Manfredonia

Ente quantifica somme impignorabili: 8,3 milioni per I^ semestre


Di:

Entrata uffici comunali, chiostro Palazzo San Domenico (ST-CM/MF)

Manfredonia – “A) PAGAMENTO delle retribuzioni al personale dipendente e dei conseguenti oneri previdenziali per i tre mesi successivi”. Totale €. 2.500.000,00. “b) pagamento delle rate dei mutui e prestiti obbligazionari scadenti nel semestre in corso”. Totale: €. 3.500.000,00. “C) espletamento dei servizi locali indispensabili (A.S.E. S.p.A., Coop. “Tre Fiammelle”, Enel, AQP, Telecom, Fitti passivi, Cotrap )”. Totale € 2.300.000,00. Per un totale generale di € 8.300.000,00. Quantificate, con recente delibera di Giunta, le somme impignorabili dell’Ente per il 1° semestre dell’anno 2012.

Ma cosa sono le somme impignorabili. A riguardo l’art. 159 del D.lgs. 18 agosto 200 n. 267 dispone che “Non sono ammesse procedure di esecuzione e di espropriazione forzata nei confronti degli enti locali presso soggetti diversi dai rispettivi tesorieri. Gli atti esecutivi eventualmente intrapresi non determinano vincoli sui beni oggetto della procedura espropriativa” e che “Non sono soggette ad esecuzione forzata, a pena di nullità rilevabile anche di ufficio dal giudice, le somme di competenza degli enti locali” destinate alle 3 somme sopra riportate: personale dipendente, rate di mutui e prestiti obbligazionari in scadenza nel semestre, espletamento dei servizi locali indispensabili: tra i quali quelli della municipalizzata in quote totalitarie Ase ( Rientrante in un recente piano di risanamento triennale per debiti fuori bilancio e Riguardante anche vendita ex Mercato coperto zona 167), oltre a servizi Coop. Tre Fiammelle, AQP, Enel, Telecom, Cotrap e fitti passivi.

La Corte Costituzionale, con Sentenza n. 69/98, ha dichiarato, tra l’altro, l’illegittimità costituzionale del citato art. 159, c.3 “nella parte in cui non prevede che l’impignorabilità delle somme destinate ai fini istituzionali dell’ente o alle retribuzioni dei dipendenti non opera qualora, dopo l’adozione da parte dell’organo esecutivo della deliberazione semestrale di quantificazione preventiva delle somme stesse, siano emessi mandati a titoli diversi da quelli vincolati, senza seguire l’ordine cronologico delle fatture così come pervenute per il pagamento o, se non è prescritta fattura, delle deliberazioni di impegno da parte dell’ente.” Il Comune, in ossequio alle normative vigenti, disporrà i pagamenti per interventi diversi da quelli vincolati, mediante emissione di mandati che rispettino l’ordine cronologico prescritto dalla richiamata Sentenza della Corte Costituzionale.

Focus anticipazione fatture. Crediti per fornitori/appaltatori. Accordo Comune/banche. ( Focus


Redazione Stato, gdf@riproduzione riservata

Ente quantifica somme impignorabili: 8,3 milioni per I^ semestre ultima modifica: 2012-01-05T14:56:47+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • muammar

    E 2.500.000 al personale?

    due sono le cose, o avete un esercito da sfamare oppure dei mega stipendi da spartire.

    e i sacrifici li fa sempre il popolo


  • 1900 miliardi di debiti

    2.500.000 €!! Tanto ci costano per soli tre mesi i fannulloni di Palazzo San Domenico che scoprono improvvisamente che i pannelli pubblicitari, insegne e pure gli orologi, che stanno lì da anni e anni, sono stati installati abusivamente.
    Si può andare avanti così con il debito (1.900 miliardi di euro) che oggi è balzato di nuovo a 520 punti?


  • C. A.

    Non sono un amministrativo ma leggendo faccio due semplici considerazioni.
    La somma di € 2.500.000,00 per 3 mesi significa:
    2.500.000 : 3 = 833.333,33 €/mensili.
    Supponiamo che il dipendente medio percepisce € 1.600,00 compresi i contributi, risulta che:
    833.333,33 : 1.600,00 ~ 521 dipendenti.
    In sostanza la nostra città dovrebbe essere dotata di circa 500 dipendenti. Non cito Totò perché scomoderei una persona seria!
    La seconda considerazione che faccio é sul tipo di atto, e cioé se questo provvedimento non doveva essere portato in consiglio comunale.
    Grazie anticipatamente a chi volesse meglio argomentare le suddette considerazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This