CulturaManfredonia

Nadia Ciccone, una montanara nel centro ricerche sul cancro di Houston


Di:

Nadia Ciccone - sindaco Di Iasio (statoquotidiano)

UNA ricercatrice montanara in uno dei più grandi centri americani specializzato nella cura e nelle ricerche sul cancro. Dal 1 luglio 2013 al 30 giugno 2014 infatti, la ricercatrice Nadia Ciccone sarà al MDACC di Houston. L’incontro con il Sindaco di Monte Sant’Angelo, Antonio di Iasio.

“È figlia di questa terra Nadia Ciccone, il cui impegno e determinazione ci auguriamo possano essere di sprono ed esempio per tutti noi” – dichiara Antonio di Iasio, Sindaco di Monte Sant’Angelo, che prosegue – “Siamo profondamente orgogliosi della nostra concittadina che si è distinta per il suo talento e per la sua vocazione per la medicina che le hanno permesso di raggiungere un così ambizioso obiettivo. Le auguriamo che questa nuova esperienza a Houston porti a grandi risultati nella ricerca sul cancro.” Di Iasio conclude: “Monte San’Angelo può essere fiera dei suoi giovani e delle tante menti brillanti che continuano a portare in alto il nome della nostra città. A loro ed alla dott.ssa Ciccone va il nostro grazie. In bocca al lupo Nadia”.

“Io spero di poter dare il mio piccolo contributo perché migliori ulteriormente la possibilità per i pazienti con tumori ematologici di poter essere curati” – dichiara la ricercatrice montanara Nadia Ciccone, che lancia un appello – “La mia storia credo insegni che conta impegnarsi per raggiungere buoni risultati, che si può essere orfani di genitori ma non di idee né di iniziativa. È un monito, però, perché a tutti coloro che lo desiderano e che lo meritino vengano date opportunità adeguate. Uno Stato che meriti questo nome deve garantire a tutti la possibilità di essere curati e a tutti di poter esprimere al meglio i propri talenti in ogni campo professionale ed operaio. E ciò deve essere possibile anche in Italia, perché la nostra è ancora una nazione libera, bella e abitata da idee oltre che da talenti”.

Nadia conclude: “Ringrazio quanti hanno fatto parte della mia vita, aiutandomi con i loro insegnamenti e la loro vicinanza, a tracciare questo percorso in cui forte si è mantenuto il legame con la mia Città”.

NADIA CICCONE – Nadia Ciccone, originaria di Monte Sant’Angelo, è nata a San Giovanni Rotondo nel 1975. Diplomata al Liceo Scientifico “G. Galilei” di Manfredonia si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Ferrara nel 2000 con votazione finale di 110/110 e lode. Nel 2004 la specializzazione in Ematologia c/o la Scuola di Specializzazione in Ematologia dell’Università degli Studi di Ferrara. Cultore della materia nel settore disciplinare MED/15 – Malattie del sangue presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Ferrara, dal 2010 lavora presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Arcispedale Sant’Anna di Ferrara. Coautrice di circa 20 articoli su riviste nazionali ed internazionali, di cui uno a primo nome, Nadia Ciccone ha collaborato alla stesura di libri di argomento ematologico, partecipa alle lezioni del corso di Malattie del Sangue della Facoltà di Medicina e Chirurgia di Ferrara, collabora alla conduzione di studi clinici nazionali ed internazionali.

Dal 1 luglio 2013 al 30 giugno 2014 sarà al MDACC di Houston, uno dei più grandi centri americani specializzato nella cura e nelle ricerche sul cancro (tumori solidi e del sangue).

Redazione Stato

Nadia Ciccone, una montanara nel centro ricerche sul cancro di Houston ultima modifica: 2013-06-06T09:24:23+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Antonello Scarlatella

    “È figlia di questa terra Nadia Ciccone”

    Proprio cosi’ caro Sindaco.

    Una figlia della vostra terra che per potersi affermare vola via a Houston, e come lei tanti e tanti altri.

    Lo Stato Italiano spende fior di quattrini per la formazione dei giovani….poi i migliori li perdiamo e i raccomandati, che rappresentano sempre la mediocrità, li teniamo in Italia.

    Non è un attacco verso di lei anzi, dal suo sguardo si evince una grande soddisfazione ma anche una delusione e rabbia che questi talenti volano via all’estero.

    Purtroppo la classe sociale e politica è piu’ attenta a tutelare le lobby oltre che a garantirsi il loro futuro e non trovare le soluzioni che siano orientate allo sviluppo alla ricerca ed altro.

    Come dissi tempo fà, continuiamo a tutelare i privilegi di pochi e piegare i diritti di molti.

    Sarebbe stato bello che questa splendida ragazza, solare, preparata da come si evince dalla foto sicura di se,

    fosse rimasta patrimonio culturale e scientifico dell’Italia e non degli Stati Uniti.

    Caro Sindaco, si legga l’articolo di sotto,

    http://www.repubblica.it/2009/11/sezioni/scuola_e_universita/servizi/celli-lettera/celli-lettera/celli-lettera.html

    lo legga attentamente…

    Alla Dott.ssa Ciccone faccio i miei migliori auguri di una vita piena di soddisfazioni professionali e personali.

    In questo paese la tua professionalità ed il tuo sapere, sarebbe stata offuscata da qualche cimice raccomandata dal potente di turno e con un compenso di massimo 800 euro al mese.

    In Italia non c’e’ spazio per la Scienza e per il merito noi dobbiamo sponsorizzare i politici, gli evasori fiscali, dobbiamo tutelare gli alti dirigenti dello stato itaiano e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.

    Addio, risorsa del territorio, ragazza piena di entusiasmo, studiosa e meritevole, il tuo sapere non serve nella terra del tricolore dove il termine meritocrazia è la piu’ volgare delle parolacce.

    Infiniti auguri..

    Antonello Scarlatella


  • Redazione

    Grazie Antonello per l’intervento; Red.Stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This