ManfredoniaStato news

Discarica abusiva ZI a Manfredonia, Marasco: ora bonifica


Di:

Manfredonia – IERI pomeriggio nella nuova zona industriale di Manfredonia Sud sulla S.S.89 verso Foggia, le Guardie Ecologiche Ambientali del Corpo Volontari Civilis, Bissanti Antonio e Rignanese Giovanni con il Comandante Giuseppe Marasco, durante il servizio di controllo del territorio a tutela dell’ambiente, hanno individuato un’altra discarica abusiva.

Nell’area sono state smaltite sostanze fortemente inquinanti, e come un ruscello immissioni di sostanze liquido puzzolente e inquinante, che avrebbero con il tempo rischiato di contaminare le falde acquifere della zona. Dalle foto effettuate sul terreno avrebbero infatti evidenziato la presenza di sostanze quali: oli minerali, amianto e plastica un po’ di tutto (vedi foto di Odeon). La discarica, abusiva non autorizzata, interessata corre il rischio di inquinamento delle falde sottostanti.

Le indagini sono state affidate al Comando Stazione di Manfredonia del Corpo Forestale dello Stato in collaborazione del Nucleo di Polizia Ambientale delle Polizia Locale e delle Guardie Ecologiche Ambientali del Corpo Volontari CIVILIS del Comandante Giuseppe Marasco. Infatti, L’art. 32 della Costituzione Italiana, nel sancire la tutela della salute come ”diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività”, di fatto obbliga lo Stato a promuovere ogni opportuna iniziativa e ad adottare precisi comportamenti finalizzati alla migliore tutela possibile della salute in termini di generalità e di globalità atteso che il mantenimento di uno stato di completo benessere psico-fisico e sociale costituisce oltre che diritto fondamentale per l’uomo, per i valori di cui lo stesso è portatore come persona, anche preminente interesse della collettività per l’impegno ed il ruolo che l’uomo stesso è chiamato ad assolvere nel sociale per lo sviluppo e la crescita della società civile.

Dura la reazione di Giuseppe Marasco Comandante del Corpo CIVILIS,(nella foto), che ancora una volta richiama l’attenzione sulla difficile situazione ambientale di Manfredonia e dell’intera Provincia di Foggia. «Questo è un territorio martoriato, qui sono concentrate numerose discariche, basta guardarsi intorno. ll territorio ha dato tutto quello che poteva, è ora di finirla. Il paradosso è il piano nazionale che definisce il sud ‘a vocazione discariche’. Noi non siamo d’accordo, anzi lodiamo ed apprezziamo il lavoro che egregiamente stanno svolgendo tutto lo staff dell’Assessorato All’Ambiente del Comune di Manfredonia coordinato dall’Assessore Avv. Adamo Brunetti, inoltre abbiamo inviato a tutte le Autorità la relazione di servizio, per una bonifica di tutta l’area. Bonificare significherebbe rilanciare anche dal punto di vista occupazionale( vedi ex Enichem ecc.). Per quello che è successo nello specifico ci attiveremo subito e faremo pressioni affinché vengano appurate tutte le responsabilità sia pubbliche che private».

Redazione Stato@riproduzioneriservata

FOTOGALLERY
discaricaabusivamanfredoniazi (1)

discaricaabusivamanfredoniazi

Discarica abusiva ZI a Manfredonia, Marasco: ora bonifica ultima modifica: 2014-05-06T15:04:00+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • Paolo

    ciò che è stato sarà e ciò che si è fatto si rifarà; non c’è niente di nuovo sotto il sole.
    Quindi ci limitiamo a proporla come mera opinione che, una volta detta, lascia spazio alla nota filastrocca: stretta la foglia, larga la via, dite la vostra che ho detto la mia!


  • Enzo

    Mi auguro,ogni intervento immediato od a breve termine, da mettere in opera nelle condizioni di emergenza di cui alla lett. t) in caso di eventi di contaminazione repentini di qualsiasi natura, atto a contenere la diffusione delle sorgenti primarie di contaminazione, impedirne il contatto con altre matrici presenti nel sito ed a rimuoverle, in attesa di eventuali ulteriori interventi di bonifica o di messa in sicurezza operativa o permanente.


  • Renzo

    Ma noi potremmo richiamare la previsione di cui all’art. 245, comma 2, del D.Lgs. 152/2006: « È comunque riconosciuta al proprietario o ad altro soggetto interessato la facoltà di intervenire in qualunque momento volontariamente per la realizzazione degli interventi dì bonifica necessari nell’ambito del sito in proprietà o disponibilità »


  • Cosimo

    Al di là della dissonanza contenuta all’articolo 245.2 D.Lgs. 152/2006 (Vds. nota 9), è possibile confermare che dal combinato disposto degli artt. 244, 250 e 253 del Codice ambiente si ricava che, nell’ipotesi di mancata esecuzione degli interventi ambientali in esame da parte del responsabile dell’inquinamento, ovvero di mancata individuazione dello stesso – e sempreché non provvedano né il proprietario del sito, né altri soggetti interessati – le opere di recupero ambientale sono eseguite dalla P.A. competente, che potrà rivalersi sul soggetto responsabile oppure esercitare, ove la rivalsa non vada a buon fine, le garanzie gravanti sul terreno oggetto dei medesimi interventi, nei limiti del valore dell’area bonificata (T.A.R. Lombardia, Milano, Sez. II, 10 luglio 2007, n. 5355; T.A.R. Toscana, Sez. II, 17 settembre 2009, n. 1448)


  • Angelo

    come del resto risultava previsto dal quinto comma dell’art. 18 del D.M. 25 ottobre 1999 n. 471, in base al quale “nel caso in cui il sito inquinato sia oggetto … delle procedure concorsuali di cui al R.D. 16 marzo 1942 n. 267, il Comune domanda l’ammissione al passivo ai sensi degli artt. 93 e 101 del decreto medesimo per una somma corrispondente all’onere di bonifica preventivamente determinato in via amministrativa” (Cons. Stato sez. V, 25 gennaio 2005, n. 136; T.A.R. Toscana, sez. II, 1 agosto 2001, n. 1318; T.A.R. Lombardia, Milano, sez. II, 10 maggio 2005, n. 1159; T.A.R. Lazio, Latina, 12 marzo 2005, n. 304)


  • G.de Filippo

    Bene, allora chi bonificherà l’area? O i rifiuti resteranno dove sono? Giuseppe de Filippo – g.defilippo@statoquotidiano.it


  • Amedeo Nazzari

    Ma cosa sta combinando questo Marasco Giuseppe..? quella discarica è già sottoposta a sequestro giudiziario ed è attualmente sotto indagine. Chi ha controllato e controlla il territorio, conosce bene tutte le problematiche in corso del nostro comprensorio..!! Così facendo si va ad ostacolare le attività di Polizia Giudiziaria.. Ragazzi,prima di alzare inutili polveroni, informatevi..!!


  • semprevigile

    Marasco se nessuno provvede, in presenza di amianto, scrivi e manda le foto a: http://www.lasaluteinpillole.it/salute.asp?id=18680
    AMIANTO: Nasce il primo portale per le segnalazioni dei cittadini.


  • Manfredonia senza mare

    Che schifo e che onta per un città che aspira al turismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This