CapitanataStato news

Lacci: false le accuse di Bianchi e Potenza


Di:

Apricena – “CONOSCO bene la politica e con essa anche quelle tecniche messe in atto per vestir a proprio piacimento i panni della vittima. Negli ultimi giorni, in seguito ad una personale riflessione circa lo sversamento di rifiuti in agro di Apricena, mi permettevo di scrivere testuali parole: ‘Mi auguro che gli accertamenti facciano definitivamente chiarezza sulla vicenda. Apricena non può vivere con la paura che certe cose siano accadute e che, soprattutto, possano accadere nuovamente'”. Lo dice in una nota Michele Lacci, candidato sindaco di Apricena.

Preciso, anche se credo che non ce ne sia bisogno, che ho scritto questo pensiero perchè chi si candida a governare la Città per l’interesse collettivo ha il dovere di trattare temi seri che potrebbero danneggiare la salute di tutti. Immediatamente dopo questo, che vedeva un interesse rivolto alla salute di tutta la cittadinanza e non sicuramente nel mettere alla gogna il gruppo Bianchi, venivo indicato, da chi eccessivamente sponsorizzato dallo stesso gruppo, come colui che voleva cavalcare l’onda per danneggiare lo schieramento avverso. Seppur sempre sospettoso di chi, in alcuni casi, mette in atto un eccesso di difesa ancor prima che qualcuno lo dichiari colpevole, mi chiedo e vi chiedo: Se nel mio post su fb (e non solo su questo a cui faccio riferimento), non ho mai menzionato le parti politiche avverse, come mai quando un qualsiasi procedimento interessa il Gruppo Bianchi, vengo sempre tacciato da Potenza e dalla sua Lista di strumentalizzare la notizia ai fini della campagna elettorale?”.

Non mi pare di aver visto sui vostri manifesti elettorali il volto del Sig. Matteo Bianchi. Quindi, vi chiedo: ma il vero candidato Sindaco chi è? Accetto volentieri di confrontarmi con chiunque su qualsiasi tema, però chiedo che mi vengano mandati i candidati sindaci originali (gli ‘amici’ Franco e Matteo). Ci tengo a precisare inoltre che non ho bisogno di essere né giustificato né tanto meno difeso da nessuno, a differenza di chi accetta scuse da testate giornalistiche che oltretutto non hanno mai emesso nessun articolo sulla vicenda”.

“Come mai le stesse scuse non sono state pretese anche dalle altre redazioni che hanno pubblicato la notizia. Avendo infine scoperto, con stupore, che sui manifesti elettorali il nome che compare ( e solo il nome) è quello di Antonio Potenza mi chiedo se questo sig. Potenza che paventa su manifesti elettorali slogan quali “LAVORO, LAVORO,
LAVORO” e “100% LEGALITA’”, sia lo stesso sig. Potenza che qualche settimana fa è stato raggiunto da un provvedimento che prevede una PENA PECUNIARIA di € 2.199,00”.

“Perciò, attendo fiducioso che venga comunicato al suo tipografo la rettifica dei manifesti con: “NERO, NERO, NERO” e di abbassare la percentuale di legalità almeno del “50%”, conclude Lacci.

Redazione Stato

Lacci: false le accuse di Bianchi e Potenza ultima modifica: 2014-05-06T00:57:36+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This