Edizione n° 5310
/ Edizione n° 5310

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Caro estate in Puglia, turisti in fuga in Albania: record di partenze

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
5 Agosto 2023
Gargano // Manfredonia //

FOGGIA – Che la Puglia stia guardando con sempre più interesse al turismo di lusso non è una novità. Ieri, Vito Vergine – titolare del lido Maldive del Salento a Pescoluse e presidente del Sindacato italiano balneari di Lecce – aveva detto che i rincari dei prezzi in regione hanno proprio questo obiettivo: selezionare la clientela. Una strategia che però ha prodotto un effetto collaterale non indifferente: la fuga dei turisti italiani all’estero.

 

A raccontarlo è l’edizione locale di Repubblica, che ha raccolto alcuni dati sull’andamento dei flussi turistici in Puglia.

 

fonte: corrierebari

 

Da una settimana i collegamenti da Bari a Durazzo – in Albania – sono raddoppiati e un quarto dei passeggeri è italiano. Per il mese di luglio, i gestori dei lidi in Puglia hanno denunciato un calo delle presenze del 20%. Un dato a cui fanno da contraltare i numeri sempre più in crescita delle partenze verso Tunisia, Albania, Grecia, Mar Rosso e Spagna.

 

A spingere molti pugliesi a trascorrere le proprie vacanze altrove sembrano essere proprio i prezzi. «Qui una cena a base di pesce può costare tra i 20 e i 35 euro, contro gli oltre 40-45 della Puglia», racconta il ristoratore Tonino Lembo in vacanza a Salonnico.

 

Federalberghi: «La Regione è ferma»

 

A confermare l’aumento dei prezzi e la diminuzione delle presenze di turisti è anche Francesco Caizzi, presidente della Federalberghi Puglia. «Il calo più importante si registra in zone balneari come il Salento e parte del Gargano, i nostri maggiori attrattori», spiega in un’intervista a Repubblica. La Puglia, aggiunge Caizzi, «è turismo balneare. Ma anziché valorizzarlo lo abbiamo snobbato, privilegiando ad esempio i borghi o altre destinazioni».

 

ph matteo nuzziello
ph matteo nuzziello

 

Alla situazione contribuiscono poi altri due problemi: la mancanza di infrastrutture di collegamento e gli affittacamere abusivi, soprattutto nelle zone più turistiche. L’unica nicchia che sembra non conoscere crisi è il turismo di lusso: «È un tipo di settore che non subisce mai cali, trattandosi di persone con una capacità di spesa elevata», conferma Caizzi.

Lo riporta Open.

8 commenti su "Caro estate in Puglia, turisti in fuga in Albania: record di partenze"

  1. Mi trovavo a Vieste….ed ero vicino ad uno stabilimento balneare ,un turista comprò un bottiglia d’acqua da 2 litti e la pagò €4.
    Rimasi sbalordito….

  2. @ Giuseppe:
    Invece io una bottiglietta da MEZZO litro di acqua, a Rimini, Pisa e Firenze, 15 anni fa’, lo pagata 2 euro.
    Fai il confronto.

  3. Mi trovavo a Rimini, 15 anni fa, e una bottiglietta di acqua da MEZZO litro mi e’ costata 2 euro.
    Giuseppe, sei stato fortunato.

  4. Spaventosa l’assenza di turismo d’agosto a Manfredonia.Almeno il 45% in meno degli anni scorsi e il 70% in meno della media degli ultimi decenni.

  5. @ Alfredo 1
    Io non l’ho comprata, l’ha comprata il turista.
    Sicuramente non avrei mai speso quei soldi per una bottiglia di acqua.
    Il problema è per tutta l’Italia,che invece di moderare i prezzi,aumentano in maniera smisurata.
    È normale che il turista ( lavoratore )va altrove.
    Ti parlo di coloro che si spaccano la schiena tutto l’ anno e cercano un po’ di riposo meritato.
    I vip soni un’altra categoria che a me non interessa, loro sanno dove andare.

  6. Selezionare i turisti secondo il reddito a volte significa escludere persone ben educate e non invadenti, a vantaggio di cafoni arricchiti. Cioè vi svendete per arricchire pochi gestori

  7. 2 euro per un litro d’acqua é un prezzo assolutamente normale in spiaggia , anzi quasi basso.
    Evidentemente al sud non conoscete i prezzi praticati nelle località del nord.
    Personalmente trovo il Gargano una meta economica in generale.

Lascia un commento

“I coraggiosi agiscono, i pavidi desistono.” Luigi Giuseppe Bruno D'Isa

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.