ManfredoniaStato news

Manfredonia, stop abusivismo nei settori, protocollo (FT-VIDEO)


Di:

Manfredonia – SOTTOSCRITTO stamani – lunedì 5 maggio 2014 – nell’Aula consiliare del Comune di Manfredonia, il protocollo d’intesa tra Associazione degli Artigiani Maria SS di Siponto – Confartigianato, e il Comune sipontino, “per contrastare il fenomeno dell’abusivismo nel settore artigianale e dei servizi alla persona”.

Per la sottoscrizione dell’atto, presenza del sindaco di Manfredonia, degli assessori alle attività produttive e della sicurezza ed alla legalità, del Comandante della Polizia municipale di Manfredonia, del presidente dell’Associazione Artigiani Maria SS Siponto – Confartigianato. Parteciperanno all’incontro i referenti delle forze dell’ordine territoriali e dell’Ispettorato del Lavoro, oltre a vari rappresentanti di categoria. “La sottoscrizione del protocollo d’intesa – dice a Stato il presidente dell’Associazione Artigiani Antonio Falcone – si è resa necessaria per contrastare in modo concreto e operativo il fenomeno dell’abusivismo nei settori.

L’atto è dunque fondamentale al fine di contrastare un fenomeno che, a causa della concorrenza sleale, rischia di espellere dal mercato le imprese qualificate del settore, che oltre a rispettare le regole fiscali ed urbanistiche, e a garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro ed i requisiti igienico-sanitari, investono in qualità e formazione per fornire ai cittadini-clienti la massima professionalità e competenza, come riportato nello stesso protocollo che andremo a sottoscrivere”, dice Falcone.

In concreto, come emerge dalla delibera n.198/18.07.2013, con approvazione dello schema di convenzione relativo al suddetto protocollo d’intesa, la Associazione Maria SS di Siponto – Confartigianato, sede di Manfredonia si impegna a:
“effettuare una campagna di sensibilizzazione invitando i propri aderenti al massimo rispetto delle normative in tema di sicurezza e di adempimenti di natura fiscale; effettuare nei prossimi mesi, in collaborazione con il Comune, una campagna di sensibilizzazione, con affissione di manifesti e esposizione di locandine negli esercizi commerciali e nei luoghi pubblici, per invitare i cittadini a non rivolgersi a operatori abusivi, rendendoli edotti dei possibili rischi derivanti dal non garantito rispetto delle norme igienico/sanitarie (con conseguente pericolo per la stessa salute dei clienti; istituire presso la propria sede un punto di raccolta delle segnalazioni di illegalità che trasmetteranno alla Polizia municipale, anche in forma anonima; segnalare alla Polizia municipale fatti di evidente irregolarità e ad adottare provvedimenti contro eventuali comportamenti irregolari dei propri associati”.

Per il rispetto di quanto indicato nel protocollo, analogamente all’Associazione Artigiani, determinanti saranno le azioni della Polizia municipale, in collaborazione con le altre forze dell’ordine ed altre autorità, e del Comune di Manfredonia (che si impegna tra l’altro ad “ emanare specifiche ordinanze per disporre il divieto di vendita e di offerta dei servizi alla persona e di commercio su tutto il territorio comunale, fatta eccezione dei soggetti specificamente autorizzati, vigilando sulla puntuale osservanza della disciplina delle attività commerciali ammesse, anche attraverso adeguati servizi di controllo, e sull’applicazione delle sanzioni”).

“Esprimiamo la nostra soddisfazione per la prossima sottoscrizione del protocollo – dice a Stato il presidente dell’Associazione Artigiani Antonio Falcone – a circa un anno dalla delibera di giunta relativa allo schema di convenzione, dopo nostre continue sollecitazioni. Ci auguriamo che la lotta al fenomeno dell’abusivismo, che tanti danni ha arrecato al settore, venga ora finalmente contrastata con azioni concrete atte ad estirpare questa triste piaga per la tutela di tutte le imprese dei settori. Al contempo confidiamo che anche le politiche economiche dell’attuale Governo consentano un concreto alleggerimento della pressione fiscale sulle imprese, come auspichiamo che il consumatore cessi di alimentare il fenomeno dell’abusivismo rivolgendosi unicamente alle imprese qualificate del settore, sinonimo di competenza, garanzia e sicurezza. A tal riguardo, come indicato nel protocollo d’intesa, nella nostra sede sarà istituito un punto di raccolta delle segnalazioni di illegalità, fornite dai cittadini, che saranno prontamente trasmesse alla Polizia municipale, con garanzia dell’anonimato”.

