Edizione n° 5339

BALLON D'ESSAI

AL VOTO  // Sostenibilità a tutto tondo. L’idea di paese per Filippo Barbano
17 Maggio 2024 - ore  15:14

CALEMBOUR

MATTINATA // Gianfranco Prencipe assolto da ricettazione targhe di nazionalità tedesca. Virale dopo videoclip
15 Maggio 2024 - ore  11:07

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Foggia, Procura indaga su morte due neonati ai Riuniti

AUTORE:
Girolamo Romussi
PUBBLICATO IL:
6 Gennaio 2010
Cronaca //

Corsiaospedale, immagine d'archivio
Corsiaospedale, immagine d'archivio
Foggia – LA PROCURA della Repubblica di Foggia ha aperto un fascicolo d’indagine in merito ai decessi di due neonati, avvenuti tra il 18 e il 24 dicembre del 2009, morti entrambi, a poche ore di distanza dal parto, all´interno del reparto di terapia intensiva degli Ospedali Riuniti di Foggia. Il dubbio degli inquirenti è che la morte dei due bimbi sia stata dovuta alla setticemia (o sepsi , putrefazione, malattia sistemica causata dalla contemporanea presenza di Sirs – Systemic Inflammatory Response Syndrome- e Infezione, presunta o documentata. A causa della sua natura particolarmente aggressiva e multifattoriale, la sepsi conduce rapidamente a morte e costituisce la principale causa di decesso nelle terapie intensive non coronariche di tutto il mondo, con tassi di letalità che vanno dal 20% per la sepsi al 40% per la sepsi grave, ad oltre il 60% per lo shock settico: umulativamente, nel mondo muoiono per sepsi circa 1400 persone al giorno). Trenta complessivamente gli indagati, tra personale medico, ostetrici e dirigenti, ovvero il personale che ha seguito l’andamento delle cartelle cliniche dei due neonati. L´incubo per le due famiglie coinvolte nella triste vicenda è cominciato il 18 dicembre, quanto Giorgia, come confermato dal padre della bimba Mario Mavilia, era nata da soli due giorni. Il padre della bimba ha perciò raccontato del rapido trasferimento della figlia, dopo il parto cesareo, nel reparto di terapia intensiva neonatale dei Riuniti di Foggia “per un problema di tipo respiratorio”, fino all’ammissione da parte di una dottoressa di presenza di setticemia, una infezione batterica che come detto, “dopo diversi arresti cardiaci e altre crisi respiratorie”, ha portato al decesso della bimba. Anche Samuele, come confermato dal padre Giuseppe Volpe, era nato da un parto cesareo, con il peso di soli 1,8 chili. La notte del 24 dicembre il bambino avrebbe avuto una crisi prima del decesso finale. Già effettuata l’autopsia su entrambi i corpi dei bambini.

 

GARANTE DELLA SALUTE – Non si conoscono ancora i risultati dell’autopsia eseguita sui due sfortunati corpi, ma la Procura ha iscritto nel registro degli indagati trenta persone, tra personale sanitario e meno. In attesa degli sviluppi dell’inchiesta, si fa strada l’ipotesi dell’istituzione di un “Garante della salute” con il compito di verificare la qualità delle cure e dei servizi prestati dal Servizio sanitario nazionale. E’ quanto prevede un disegno di legge firmato dal presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul Servizio Sanitario Nazionale, Ignazio Marino (Pd), e la capogruppo del Pd al Senato, Anna Finocchiaro. Si tratterebbe di un provvedimento che andrebbe solo ad arginare il mare di polemiche che sta investendo la sanità pugliese. Mentre continuano le famiglie colpite da lutti ancora senza una risposta.

 

(ha collaborato Nicola Saracino)

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.