Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

FAZZOLETTO La scena foggiana al Giordano, con “Cafoni” Il Teatro della Polvere” e AVL narrano il bracciantato

In un piccolo paese del Tavoliere della Puglia, come ogni mattina, un'anziana bracciante si cinge il capo con un fazzoletto nero

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
5 Marzo 2024
Eventi // Foggia //

Foggia, 5 marzo 2024 – “In capo a tutti quanti c’è Dio, il proprietario del cielo. Poi viene il Padrone, il proprietario della terra. Poi vengono le guardie del Padrone. Poi vengono i cani delle guardie del Padrone. Poi, niente. Poi, ancora niente. E poi vengono i cafoni. E si può dire che è finito. Sotto loro, non c’è più nessuno”, con queste prime battute recitate da un intenso Michele De Virgilio si apre lo spettacolo “Cafoni” un racconto musicale prodotto da AVL – Teatro della Polvere che andrà in scena il 16 marzo alle ore 21.00 presso il Teatro Giordano di Foggia all’interno della rassegna La scena Foggiana al Teatro Giordano promossa dal Comune di Foggia e dal Teatro Pubblico Pugliese.

Ad accompagnare De Virgilio ci saranno cinque artisti del territorio: Stefano Corsi e Simona Ianigro (attori) e Antonio Cicoria (percussioni, tastiere e suono), Giovanni Mastrangelo (contrabbasso), Aurora Corcio (chitarra e voce). A impreziosire la messa in scena le musiche originali composte dal musicista già in scena Antonio Cicoria, un importante disegno luci di Aldo Bux per AVL e una regia multimediale di grande effetto curata da Andrea Pontone per AVL.

I biglietti sono in vendita su Vivaticket oppure al botteghino del Teatro Giordano nei seguenti giorni: martedì 12 marzo dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 17; venerdì 15 dalle 9 alle 12 e sabato 16 dalle ore 19.

LO SPETTACOLO| In un piccolo paese del Tavoliere della Puglia, come ogni mattina, un’anziana bracciante si cinge il capo con un fazzoletto nero, si chiude la porta di casa alle spalle salutando una foto di   Giuseppe Di Vittorio e s’incammina lungo viale del paese, stringendo un mazzo fiori freschi tra le mani: va verso il cimitero. Ci va ogni giorno sulla tomba del marito, perché, come dice la donna, da quando lui è morto, lei si sente come una sedia senza una gamba.

Ma una mattina, deviando dal solito percorso tra i viali del campo santo, la donna si accorge che in un angolo di terra sconquassato era sta piantata una croce che non aveva mai visto prima, su cui qualcuno con un pennarello nero aveva scritto: sconosciuto. E nient’altro.

Incuriosita, l’anziana bracciante si reca dal custode che le dice che sotto quella croce era stato seppellito un ragazzo straniero, probabilmente un bracciante stagionale, trovato vicino ad un campo, con la testa schiacciata dalla ruota di un camion. Il corpo martoriato di quel ragazzo era stato tenuto per tre mesi in una cella frigorifera dell’ospedale e, mentre le indagini dei carabinieri non arrivavano a nessuna soluzione, era stato disposto che fosse seppellito, così: “come un cane”.

Al racconto del custode, nell’anziana bracciante riaffiorano i ricordi della sua vita non solo di bracciante e in un gesto di pietà, tra l’incredulità dei compaesani, decide di dare una sepoltura da “cristiano” al quel ragazzo, vittima del nuovo caporalato, trasformando la tomba di uno sconosciuto in un sacrario dedicato ai caduti nella guerra nei campi.

Il testo, ironico e graffiante – sostenuto da musiche popolari originali suonate dal vivo da 3 musicisti che accompagnano le parole dell’attore e da una regia multimediale d’effetto- è un omaggio ai cafoni di ieri e di oggi uniti da un triste destino di povertà e miseria.

Con il suo particolare stile sospeso tra verità, lirismo e raffinata drammaturgia, De Virgilio ci racconta una storia dolorosa senza cadere nella drammaticità.

“Siamo felici di portare un testo così potente con una messa in scena altrettanto importante al Teatro Giordano. Cafoni è stato in giro per alcuni teatri della Puglia, ma stare sul palcoscenico nella nostra città è tutta un’altra emozione. Si tratta del nostro spettacolo da giro che fa parte integrante della proposta artistica di questa stagione: è stato un anno di ripartenza per il Teatro della Polvere e non ci siamo risparmiati presentandoci al pubblico con il nostro entusiasmo. Mi preme ringraziare la Fondazione Monti Uniti per averci sostenuto e avere creduto nella bontà del nostro progetto artistico e Michele De Virgilio che un pomeriggio di oltre un anno fa ha bussato alla porta del nostro teatro scegliendoci per mettere in scena il suo testo”, ha commentato Marianna Bonghi, presidente del Teatro della Polvere – produzioni AVL

“Lo spettacolo Cafoni nasce dalla sinergia fondamentale tra tecnica, composizione musicale e recitazione e ho avuto la fortuna, in quanto produttore con la mia azienda, di lavorare a uno spettacolo che sta già riscuotendo degli ottimi consensi da parte del pubblico. Produrre Cafoni è stata una sfida bellissima per me e per tutti i professionisti che si sono adoperati alla buona riuscita del prodotto artistico. Lavoriamo spesso fuori Foggia, ma per mettere su questo spettacolo ho costruito una squadra di esperti della nostra terra ed è stato un grande risultato. Cafoni è la risposta alle mille domande scomode sulla nostra terra che in questi anni mi hanno fatto”, ha aggiunto Andrea Pontone, presidente di AVL.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.