Teatro

Moon above the Gobi: musica judaica a Barletta


Di:

MusicaGiudaica

MusicaGiudaica

Barletta – IN occasione del Giorno della Memoria 2010, il cartellone del Festival Musica Judaica 2009–2010 ospita la nuova produzione Moon above the Gobi recital di cabaret, swing e country nei campi di concentramento giapponesi durante la 2a Guerra Mondiale. Moon above the Gobi raccoglie una vasta antologia di  canzoni del genere cabarettistico, jazzistico e leggero scritte principalmente da ufficiali musicisti statunitensi nei Campi militari aperti sino al 1944 dal Giappone nella sperduta Manciuria, a Omori (presso Tokio), sull’isola di Taiwan, a Changi, Singapore, Muntok, Palembang, Sumatra, ecc.  Ufficiali delle truppe Alleate, con strumenti musicali di fortuna e molta determinazione e fantasia, riuscirono ad organizzare una discreta attività musicale e scrivere su quaderni collettivi numerosi poemi, testi musicali e melodie di classico sapore country tipico della frontiera americana. Musica mai banale, quella scritta nei Campi giapponesi conserva una freschezza e originalità che la lontananza geografica dallo scenario bellico europeo rende ancor più affascinante.  Sorprendono non poco le date che si trovano in calce ad alcuni pezzi musicali scritti da Edmund Lilly o Harry Berry e recanti 27 agosto oppure 12 settembre 1945; ben dopo lo sgancio dell’atomica su Hiroshima e Nagasaki e la successiva richiesta di armistizio del Giappone agli Stati Uniti. Numerosi militari sopravvissuti dichiararono che, soprattutto durante gli ultimi mesi della Guerra, sia le autorità militari del Campo che i prigionieri erano assolutamente ignari dello svolgimento del conflitto e la notizia della fine dei combattimenti e della successiva resa giapponese arrivò con la graduale liberazione dei Campi che si trovavano nelle più sperdute regioni del continente asiatico. Un’orchestra insolita formata dagli strumenti riscontrati dall’analisi organologica dei Campi giapponesi (2 chitarre, armonica a bocca, pianoforte, percussioni, clarinetto, ecc.) oltre a un ottetto vocale (o, più precisamente, un double quartet come scritto nei quaderni musicali) eseguiranno, tra l’altro We’re in Trouble Again, Ijo Arimasen e I’m Dreaming that I’m Steaming di Harry Berry nonchè Lullaby, Ev’ry waking moment, Banner in the sky e la meravigliosa Moon above the Gobi dal The Manchurian Notebook del colonnello statunitense Edmund Lilly, canzone che dà il titolo al Recital.

Moon above the Gobi: musica judaica a Barletta ultima modifica: 2010-01-05T15:56:01+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This