g.defilippo@statoquotidiano.it

VIDEO

FOTOGALLERY
ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (14)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (1)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (2)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (3)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (4)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (5)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (6)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (7)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (8)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (9)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (10)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (11)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (12)

ARTIGIANIprotocollocontroabusivismo (13)

Manfredonia, stop abusivismo nei settori, protocollo (FT-VIDEO) ultima modifica: 2014-05-05T13:23:08+00:00 da Giuseppe de Filippo



Vota questo articolo:
18

Commenti


  • Sorridei sei a Manfredonia la città dei balocchi

    ah si? Allora iniziamo dalle centinai di badanti dell’est che operano a Manfredonia nella “cura delle persone”! Ma fatemi il favore..


  • SPERANZOSI

    Caro Sorridi sei a Manfredonia, sapete solo fare polemica e ironia su argomenti seri come questo.
    Se sei a conoscenza di fenomeni di abusivismo, come la questione delle badanti dell’est, denunciarlo agli organi competenti, non ti limitare a fare commenti sminuendo l’ importanza di questo fenomeno e solo dove puoi nascondere la tua identità.
    Se questo coraggio ti manca, dovresti avere il buon senso di tacere.
    Oggi si può dare inizio ad un nuovo percorso per contrastare questo fenomeno, ma solo se tutti faremo in parte un po del nostro dovere.
    Non abbiamo bisogno di critiche distruttive, ma di azioni concrete, basta nascondersi ricordiamoci che il nostro futuro lo costruiamo noi.


  • Sorridi sei a Manfredonia la città dei balocchi

    Ma guarda un po’ da che pulpito viene la predica. Che riflessioni ludiche ma tu dove vivi a Copenaghen?


  • SENZA SPERANZA

    Esigono comportamenti da Stato di Polizia del tipo delazioni mentre magari loro passano vedono e non fanno un cavolo di niente di niente!
    Cosi quando fanno i controlli…dicono ci hanno mandato!!
    AHAHHAHAHAHAH


  • Povera Italia

    Una riflessione che faccio da tempo è che in Italia se ognuno facesse il proprio dovere, saremmo la più bella ed efficiente nazione del mondo. Purtroppo, ahinoi spesso, proprio chi è pagato per vigilare, reprimere, controllare etc spesso non lo fa e allora si rovescia la responsabilità sui cittadini comuni!
    Questo è il cancro dell’Italia!


  • logico2013

    Un protocollo di intesa che non serve a niente ed una presa per i fondelli agli artigiani onesti che lavorano. I vigili annonari hanno l’obbligo di controllare gli abusivi, i vigili hanno l’obbligo di controllare le opere edilizie la regolarità nelle concessioni edilizie. L’assessore Angelillis ahimè non sa che il nero e l’abusivismo si combatte con gli organi di vigilanza e cioè Ispettorato del levaoro, ispettori dell’INPS, Ispettori dell’Inail, e gli Ispettori della ASL ed da alcuni anni anche la Guardia di Finanza. Allora dico perchè ci prendiamo in giro basta intervebnire su questi organi così aboliremo il lavoro nero e tuteleremmo gli artigiani che stanno morendo di fame perche la concorrenza di imprenditore improvvisati(LSU) é assai.


  • Fabian

    Cara Red purtroppo devo farvi una critica durissima.

    Sapete che penso che siete bravi e vi seguo sempre, ma la storia delle foto è assurda sono anni che vi chiedo di vedere le foto come in tutti i siti del mondo senza bisogna di uscire e rientrare ma con una freccetta vederle tutte in conseguenza.
    L’ultima volta che vi ho fatto questa critica mi avete risposto : e io vi risposi OK.

    Ora avete rifatto la veste grafica bella (a me piaceva pure quella prima) ma l’unico problema che avevate non l’ho avete risolto e che ci vuole per risolverlo????? avevate promesso che lo risolvevate.

