Foggia

Foggia, Nuzziello: Statale 16 è strada della morte


Di:

Tir statale 16 (statoquotidiano)

Foggia – “SONO assolutamente d’accordo con quel che ha dichiarato il consigliere regionale Francesco Damone sulla Statale 16, un’arteria del traffico che oramai si può definire ‘la strada della morte’. Le continue tragedie sono dovute al manto stradale e nella stessa misura alle lungaggini burocratiche e ad un continuo scaricabarile di competenze tra enti ed istituzioni. Un tributo di vite inaccettabile per un Paese civile e una Regione che si reputi moderna”. Lo dice in una la consigliera nota Anna Nuzziello.

“Negli anni scorsi si era proceduto al raddoppio dei tratti tra Foggia e Cerignola (sulla statale 16), Foggia e Lucera (sulla statale 17) e tra Foggia e Manfredonia (sulla statale 89) e da quel momento gli incidenti stradali sono nettamente diminuiti, se non cessati. Sul tratto Foggia-San Severo della statale 16 invece esiste da tempo un progetto di raddoppio da parte dell’Anas e diverse mozioni da parte mia e dei miei colleghi di diverse forze politiche, che però ancora attendono un riscontro concreto. In ballo c’è un bene comune da tutelare senza falsa demagogia”.

“È il momento di agire una volta per tutte. È assolutamente tassativo quindi che le forze politiche regionali, provinciali e comunali, d’intesa con i parlamentari che rappresentano la nostra Terra facciano fronte comune per intervenire in modo incisivo e determinante sul governo nazionale affinché in tempi brevissimi si aprano i cantieri dei lavori sul tratto Foggia-San Severo della statale 16″.

Redazione Stato

Foggia, Nuzziello: Statale 16 è strada della morte ultima modifica: 2013-11-05T22:55:25+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This