Manfredonia

Accreditamenti cliniche, 6 condanne chieste da Procura


Di:

Giuramento medici a Faeto (St)

Medici (St - archivio)

Bari – SONO 6 le condanne chieste dalla Procura di Bari per altrettanti imputati nel processo con rito abbreviato sugli accreditamenti delle cliniche private, con complessivi 51 soggetti indagati, tra i quali 2 nativi di Manfredonia.

Dinanzi al gup del Tribunale di Bari Roberto Olivieri del Castillo, il procuratore aggiunto Lino Giorgio Bruno e i pubblici ministeri Desirè Digeronimo e Francesco Bretone hanno analizzato le posizioni dei sei imputati che hanno scelto il rito alternativo. Si tratta degli ex direttori della Asl di Bari Nicola Pansini, Alessandro Calasso e Francesco Lippolis, dell’ex direttore generale dell’Agenzia regionale per la sanità (Ares) Mario Morlacco, del dirigente del Settore Programmazione e Gestione Sanitaria della Regione Puglia, Fulvia Tamma e di Giovannantonio Daddabbo, ex direttore Dipartimento Prevenzione – Servizio igiene pubblica dell’ex Ausl Ba 5, come riportato da La Gazzetta del Mezzogiorno.

Il gup del Tribunale di Bari ha rigettato la richiesta di costituzione di parte civile della Regione Puglia (oggi perchè depositata tardivamente a procedimento ormai incardinato mentre nella scorsa udienza perchè priva della firma del legale), dichiarandola “inammissibile”. Già il 17 maggio 2013, il GUP, dott. Roberto Olivieri Del Castillo, aveva dichiarato inammissibile la costituzione di parte civile proposta dall’Amministrazione regionale, per “vizi di procedura tecnica”.

Le discussioni dei difensori dei sei imputati sono state fissate per le udienze dell’11 e 15 giugno. Per gli altri 43 imputati che non hanno scelto riti alternativi l’udienza preliminare proseguirà il prossimo 13 giugno 2013.
——————————————————————
FOCUS. In particolare si fa riferimento al procedimento penale del Tribunale di Bari a carico di B.L.+ altri 50, per il quale la Regione aveva riproposto la costituzione di parte civile nei confronti di 5 soggetti – interessati dal procedimento – che avevano avanzato richiesta di rito abbreviato.

“In particolare i capi d’imputazione nei confronti degli imputati riguarda reati contro la Pubblica Amministrazione che vanno dalla falsità materiale commessa da pubblici ufficiali in atti pubblici e da falsità commessa dai privati, dalla truffa, alla corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, alla estorsione, ecc. reati questi perpetrati ai danni dell’Ente Regione, deviando le finalità pubbliche e arrecando danni per l’amministrazione sia patrimoniali che non patrimoniali”.

“Per coloro che non hanno chiesto il suddetto rito alternativo – come scritto nell’atto regionale relativo alla richiesta di costituzione di parte civile- la costituzione è altresì riproponibile alla prima udienza utile dopo il rinvio a giudizio”. La Regione ha conferito la procura speciale e difesa tecnica all’avvocato Antonella Loffredo, dell’Avvocatura regionale.

Fra i 51 soggetti interessati nel procedimento penale anche 2 nativi di Manfredonia.

ALLEGATO – ATTO GIUNTA REGIONALE – ELENCO NOMI


Redazione Stato@riproduzioneriservata

Accreditamenti cliniche, 6 condanne chieste da Procura ultima modifica: 2013-06-06T20:03:50+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This