Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

AVON Gender Gap in Puglia: è la Regione in cui gli stereotipi di genere creano maggiori discriminazioni

Più di nove lavoratrici pugliesi su dieci pensano che gli stereotipi di genere portino a reali discriminazioni fra donne e uomini

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
5 Marzo 2024
Cronaca // Lavoro //

Milano, 5 marzo 2024. In occasione della Giornata Internazionale della Donna, Avon, azienda leader mondiale nel canale della vendita diretta di prodotti cosmetici e pioniera nella creazione di lavoro flessibile per le donne, con oggi circa 50.000 consulenti di bellezza in Italia, ha indagato l’evoluzione del gender gap in Italia. Per farlo ha commissionato una ricerca al centro studi indipendente Censuswide, che ha interrogato oltre 1.000 donne lavoratrici che abitano e lavorano in tutte le regioni d’Italia su quali fossero le loro opinioni ed esperienze in relazione a tematiche che costituiscono i parametri per determinare l’esistenza o meno del gender gap.

La fotografia che restituisce lo studio è quella di una regione, la Puglia, in cui la quasi totalità delle intervistate (94,4%) individua negli stereotipi di genere la principale causa di esistenza di discriminazioni fra uomini e donne a lavoro (e non solo).

Queste discriminazioni si manifestano concretamente in:

  • Minore presenza di donne all’interno dei Senior Leadership Team aziendali (71,2%)
  • Minore possibilità, per le donne, di raggiungere il livello contrattuale di “quadro” per il 66,2%.
  • Retribuzioni minori rispetto a colleghi uomini di pari anzianità ed esperienza per il 64,8% delle lavoratrici pugliesi.

Le evidenze che più fanno riflettere però sono quelle che fanno riferimento ad un retaggio culturale ancora a favore della figura maschile. Secondo più di una lavoratrice pugliese su tre (36%) “l’essere donna” gli ha impedito di progredire nella carriera. Per più di un quarto (26,7%) il genere ha determinato il ruolo aziendale da ricoprire nonostante il diverso background esperienziale e di studi della professionista.

Ancora più allarmante è il fatto che più di metà delle intervistate in Puglia (51%) sostiene di aver incontrato resistenze nel momento in cui ha chiesto prestiti o altri supporti finanziari nel momento in cui ha pensato di avviare un’attività in proprio solo perché donna e sempre la metà (50,7%) sostiene di non riuscire a mantenersi economicamente da sola. Non solo: proprio per questo, quasi il 40% sostiene di essere ancora controllata finanziariamente dal proprio marito, compagno, padre o fratello.

Istituzioni pubbliche ed associazioni devono ancora fare molto per eliminare il gender gap in Italia. Avon propone a tutte quelle donne (e non solo) in cerca di autonomia finanziaria e curiose di apprendere le tecniche di vendita e del relations business di diventare consulente di bellezza Avon. La consulente di bellezza è colei (o colui) che forte del proprio network di relazioni personali (e non) promuove e vende i prodotti Avon, non solo attraverso la vecchia tecnica del “porta-a-porta” ma soprattutto i social network e altri mezzi digitali, che rendono il lavoro flessibile e remunerativo. Di media, Avon restituisce il 20% del prezzo di ogni prodotto venduto alle sue consulenti. Più della commessa di un manager o un agente di un artista. Le tecniche di vendita attraverso i social network sono insegnate gratuitamente dal team di coordinamento delle consulenti di bellezza Avon. Per iniziare la propria strada verso l’autonomia finanziaria e l’imprenditorialità femminile, Avon invita ad iscriversi al programma www.diventapresentatriceavon.it .

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.