ph rec24.it

esterno tribunale di Foggia – ph rec24.it

 

Il provvedimento del Gip
Il provvedimento cautelare del G.I.P. presso il Tribunale di Bari dott. Marco Galesi, che conferma in toto l’impostazione accusatoria rappresentata con riguardo all’intero gruppo criminale, ha portato alla disarticolazione della consorteria criminale che aveva di fatto monopolizzato lo smercio dell’hashish nella cittadina garganica, stroncandone il fiorente traffico.

Gli interrogatori di garanzia

Il 5 dicembre 2018 alle ore 9 in carcere a Foggia sono fissati gli interrogatori di garanzia a carico di Francesco Pio Pacilli, classe 96’ (attualmente detenuto, difeso dall’avvocato Pietro Schiavone), Libero Caputo, classe 77’ (attualmente detenuto, difeso dall’avvocato Vincenzo Di Staso), Matteo Caputo, classe 98’ (attualmente detenuto, difeso dall’avvocato Pietro Schiavone), Salvatore Pacillo, classe 63’ (attualmente detenuto, difeso dall’avvocato Lorenzo Troiano), Ciro Pacillo, classe 97’ (attualmente detenuto, difeso dall’avvocato Vincenzo Di Staso), Valentino Conoscitore, classe 72’ (attualmente detenuto, difeso dall’avvocato Gabriele Esposto).

Il 6 dicembre 2018, alle ore 12, presso l’aula del Gip del Palazzo di Giustizia, fissati gli interrogatori di Antonio Guerra e Raffaele Quitadamo.

Redazione StatoQuotidiano.it – Riproduzione riservata

Gargano. “Stirpe criminale”, partono gli interrogatori di garanzia ultima modifica: 2018-12-04T19:59:11+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti

  • SPERO CHE LA GIUSTIZIA FACCIA IL SUO CORSO IL GUAIO CHE ANNO PURE GLI AVVOCATI DIFENSORI DICO NON BASTA CHE LA POLIZIA GLI HA ARRESTATI DEVONO ESSERE PURE DIFESI. SPERO CHE RIMANGONO IN CARCERE PIU’ A LUNGO POSSIBILE XERCHE’ UNA VOLTA FUORI DAL CARCERE STIAMO DI NUOVO PUNTO E PARTENZA


  • kalip

    caro anonimo si parla parla parla ma questi sono i risultati ..
    con questa politica distruttiva che abbiamo questo e quello che raccogliamo..
    delinquenza


  • cittadino

    Questo è il “NUOVO”….. arrivato in tutti i sensi….., grazie.
    Quanti bliz….e quanti pesci nella rete…..grandi e piccoli.


  • Andre

    Bisogna attenzionare il consiglio comunale anche. Troppe cose strane e favori poco chiari a certe persone, vedi la decisione di portare il capolinea bus in centro contro ogni logica e contro il parere dei veri pendolari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This