Manfredonia

F.Brancati (Equality I.): “un altro episodio di omofobia a Manfredonia”


Di:

Striscione di protesta e solidarietà in v.le A.Moro (St)

Un passato caso di omofobia a Manfredonia, striscione di protesta e solidarietà in v.le A.Moro (St)

Manfredonia – “UN altro episodio di omofobia a Manfredonia”. A denunciarlo Francesca Brancati di Equality Italia. Già il 13 novembre 2010 si era infatti verificato un caso simile, con i carabinieri del Comando Compagnia di Manfredonia che arrestarono al tempo un cittadino del luogo ( Focus)


La lettera.
“E’ successo ancora. Ma non basta. Non è la prima volta e non di certo l’ultima. Ancora violenza. Ancora pregiudizio. Ancora ignoranza. Ancora stupidità. Ancora, ancora.. A nutrire la noia di chi la vita la sente piena disprezzando l’altro, il Diverso. E lo scrivo maiuscolo, perchè ogni Diverso è Diverso a suo modo. E’ nome proprio di persona”.

“Ancora una volta, e non di certo l’ultima un ragazzo, un mio amico, è stato vittima di violenza fisica e psicologica per la sua Evidente omosessualità. Per la sua Evidente, anche qui uso la maiuscola, per caratterizzare un aspetto che molti ignorano: Si può essere schiavi o liberi. NOI abbiamo deciso di essere liberi. Di non annidare il nostro essere , perché omosessuali né si nasce, né si diventa, ma si è , come ci ricorda il nostro padre di Agedo , Gabriele Scalfarotto. Abbiamo deciso di parlare, muoverci, respirare la stessa aria degli altri. Abbiamo deciso di non soffocare i nostri sentimenti nella paura e nell’ipocrisia. Abbiamo deciso che non saremo di certo noi fautori del pregiudizio verso noi stessi. Abbiamo deciso di avere Coraggio! Con la C maiuscola! E oggi , primo giorno del 2012, rabbrividisco all’idea che ancora possano succedere certi episodi da cavernicoli. Noi questa società abbiamo deciso di cambiarla. Come? Informando. La conoscenza è la luce del mondo. La paura è la gemella dell’ignoranza. Ed ignoranza significa mancanza di conoscenza e per questo timore e pregiudizio, che qualcosa possa scompaginare i propri modelli di vita, i propri ordini di riferimento precostituiti”.

“E abbiamo deciso di chiedere alla città di Manfredonia di ascoltarci. Di sintonizzare le nostre esistenze in questa piccola cittadella dove tutto sembra avere una scansione e chi è “fuori” dagli schemi viene guardato con stupore, incredulità, talvolta con disprezzo e odio. E’ ora che questa città dia un segnale, FORTE e PRECISO : abbiamo il diritto , in quanto cittadini, e dietro di noi non si nascondono “checche isteriche” o amanti di perizomi da sfoggiare sui carri dei gay pride, tantomeno “camioniste” pseudo-maschio-macho ! Dietro di noi ci sono le nostre vite, i nostri sogni , le nostre speranze, i nostri umori , le nostre ansie per il futuro. Le nostre gioie i nostri dolori. Vogliamo sapere se questa città è disposta ad accogliere, a crescere e coltivare la “diversità”. Vogliamo sapere se dietro quei convenzionali striscioni post- dramma, come “Manfredonia dice basta all’omofobia” c’è davvero il desiderio di cambiamento. E lo chiediamo al primo cittadino, in rappresentanza di tutti”.

“Gentilissimo Sindaco, vogliamo dare un segnale forte all’inizio di questo 2012 che sembra essere l’anno della speranza per tutti?
Come possiamo dimostrare che Manfredonia dice davvero BASTA all’omofobia? Con profonda stima e rispetto”, conclude nella nota Francesca Brancati ( Equality Italia).


Redazione Stato

F.Brancati (Equality I.): “un altro episodio di omofobia a Manfredonia” ultima modifica: 2012-01-05T18:40:00+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • Il giusto

    Sarebbe bello se il sindaco o il consiglio comunale dessero un forte segnale di condanna dell’omofobia e di sostegno alla liberta’ sessuale!

    Sindaco, ci pensi tu?!?!


  • Anonimo

    e’ occupato ad ……….più soldi possibili, immagina se pensa all’omofobia…mah!

  • Vai Francesca bisogna denunciare, denunciare e denunciare finché la gente non capisce. Sono con voi.


  • antonio vigilante

    Tutto condivisibile, ma sarebbe stato opportuno dare più dati sulla violenza: dove, quando, come.


  • Antonio

    Ma sempre il Sindaco interpellate…..


  • NOI DI MONTICCHIO

    ..e basta…la ragazza qui sopra pur di prendere voti alle prossime elezioni ALLARGA come sempre i fatti…e dàààà avast..


  • Salvo

    Ciao a tutti, e vi porgo i miei auguri…

    A queste persone, di cui alcune conosco e non me ne vanto, dico di non ingigantire il tutto, e di pensare più a lavorare, caro Sindaco se ci fosse più lavoro in questo paese…

    Poi con amarezza e senza senso di discriminazione, abolendo sempre la violenza, vi dico che c’è molta ignoranza e pure libertà in giro, forse troppa, e molti se ne abusano, anche perchè in certe situazioni fa comodo parlarne ed in altre no, però molti di queste persone stanno rovinando anche ragazzi e soprattutto ragazze che prima erano “normali”, approfittando di alcune loro debolezze, legate a questa società ormai malata ed insicura, e si propaga come un virus, e va assolutamente fermata, e mi riferisco di quelli non dalla nascita, non con le botte ma con un giusto confronto, ma non possiamo compiatirvi nè giustificarvi…


  • Cristian

    Salvo sei un vero coglione…dei tuoi auguro omofobi non ce ne facciamo nulla. Torna a vivere nella Preistoria, lì c’è gente con cui, forse, puoi ancora discutere…


  • sonocometumivuoi

    salvo ma hai pensato prima di scrivere?


  • Antonio

    a “NOI DI MONTICCHIO”…io sono di monticchio ma non la penso assolutamente come te…Bisogna sempre condannare l’omofobia senza se e senza ma.

    Il giorno in cui anche in Italia avremo una legge contro l’omofobia sarà sempre troppo tardi.


  • Anonimo

    SALVO :semplicemente :SPARATI uno piu’ ignorante di te non l ho ankora sentito.sono una psicologa il tuo modo di vedere la societa’ è triste e limitata,da una parte hai ragione vivi in un paese di mentalita’ stretta e te ne devi accorgere dal vestire tutti uguali,un copia incolla a come si pensa a quello che si fa c’è ben altro da osservare a manfredonia no gli omosessuali,e poi non tutti gli esseri sono uguali e non tutti hanno lo stesso essere anke tra gli omo…l’importante che in primis non sono come te ….allarga la tua mente troppo stretta è di un egoismo spaventoso….crederai ke sn una omo assolutamente no.sto x sposarmi .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This