Manfredonia

Rendiamo fruibili a tutti le opere artistiche presenti in Comune


Di:

BENE che il Comune di Manfredonia voglia acquistare – per 10.000 euro – un acquerello di Chatelet che rappresenta uno squarcio settecentesco della nostra città, ma per farne cosa? Metterlo in qualche corridoio, in qualche stanza di un qualsiasi funzionario? Nella stanza di qualche assessore o in quella del sindaco?

È possibile partire da questo acquisto per dare un senso ad un’azione politica? È possibile dare un’opportunità alla città ed ai giovani a costo zero partendo da un investimento in cultura, che notoriamente è il più redditivo, con ricadute positive per la colletività.

Raccogliamo tutte le testimonianze artistiche presenti nei vari uffici comunali non aperti al pubblico. Raccogliamoli in un primo nucleo espositivo, a ben vedere non tanto piccolo. Sì, perchè nascondiamo alla pubblica fruizione beni, forse capolavori: abbiamo parecchi quadri di Giovanni Mancini, manfredoniano di adozione, che rappresenta la nostra città in vari aspetti ( la processione, squarci dal mare, veduta di Siponto, processione alla chiesa di S. Domenico e quella alla chiesa di Siponto, sacco dei turchi ed altre opere); splendidi quadri di Hender Voss, tedesco amante della nostra Manfredonia, donati dallo stesso alla nostra città. Ne ricordiamo uno che rappresenta il campanile Orsini con squarci di vita quotidiana e bambini in festa.

Non dimentichiamo i dipinti di Francesco Telera, acquistati in varie occasioni, soprattutto per il carnevale (veduta del ex cinema Pesante in occasione dei veglioni etc.); le belle vedute di corso Manfredi, e non solo, di Pasquale Impagnatiello; un quadro di Damato che rappresenta il torrione del fico, tutto nero nella sua particolare veduta del mondo. Ed ancora il famoso quadro di Giacometta Beccarini; la statua di San Domenico; il busto della baccante da cui deriverebbe il nostro carnevale, ed altri non di meno valore. Forse, se vediamo bene, nei polverosi archivi sono certo troveremmo delle testimonianze del Manganaro. Per concludere Ottavio Troiano, Franco Troiano e Michelangelo Mercurio forse saranno ben lieti di donare alla città altre opere. Vi è anche una splendida collezione di monete, tra cui quelle di Manfredi e forse dell’Universita di Manfredonia, che i ricordi di infanzia della mia generazione collocano in una stanza sempre chiusa di un impiegato del patrimonio e demanio.

Colleghiamo questi tesori al primo nucleo della cappella della Maddalena, dove una volta c’era la pretura e l’ufficiale sanitario, ed oggi sede di qualche assessore, peraltro provvisorio perché Manfredonia dovrà perdere sei consiglieri e non meno di due assessori. A meno che il futuro sindaco voglia prendere esempio dal sindaco Riccardi, e nominare consiglieri/delegati/assessori in pectore. Cosa ci mettiamo negli uffici per riempire le pareti?

Be’, prendiamo esempio dallo stesso Riccardi, primo cittadino che nella sua stanza ha messo poster di Obama, madre Teresa di Calcutta, del Papa etc. Oppure dei bei poster della città o del Gargano, magari offerti dal Parco.

Visto che questi beni sono pubblici, pagati con pubblico denaro, o donati alla città, siano fruiti da tutti, magari utilizzati dall’agenzia del turismo come occasione di una visita alla città per
futuri turisti.

Basta poco e meccanismi virtuosi si mettono in moto per dare alla città un’occasione in più, visto che ai giovani stiamo rubando tutto, anche la speranza. Mi auguro che il Sindaco, o chi per esso, prenda in seria considerazione l’idea. Magari gli diamo anche la primogenitura, ma proviamoci.

(A cura di Giovanni Caratù – Presidente Moderati e Centristi di Manfredonia)

FOTOGALLERY

Rendiamo fruibili a tutti le opere artistiche presenti in Comune ultima modifica: 2013-11-05T18:12:05+00:00 da Giovanni Caratu



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • SOLIDARNOSH

    Premesso di non aver nulla in contrario per l’arte e la cultura anzi,ma con tutti i problemi che quotidianamente ci attanagliano stare dietro a queste cose mi sembra allorquanto inutile.Piuttosto cerchiamo di formulare e fornire informazzioni idee e consigli per far uscire da questa melma depressiva la nostra città”GIUà RSPIGGHIT” che il candidato sindaco alle prossime amministative sarà una persona qualsiasi di una lista civica.


  • ilproletario

    Solidarnosh, non sei contrario all’arte, ma forse sei di quelli che dicono che con l’arte non si mangia! Invece è la prima industria per l’Italia e potrebbe essere ancor più valorizzata se non ci fossero tante persone che, forse giustamente dal loro punto di vista, la pensano così.


  • CHE

    anche le fotografie e i quadri dei vari concorsi di carnevale, e saranno un centinaio e passa

  • un bel articolo questo,anche perchè l arte è cosa importante visto che noi in italia siamo pieni di opere culturali opere d arte,quindi bisogna valorizzarle e saperle usare perchè potrebbe diventare una grande industria e visto che in quest articolo la spesa riguarda noi cittadini manfredoniani non penso che siano problemi inutili solidarnosh….X SOLIDARNOSH penso che sia più inutile il tuo commmento che l articolo visto che di tutto parli tranne dell articolo,ah comunque visto che tu sai cose che noi cittadini non sappiamo grazie per l informazione almeno so con chi aggregarmi già da adesso forse e alle prossime amministrative chi votare 🙂


  • Siponta siponta

    mamma meje, pur di far parlare si se, ci inventiamo di tutto, all’ anima di sti tre quadrett da mostrare al mondo di barbie, tutti professori dell’ arte del turismo e delle tradizioni. da tokyo e pechino stanno gia organizzando voli dopo aver letto questa genialata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This