Politica

Sannicandro G., Fondazione Zaccagnino rinnova Cda. PD accusa: “Clientelismo”


Di:

Il segretario pd, Matteo Vocale (St)

San Nicandro Garganico – “Ancora una volta la ex ‘Fondazione Zaccagnino’, oggi divenuta Azienda di Servizi alla Persona, balza agli onori delle cronache per logiche di spartizione del potere che sanno tanto di ‘Prima Repubblica’ ovvero dei peggiori riti della Prima Repubblica”. Lo j-accuse, senza troppi fronzoli, ma spietatissimo, giunge dal circolo del Partito Democratico del centro ubicato sulla Montagna Sacra.

Le elezioni. Proprio in questi giorni, infatti, è stato rinnovato il Cda dopo votazione segreta. Consigliere di minoranza è stata eletta Arcangela Tardio, già nel 2006 espulsa di Democratici di Sinistra, e considerata vicina a Sinistra Ecologia e Libertà. In realtà, però, la sua candidatura all’ente assistenziale garganico è giunta, il 16 dicembre scorso, da parte di un consigliere comunale dell’Alleanza di Centro. Una “migrazione”, la definiscono i democratici. Che, pure, dubitano sulla vera svolta politica, propendendo, piuttosto, per la visione opportunistica. “E’ difficile pensare ad una ‘migrazione’ politica della Tardio – il pensiero del numero uno del Pd, Matteo Vocale – come risulta oltremodo difficile immaginare che Vincenzo Libero, consigliere di minoranza in quota ADC, abbia indicato il nominativo in questione senza subire le pressioni dell’attuale presidente dell’ASP, Nicandro Di Salvia, in quota SEL e di qualche figuro della giunta comunale. Si tratta, da un punto di vista puramente politico, di una operazione di puro potere, squallida nella forma e nella sostanza, in barba a tutte le prosopopee sulla centralità della politica e sul ruolo dei partiti. Una operazione di casta vera, pura”.

Il dissenso del Pd. Durante quel consiglio il gruppo consiliare del PD, rappresentato da Mario D’Ambrosio, su espressa indicazione degli organi di Partito decise di non partecipare al voto di un consesso convocato in tutta urgenza. “Come se la città non avesse altro a cui pensare”, sottolineano dal Berlinguer. “Ad oggi non è chiaro a nessuno quale sia la natura politica del CDA insediatosi, quale sia la sua mission, quali progettualità intenda portare a termine, in quale processo di copianificazione si collochi l’ASP. Che abbiamo un altra idea dell’ASP, della sua governance, della centralità della stessa nello sviluppo di questo territorio. Abbiamo anche un altra idea della politica. Il PD non si presta a giochi di potere che hanno nell’ASP, da sempre, l’aspetto più trasversale ed opaco di questa città.
Tale decisione è stata e rimane del tutto coerente con le dimissioni dal CdA dell’ASP – il 29 luglio 2011 – del rappresentante del PD, Tittino Zaccagnino, che già allora lamentò una gestione politicamente inadeguata e poco rispettosa delle parti, con un presidente che ostruisce qualsiasi confronto democratico tra i componenti a vantaggio di una deriva autoritaria”.

Perchè tanto silenzio? Ma c’è un’altra cosa che lascia basita la formazione di Paolo Campo: il silenzio. In primis, quello del sindaco Vincenzo Monte, che ha avallato la nomina della Tardio senza colpo ferire pur essendo stata la stessa, nelle consultazioni interne, la meno suffragata tra i candidati. “Ci chiediamo per quale recondito motivo il sindaco non senta ancora una volta il minimo bisogno di confrontarsi con il maggior partito, il PD, che effettivamente ha permesso la elezione sua e di quanti ne compongono l’Amministrazione”. In secondo luogo, nulla quaestio anche da parte della Regione Puglia. “Stupisce – accusano da Sannicandro – il silenzio della Regione Puglia sulla gestione dell’ASP e, ne siamo certi, sugli ultimi accadimenti rispetto ai quali calerà il solito silenzio di piombo, come se l’ASP godesse di una extraterritorialità, una specie di moderno kibbutz fuori dal tempo e da ogni regola democratica”

I precedenti. Non è la prima volta, comunque, che la Fondazione finisce nell’occhio del ciclone. Politica e giornali si sono occupati della Zaccagnino già in passato e, appena a novembre 2011, la notizia è rimbalzata, per l’ennesima volta, anche su riviste di diffusione nazionale (La Voce delle Voci, storico giornale d’inchiesta e politica stampato a Napoli e diretto da Andrea Cinquegrani). L’accusa, quella di essere un fortino degli uomini del presidente della regione Nichi Vendola in Capitanata. Lo stesso presidente Di Salvia è vicinissimo al consigliere regionale Arcangelo Sannicandro. Ma impastato con la Fondazione è anche l’ex coordinatore provinciale di SeL, Fedele Cannerozzi (oggi numero uno dell’Ente Fiera), la cui consorte, Costantina Nardella (testimone di nozze: Sannicandro), nel 2010, è stata nominata revisore dei Conti.

Redazione Stato, p.f.
riproduzione riservata

Sannicandro G., Fondazione Zaccagnino rinnova Cda. PD accusa: “Clientelismo” ultima modifica: 2012-01-05T14:16:26+00:00 da Piero Ferrante



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Ryo

    Come può la sinistra essere idonea a governare se non riesce nemmeno ad amministrare le proprie alleanze? L’unica cosa di cui si discute sono come sempre le poltrone e non i programmi. Mi piacerebbe tanto sapere come mai il PD è cosi furioso, forse perchè avendo amministrato in malo modo (oserei dire da inetti) il comune per 5 anni speravano in prima istanza di far sciogliere il C.d’A. e provare ad insediarsi (tentando di rimediare al nulla prodotto in amministrazione comunale) e successivamente di rendere la vita dura all’attuale presidente così da metter in ombra i loro stessi alleati (gli unici che si vedono in giro, a cercare di riaccendere un barlume di speranza per questa landa desolata)… Cari politici, mi duole mettervi al corrente che a noi cittadini non interessa assolutamente nulla di queste diatrine di poltrone, l’unica cosa che davvero ci interessa sono i progetti per un possibile sviluppo della comunità, perciò ben venga la nomina di Arcangela Tardio che dà la possibilità al C.d’A. di lavorare senza più alcun freno ai progetti presentatici…
    Ps: ora capisco come mai il PD (delle poltrone e del nulla) è collassato alle ultime elezioni…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This