Cronaca
A cura di Pasquale Episcopo

La stele federiciana che anche Foggia potrebbe avere


Di:

Imparare ad amare la propria città, la sua identità, le sue eccellenze, standone lontano. È quanto è successo a Pasquale Episcopo. Foggiano, ingegnere, ufficiale dell’Aeronautica in pensione, vive da qualche anno in Germania. Ha lasciato la sua città natale giovanissimo, quando si è trasferito a Pozzuoli per frequentare l’accademia militare. Poi i casi della vita lo hanno portato addirittura lontano dall’Italia. In Germania, dove si è ambientato molto bene e dove ha scoperto i profondi legami che uniscono Foggia a quella terra. Nel nome e nel segno di Federico II, l’imperatore svevo che elesse Foggia a sua dimora preferita e a città imperiale.

Giornalista e insegnante, da qualche anno, Episcopo sta studiando ed approfondendo la vita e le opere del grande Imperatore e il suo rapporto con Foggia e la Capitanata.

Su questo argomento, lo studioso terrà un workshop al Liceo Linguistico Poerio di Foggia domani 5 dicembre, alle ore 10.30. Episcopo parlerà, in tedesco, agli studenti che studiano questa lingua nelle classi quarte e quinte dello storico istituto foggiano. “Unus ex Apulia. Friedrich II und die Capitanata” è il tema del seminario, che si prefigge di stimolare l’interesse degli studenti, attraverso l’approfondimento di un fondamentale tema storico.

Pasquale Episcopo è un convinto sostenitore della necessità che Foggia ritrovi e rilanci quella parte federiciana della sua identità, che negli ultimi tempo pare essersi sopita. In un prezioso articolo che ha voluto scrivere per gli amici e i lettori di Lettere Meridiane affronta il tema della Stele in memoria di Federico II che Foggia potrebbe avere se…
Per scoprirlo, leggetevi l’articolo, impreziosito da belle e inedite immagini, scaricandolo qui. Buona lettura. (g.i.)

La stele federiciana che anche Foggia potrebbe avere ultima modifica: 2018-12-04T18:00:00+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This