Economia

Crisi, Draghi: ripresa fine 2013


Di:

Indiscrezioni sulla Bce alimentano la fiducia, gli spread calano (fonte image: mister.x.it)

(ANSA) – Piazza Affari sempre peggio col Ftse Mib che ora perde il 2%, mentre in fondo al listini ci sono Mps (-7,3% teorico) e Fiat (-4,9%). Male anche gli altri bancari da Ubi alla Bper e il Banco che lasciano tutte un 4 per cento. Spread Btp-Bund oltre 273 punti e Piazza Affari a picco. Così i mercati italiani reagiscono al taglio delle stime all’eurozona da parte della Bce. Il tutto con l’euro che dopo il mantenimento dei tassi invariati vola sui massimi e i listini Ue frenano ma senza particolare scossoni. A incassare duri colpi invece è Milano che perde il 2,2% con i titoli bancari al tappeto: Mps è congelata (-7,1%) insieme a Ubi (-5,06%) e Bper. Male anche UniCredit e Intesa (entrambe -4%), crolla Fiat (-4,8%).

WALL STREET PROCEDE POSITIVA, DJ +0,04%, NASDAQ +0,12%- Wall Street procede positiva dopo un avvio debole in attesa dei dati sul lavoro, che saranno diffusi venerdì. Il Dow Jones sale dello 0,04% a 14.968,31 punti, il Nasdaq avanza dello 0,12% a 3.406,23 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,26% a 1.613,31 punti.

DRAGHI, RIPRESA PIU’ AVANTI SECONDA PARTE 2013 – Le prospettive di crescita dell’Eurozona hanno qualche “prospettiva di ripresa” nella seconda parte dell’anno. Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, promettendo una politica “accomodante per tutto il tempo necessario”. I Paesi in difficoltà che ora godono di un atteggiamento più favorevole da parte dei mercati, ha aggiunto, non devono abbassare la guardia e abbandonare gli sforzi per realizzare le riforme strutturali per la crescita.

Per Draghi, “il risanamento di bilancio è inevitabile. Non può esserci crescita con una creazione infinita di debito, prima o poi si viene puniti ed è esattamente quel che è successo. “il risanamento si può fare in maniera favorevole” alla crescita, senza aumentare le tasse. (ANSA)

Crisi, Draghi: ripresa fine 2013 ultima modifica: 2013-06-06T16:07:07+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This