Edizione n° 5400

BALLON D'ESSAI

ANTIFASCISTE // Cerignola, il 25 luglio la “Pastasciutta antifascista” su Terra Aut
17 Luglio 2024 - ore  13:55

CALEMBOUR

TASK FORCE // Le ricerche di Antonio Draicchio, dopo 7 giorni, sono state interrotte come da prassi di legge
17 Luglio 2024 - ore  14:39

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

CRONACA Cerignola, aggressione a due medici del Tatarella: «Se chiami qualcuno vi ammazzo»

Futili motivi e un fraintendimento dietro minacce e vie di fatto fisiche

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
6 Giugno 2024
Cerignola // Cronaca //

Due medici sono stati aggrediti presso il presidio ospedaliero “G. Tatarella” di Cerignola, in un episodio che si è verificato per motivi apparentemente futili, basati su un fraintendimento. L’incidente è avvenuto alcuni giorni fa nella sala medici del reparto di Medicina Interna dell’ospedale, quando un uomo e una donna si sono avvicinati portando con loro uno smartphone e mostrando a un medico di turno alcune foto di un loro parente anziano, appena dimesso.

Attraverso le fotografie, i due hanno accusato il medico di aver causato un tumore al loro congiunto, nonostante i tentativi del sanitario di spiegare che si trattava di una piaga da decubito, una complicazione comune in pazienti costretti a letto per lunghi periodi. L’uomo, in particolare, ha perso il controllo, minacciando violentemente sia il medico che un suo collega intervenuto da Barletta, e un infermiere che si è unito alla scena. Le minacce si sono trasformate in azioni fisiche, con strattoni e spinte violente contro un muro. Solo dopo un po’ di tempo e l’intervento congiunto dei tre, con spiegazioni e chiarimenti, la furia dell’aggressore si è placata. “Se chiami qualcuno, vi ammazzo. Vi metto sotto con la macchina”, avrebbe minacciato.

La disavventura si è conclusa, questa volta, dato che è stata sporta regolare querela a seguito di lesioni personale e minacce.

Lo riporta Antennasud.com

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.