    E comunque il rettangolo per scrivere i commenti è troppo piccolo fatelo più grande.

    Scusate se vi critico ma ritengo assurdo che un sito come STATO che offre un servizio pubblico, offre informazione locale un sito del vostro livello non riesce a fare una cosa che riescono anche i siti come si dice a Manfredonia TERZA TERZA.

    Con Affetto Vostro Fabian.

    (visto che c’è aria nuova cambio/abbrevio il mio nik in Fabian, sono Armero ma da oggi scriverò solo come Fabian)


  • Redazione

    Buongiorno Fabian (Armero),
    come abbiamo scritto su Facebook, si tratta di una versione Beta (è anche indicato in alto a destra nel sito); ovvero, si tratta di una versione provvisoria, lanciata per evitare l’interruzione del lavoro; mancano ancora diversi aggiornamenti, dall’agenda eventi ai commenti, dalla fotogallery alla grafica dei video; seguono aggiornamenti, bisogna attendere, i nostri tecnici sono al lavoro da tempo; grazie, a presto; Redazione Statoquotidiano.it – segreteria@statoquotidiano.it


  • Mario

    E’ solo una presa in giro:l’evasione si vince con la deduzione delle spese dal regime fiscale.Le tasse si devono pagare su quanto NON speso o non versato a enti o banche.


  • Mario Brunetti

    Tutto cio ceh si spende deve essere scaricato dalle tasse,come pure se versato a banche o enti per eventuali investimenti.


  • FIDUCIOSO

    Cara Redazione, grazie per aver pubblicato il video integrale di questa splendida giornata dove il nostro Sindaco a ribadito che entro la fine del suo mandato porterà a termine tutti gli impegni presi con noi artigiani.
    Tra un anno si andrà a votare e questa volta potranno proporsi a noi solo se avranno tenuto fede a questi impegni e non potranno negare di averlo fatto.
    Stiamo soffrendo molto, la situazione è molto delicata, speriamo che questo protocollo non resti solo un documento scritto ma diventi operativo.
    Confidiamo nel buon senso degli organi ispettivi, che non dovranno accanirsi sulle fasce deboli, su chi seriamente ha difficoltà a mettere un piatto in tavola, ma su tutti i furbi che svolgono attività illegali non perchè impossibilitati a regolarizzarsi ma volutamente per non pagare le tasse o perchè lo fanno come doppio lavoro o perchè non vogliono perdere la cassa integrazione, disoccupazione ecc…..
    creando grossi danni a chi lavora nella legalità.
    Abbiamo bisogno di segnali che diano un incoraggiamento al nostro settore prima che sia troppo tardi.
    Fiducioso che qualcosa sta cambiando, invito tutti a crederci e ogniuno a fare la propria parte.


  • Cittadino con diritto di voto

    chiacchere morte e sino ad ora che avete fatto!!???? Mi avete fatto pagare le tasse che non pagato altri e i costi sociali che godono i falsi poveri! Parole….parole…parole…..
    non ho mai visto il sindaco camminare per strada solo in pompa magna…comunque non ti voterò e non voterò altri perché nessuno è degno del mio voto!!


  • Un cittadino chiede.....

    CHE VUOL DIRE “SERVIZI ALLA PERSONA”
    CHIARITE BENE QUESTO CONCETTO..
    barbieri;
    assistenza fisica;
    prostituzione;
    estetiste;
    parrucchieri;
    infermieri;
    dottori
    figli che assistono i genitori malati;
    podologi;
    dentisti;
    Qualcuno mi spieghi quanto richiesto.


  • Carmela

    Se la prenderanno solo con i fratelli africani che vendono cianfrusaglie e i vecchietti che vengono le lumache e la rucola.


  • Alberto

    La speranza è il peggiore tra i mali, poiché prolunga i tormenti degli uomini.

    Friedrich Nietzsche


  • antonella

    Siamo in campagna elettorale, si puo` promettere tutto.


  • the swamp monster sipontina

    …di tutto e di più.


  • Durc pa siccja chion

    Spero che questo provvedimento, sortisca effetti diversi dalla spedizione di semi di piante al domicilio, lotta alle vendite di prodotti ittici irregolari e lotta alle feci canine e lotta all’evasione fiscale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This