ManfredoniaStato news

Nino Falcone: “Il futuro della Città? Va in porto”


Di:

Manfredonia – SI svolgerà domani, alla presenza di un parterre di alta caratura tecnica e politica, la tavola rotonda “Il futuro della Città va in porto”, organizzato dall’Autorità Portuale di Manfredonia per presentare l’atteso “Piano di sviluppo del Porto di Manfredonia, Linee guida per la redazione del Piano regolatore portuale”, un attento studio del contesto, delle infrastrutture portuali e del territorio di riferimento, nonchè la definizione degli obiettivi di crescita del sistema infrastrutturale.

Al convegno, che avrà inizio alle ore 18 presso Palazzo Celestini, prenderanno parte l’Avv. Gaetano Falcone- Commissario dell’Autorità Portuale di Manfredonia – , Angelo Riccardi – sindaco di Manfredonia – , l’Ing. Paolo Turbolente – progettista di Acquatecno -, il CF (CP) Marcello Luigi Notaro – Comandante della Capitaneria di Porto di Manfredonia -, l’Ing. Gianluca Ievolella – Consigliere tecnico del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici -, del dott. Fabio Porreca – Presidente della Camera di Commercio di Foggia -, l’On. Dore Misuraca – componente della Commissione di Vigilanza sulla Cassa depositi e prestiti , e l’Avv. Giovanni Giannini – Assessore regionale alle Infrastrutture -.

“La proposta progettuale presentata dall’Acquatecno srl – evidenzia il Commissario – risulta essere l’ipotesi ad oggi ritenuta ottimale per conseguire gli obiettivi di sviluppo. Lo studio effettuato ha consentito di delineare un ampio ventaglio di possibilità di sviluppo per il Porto di Manfredonia: esso, infatti, potrà qualificarsi come terminale marittimo di riferimento lungo le direttrici di traffico nazionali ed internazionali individuate dai Corridoi Trans – Europei I e VIII; porto multifunzionale al servizio del proprio territorio di riferimento (Provincia di Foggia – Territorio de La Capitanata); centro d’eccellenza per la lavorazione del pescato (Distretto della Pesca) e per la cantieristica tradizionale (Distretto della cantieristica storica); infine, terminale marittimo di riferimento per gli itinerari ambientali e turistici caratterizzanti la costa e l’entroterra del nord della Puglia, nonché per gli itinerari turistico – religiosi le cui mete principali sono i Santuari di S. Pio a San Giovanni Rotondo e di S. Michele Arcangelo nell’omonimo Comune”. In sostanza gli obiettivi generali di crescita del Porto di Manfredonia individuati sono: rifunzionalizzazione del Porto di Manfredonia (rimessa in pristino ed efficientamento delle opere portuali esistenti); messa in sicurezza delle infrastrutture portuali; recupero del rapporto porto – città e porto – territorio; tutela e salvaguardia dell’ambiente.

Il Commissario Falcone fa cenno a quelle che sono le prospettive del sistema portuale di Manfredonia. “La proposta di trasformazione per il Porto Commerciale, che conserva la sua configurazione a bacino, prevede la realizzazione del Molo della Pesca a delimitazione dell’avamporto per la difesa dal moto ondoso che penetra da sud-est (Scirocco) e da sud-est/est (Scirocco-Levante), la riorganizzazione del Molo di Ponente destinato al traffico passeggeri (Ro- Pax), Metrò del mare, la riorganizzazione di Cala dello Spuntone, dedicata alla cantieristica, della Banchina Tramontana, destinata allo sbarco del pescato, la riorganizzazione di Cala Diomede, anch’essa dedicata alla cantieristica ed, infine, la sistemazione del Molo di Levante dedicato all’ormeggio della flotta peschereccia. Tra gli interventi di trasformazione – aggiunge – figura anche l’approfondimento dei fondali alle quote – 5,00 e -7,00 m s.l.m.m. Relativamente al Porto Alti Fondali è stata ipotizzata la realizzazione di un ulteriore bacino, il Bacino S. Pio, ad ovest di quella originario, con conseguente allungamento dell’opera di difesa. Il nuovo Porto
Alti Fondali, pertanto, sarà composto da due bacini, il Bacino S. Michele Arcangelo, ossia il bacino originario, delimitato dalla diga di protezione ad est e dal Pontile centrale ad ovest, ormeggi A2, A3 e A4 per le rinfuse secche, A5 per le rinfuse liquide; il nuovo Bacino di S. Pio delimitato ad est dal citato Pontile centrale, ad ovest dall’omonimo Pontile di S. Pio, ormeggio A1 per le rinfuse secche ed ormeggi A0 ed A00 per Ro-Ro e crociere. Elemento essenziale è il Pontile di approccio che raccorda il porto vero e proprio alla terra, che sarà necessario adeguare alle normative vigenti ed al nuovo quadro funzionale delineato per l’infrastruttura”.

“Come ben si può evincere – conclude Falcone – Manfredonia può contare sulla sua primaria risorsa, il mare, per invertire le tristi sorti con le quali ha dovuto fare i conti negli ultimi anni. La città si riappropria funzionalmente ed anche a livello urbanistico di un tratto distintivo della sua identità. Dopo anni di duro lavoro, sono orgoglioso, in primis come cittadino sipontino, di aver sprigionato finalmente queste notevoli risorse e prospettive concrete per il futuro di questo territorio”.

Redazione Stato

Nino Falcone: “Il futuro della Città? Va in porto” ultima modifica: 2014-05-05T14:03:11+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • Rob

    ma è alle 16 o alle 18 come scritto nel precedente articolo?


  • Redazione

    Buon pomeriggio, alle ore 18; grazie, Redazione Statoquotidiano.it


  • Sorridi sei a Manfredonia:la città dei balocchi

    Abbiamo più porti di Amsterdam!
    Per il decollo di vuole il movimento delle nave altrimenti assistiamo a tracolli e non decolli!!


  • SENZA SPERANZE

    Spett.le Redazione, in riferimento all’articolo sul canone rai ho notato che non si possono aggiungere commenti, solo per dire che è giusto che il Canone Rai venga inserito nella bolletta dell’Energia elettrica riferita all’abitazione principale. Un miriadi di furbi sarebbe costretta a pagarla!!


  • beppe

    Spett.le redazione, so che non è la sede opportuna ma volevo complimentarvi con voi per la nuova realizzazione del sito del giornale. C’è un problema però! La visualizzazione negli smartphone ed iphone è piena di errori! Spero sia Vs interesse continuare a coprire con il Vs servizio anche la parte dei lettori che utilizzano le suddette apparecchiature per consultare il Vs giornale on-line! Cordiali saluti! Beppe.


  • Redazione

    Buongiorno Beppe, grazie innanzitutto per i complimenti; come detto e scritto, si tratta di una versione Beta di Statoquotidiano.it, lanciata per poter continuare a proseguire nel nostro lavoro; vi chiediamo di attendere i prossimi aggiornamenti; grazie, a disposizione; Redazione Statoquotidiano.it segreteria@statoquotidiano.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This