Capitanata

Lucera, fortezza Svevo Angioina, è emergenza. Raccolta firme


Di:

Fortezza Lucera (statoquotidiano - Alessio Pittari/Adesso il Sud@)

Lucera – SONO ormai 300 le firme che sottoscrivono il documento redatto dagli attivisti del gruppo Lucera 2.0 per sollecitare le autorità competenti ad intervenire su quella che si sta trasformando da banale situazione di incuria ad emergenza vera e propria: il fronte meridionale delle mura angioine della fortezza di Lucera sta lentamente, inesorabilmente, cedendo.

La secolare cinta muraria e le torrette di guardia che si affacciano verso Troja, Biccari ed Alberona manifestano delle vistose crepe che danno l’idea di quello che potrebbe essere il movimento del versante collinare che, indebolito dall’attività estrattiva dell’argilla prima, e dai tanti incendi che hanno devastato la vegetazione presente sul crinale dopo, sembra voler cadere giù.

I volontari del gruppo Lucera 2.0 hanno raccolto, domenica mattina, centinaia di firme presso il banchetto allestito in prossimità del “ponte” che collega Viale Castello all’entrata principale della Fortezza. Anche diversi turisti stranieri hanno sottoscritto il documento che verrà inviato, si legge sulla sottoscrizione, alla Prefettura, alla Regione Puglia, al Soprintendente per i Beni Architettonici ePaesaggistici per le Province di Bari, Barletta-Andria-Trani e Foggia, ed anche alla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Puglia.

Con alcuni volontari del gruppo di attivisti lucerini abbiamo documentato la precarietà di almeno tre torrette del fronte meridionale che manifestano paurose spaccature. Le foto che vedete in queste pagine evidenziano bene tutte le drammaticità presenti sul posto.

La “Torre della Leonessa”, svuotata ed insultata, silente osserva. Non ci riuscì Bud Spencer, ci stanno riuscendo i lucerini: presto sarà aperto un varco nelle mura della città. Ma lungo le mura notiamo che anche nuovi barbari stanno attentando alla tenuta delle pareti di mattoncino. Alcuni alberi hanno piantato le proprie radici proprio sulle torrette del fronte Nord. Come più volte evidenziato dalla testata giornalistica lucerina Sundaradio.it, tali arbusti sono ormai lì da anni e, nonostante tante promesse da parte di più amministratori di Palazzo Mozzagrugno, creano diversi problemi alle torrette, che rischiano di crollare sotto la pressione delle radici che, lentamente, vanno estendendosi sempre più. Resta da capire come sia possibile: non esiste nessun contratto, nei meandri di Palazzo Mozzagrugno, che impegni qualche ditta alla pulizia ordinaria dell’area della Fortezza? Mistero.

«A seguito della nostra iniziativa ‘presidio per il Castello’, qualcuno del Comune ha voluto incontrarci, assicurandoci che nel giro di qualche giorno avrebbe contattato gli Organi competenti per fare il punto della situazione sulla precaria tenuta statica del versante meridionale della fortezza – fanno sapere i giovani di Lucera 2.0 che osservano – Lo spunto di riflessone è il seguente: ancora una volta, per far valere i propri diritti, c’è stato bisogno di alzare la voce. E certamente non abbiamo paura di farlo e sappiamo che servirà per tanti altri argomenti, di forte criticità qui a Lucera».

Una delle tante storie di questo drammatico 2013. Ovviamente, da Lucera.

(A cura di Alessio Pittari – Redazione Adesso il Sud, per Stato)

Lucera, fortezza Svevo Angioina, è emergenza. Raccolta firme ultima modifica: 2013-06-06T09:52:47+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This