Edizione n° 5402

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Accusata di infanticidio, Monia dura: “I miei bimbi erano tenuti come gioielli”

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
5 Novembre 2023
Attualità // Stato prima //

ANSA“Ho sempre affermato che non sarei stata in grado di sopravvivere se anche il mio secondo bambino mi avesse abbandonato…

E questa affermazione si è rivelata veritiera. Continuo a vivere solamente per proteggere l’immensa amore che nutro per i miei figli dalle accuse della procura, poiché i miei bambini erano considerati come tesori, erano perfetti, erano la gioia che ho cercato per tutta la mia vita.”

Questo è quanto Monia Bortolotti ha scritto circa venti giorni prima di essere arrestata a Bergamo con l’accusa di duplice infanticidio per la morte di Alice, quattro mesi, e Mattia, due anni, in una pagina Facebook dedicata alla sensibilizzazione sulla SIDS, ovvero la cosiddetta morte in culla.

Questo non è il solo post. Un altro, riportato dal Corriere della Sera, risale al 20 agosto. Un sfogo sulla perdita dei suoi figli, ma soprattutto sulla fine della relazione con il suo compagno: “Per me, amare significa restare al fianco di qualcuno nei momenti belli e brutti, ma non tutti sono capaci o disposti a farlo.

Nel post del 13 ottobre (a cui ora i commenti sono stati disabilitati), scrive alle “cari mamme e cari papà” che “il senso di colpa per non aver fatto abbastanza per i miei bambini, per non essere riuscita a salvarli, mi sta distruggendo”. Ripercorre la sua versione di quanto accaduto con i suoi due figli. Monia si incolpa, ma allo stesso tempo incolpa anche gli altri. “Avrei dovuto essere accompagnata a una visita quella mattina, invece ho deciso di andare da sola perché come sempre mi preoccupavo di non disturbare nessuno,” spiega. E continua: “Avendo avuto una madre psicologicamente aggressiva, non riesco nemmeno a concepire la violenza verbale, tanto meno quella fisica, contro qualsiasi essere vivente, ancor meno i miei bambini.”

Ormai – aggiunge – vivo per difendere il mio amore, perché se devo riflettere sulla mia condizione attuale, mi sento morta da tempo… insieme ai miei angeli. Il mio cuore è con loro, la mia casa è con loro, non trovo più un posto per me qui.”

“Sto facendo del mio meglio per proteggere la mia famiglia con un sorriso, cercando di andare avanti lavorando, studiando e uscendo. Ma la verità, conclude, è che senza i miei bambini, non ho alcuna ragione di esistere in questo mondo.”

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.