Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Quello che non è riuscito a Hitler, riusciamo a farlo noi

AUTORE:
Paolo Cascavilla
PUBBLICATO IL:
5 Febbraio 2020
Cultura // Manfredonia //

E cioè liberare l’Europa dagli ebrei. “Sono pessimista, ha detto Liliana Segre, i testimoni muoiono e la Shoah diventerà un capitolo di storia e poi sarà dimenticata”.

Edith Bruck, anche lei impegnata in questo tour de force di incontri nelle scuole, nelle università, è ancora più netta. “Ormai il 27 gennaio dura un mese, si comincia a metà dicembre e si finisce a febbraio, così la gente si stufa e pensa o dice: basta con questi ebrei”. Ha ancora paura, quando deve parlare in pubblico. “La notte prima, non dormo… Capiranno? Faccio fatica. Poi esco più viva che mai. Vale la pena… Però sento crescere intorno il vento dell’intolleranza”.

Antiche comunità, in Europa, ricostruite a fatica dopo il 1945, stanno scomparendo. Malmo, Copenaghen, Oslo, tre città moderne, ospitali, sostenibili, culturalmente progressiste… dove gli ebrei hanno sempre meno motivi per rimanere. Sono le minacce neonaziste e islamiste, le profanazioni nei cimiteri, le scritte e anche le bombe molotov davanti alle scuole ebraiche. Nizza, per un millennio e fino a quindici anni fa, ospitava la quarta più importante comunità di Francia, ora è ridotta a 3000 iscritti. “Non portate la kippah in pubblico” ha raccomandato in Germania il commissario di governo per la lotta all’antisemitismo, sarebbe come dire: diventate invisibili. In Italia, Milano, la seconda comunità (dopo Roma), aveva 6500 iscritti nel 1996, nel 2018 sono 5244. A Trieste una delle culle dell’ebraismo (Svevo, Weiss…) oggi sono poco più di 500. Sono 800 a Torino, erano oltre 1200 venti anni fa. Fino agli anni Novanta gli ebrei francesi si iscrivevano alle scuole pubbliche, ora lo fa solo un terzo. Il presidente della comunità ebraica di Tolosa: “Incoraggio i più giovani ad andare via”. Tolosa contava 20.000 persone, quanto l’intera comunità ebraica in Italia, ora sono 10.000. I dati e le testimonianze di Giulio Meotti (L’Europa senza ebrei. L’antisemitismo e il tradimento dell’Occidente) sono duri e drammaticamente chiari.

Hitler voleva cancellare dall’Europa gli ebrei, e ci stava riuscendo, ora lo stesso disegno si attua con altri mezzi. La Shoah aveva vaccinato l’Europa, ma gli effetti stanno venendo meno. Ciò che dopo il 1945 era impossibile e impensabile ora è di nuovo immaginabile. Senza gli ebrei l’Europa cesserà di essere un centro culturale e spirituale, e questo sarà la fine dell’Occidente come lo conosciamo. Gli ebrei sono come il canarino nelle miniere. Se vive e canta vuol dire che c’è ossigeno e i minatori possono stare tranquilli. Se gli ebrei scompaiono sono a rischio le libertà di tutti, e, senza che ce ne accorgiamo, si perderà una cultura del dibattito, del confronto, della tolleranza. Sicuramente non ci sarà lo straordinario fermento creativo originato dagli intellettuali ebrei tra il 1850 e il 1940 (filosofia, psicoanalisi, musica, pittura). Quel mondo è finito nel 1945.

Non credo che la Shoah sarà dimenticata. Mancheranno i testimoni, e occorrerà rivedere il modo di ricordare. Forse ha ragione Edith Bruck, la giornata della memoria è ripetitiva e rituale. La Shoah ha prodotto, però, testimonianze e riflessioni straordinarie che sono entrate nella letteratura e nel pensiero filosofico e teologico. A Manfredonia, ad esempio, la giornata è stata ricordata al Luc attraverso una delle voci più pure di quella tragedia: Etty Hillesum.

Francesco Lotoro è un musicista di Barletta. Dagli anni Novanta è impegnato in un’impresa titanica: raccogliere la musica scritta nei lager. Sui muri, sulla carta igienica, su pezzi di stoffe… migliaia di partiture (cabaret, inni religiosi e di lotta), che erano tanti atti di resistenza. Su questa straordinaria esperienza è stato girato anche un film. L’ho sentito al telefono qualche giorno fa. Partiva per gli Stati Uniti. “Ormai sono sempre in viaggio, per raccogliere testimonianze e far conoscere le musiche nate in quei luoghi estremi”. Lotoro è stato il promotore delle settimane della cultura ebraica nelle città della Puglia. E di nuovo mi ha ripetuto: “Siponto? Un faro nel Medioevo, uno dei centri più importanti della cultura ebraica in Italia”. Da Siponto partivano giovani per andare a studiare a Pumpedita (sulle rive del Tigri) diritto talmudico babilonese; a Siponto vissero figure eminenti del giudaismo, come Melchisedeq (ca 1090 – 1160), autore di un commento autorevole sulla Mishnah, ancor oggi studiato e citato.

A cura di Paolo Cascavilla, fonte futuriparalleli.it

1 commento su "Quello che non è riuscito a Hitler, riusciamo a farlo noi"

  1. Fù un pesniero che non trovò un corretto sviluppo storico…infatti, ad oggi, la storia tramanda un disastro mondiale…forse solo conseguenza dello sviluppo contemporaneo dell’epoca, di situazioni sempre esistite; non ci sono periodi storici dichiarati in pace e serenità…c’è sempre una testimonianza di qualche controversia internazionale…non si voleva lasciare mai l’uomo libero di vivere per il proprio Bene. All’epoca, un grande errore, gravissimo per i grandi, è stato nelle alleanze che hanno preceduto certi periodi…La Germania e l’Italia possono avere dei rapporti commerciali, e pertanto, non si potrebbe mai pensare ad altri tipi di alleanze, che probabilmente, già all’epoca, si sapeva l’imminente fallimento. La tradizione ebraica detiene delle verità antropologiche, oltre che la dottrina propria civile-religiosa, riconosciute dai vari popoli, che naturalmente pongono un contrasto giuridico…Ma il problema è l’interpretazione esistenziale di certe verità-realtà, che richiedono uno sviluppo esperienziale del proprio vissuto, che porti a dei significati profondi da capire e da vivere…necessità di vita, possibilità di trovare la vita…perchè dovere dell’uomo è rispondere alle proprie necessità lasciando liberi e trovando la propria libertà…Oggi sono cambiate alcune cose, in confronto al nostro diritto italinano, nonostante ci sono ancora molti italiani che vivono e fanno vivere come se il nostro diritto non esistesse, legandosi e legandoti a presunte cariche e ruoli sociali spacciati per legge che legge non sono. Oggi, un carabiniere, per controllare un’auto di un cittadino, necesita dei permessi della magistratura…invece, complice la notte, ci si permette di chiedere cosa si stà facendo e di aprire l’auto…la prossima volta no…anche perchè si deve imparare a presentarsi come autorità…non basta dire di essere carabinieri…
    Ricercare la verità in ogni cultura, perchè ogni cultura nasconde quella parte di verità che manca alla sua convivente in questo mondo…
    Che sia fatta la Sua Volontà…
    con Fede e diritti…
    si ringrazia chi agisce con giustizia, serietà e competenza…

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.