Edizione n° 5257

BALLON D'ESSAI

IRONIA // Fiorello sui Ferragnez: “Da Fazio scopriremo la verità, sempre che il Codacons non lo impedisca”
23 Febbraio 2024 - ore  10:05

CALEMBOUR

GOSSIP // Ferragnez, è davvero crisi? L’ombra del bluff dietro la separazione
23 Febbraio 2024 - ore  17:24
/ Edizione n° 5257

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Uno bianca: assovittime, non ci sono atti secretati

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
5 Gennaio 2023
Politica // Stato prima //

(ANSA) – BOLOGNA, 05 GEN – “Noi siamo dalla stessa parte dei familiari dei carabinieri uccisi al Pilastro e condividiamo pienamente con loro l’ansia di chiarezza sui punti oscuri, ma ieri nella cerimonia di commemorazione abbiamo sentito alcune cose che possono creare confusione.

Come, per esempio un viceministro dire che chiederà al premier di desecretare gli atti.

Sulla Uno Bianca non ci sono atti secretati”. Lo dice Alberto Capolungo, vicepresidente dell’associazione dei familiari delle vittime della banda della Uno bianca, che tra il 1987 e il 1994 fece 23 morti e 100 feriti tra Bologna, Romagna e Marche. Ieri era stato Galeazzo Bignami a raccogliere la richiesta dei familiari delle vittime dei tre militari uccisi nel 1991.

“Noi ringraziamo le autorità che si dicono pronte a intervenire – continua Capolungo ma la direttiva Renzi riguarda vicende come Ustica, come la strage del 2 agosto 1980, mentre per la Uno bianca non c’è l’oggetto.

Chiedere la desecretazione degli atti è fuori luogo. Inoltre la digitalizzazione è ormai conclusa, mancano solo alcuni ritocchi. Non vediamo l’ora che venga completata e su quello ci si potrà basare per una ricerca storica, che è quello che vogliamo, da parte di persone volenterose e competenti”. (ANSA).

Lascia un commento

“Quando hai lasciato il sistema e hai preso il premio, i combattimenti sono finiti e i cacciatori si sono sciolti. Sai com’è. Sono mercenari. Non sono fanatici.” Carl Weathers (Greef Karga)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.