Manfredonia

Manfredonia, c’è il Festival del Blues


Di:

Manfredonia, parte il Festival del Blues (st)

Manfredonia – TRE sere di musica di qualità, quelle tra il 9 ed l’11 agosto, per la nuova edizione del “Manfredonia Blues Festival”. Un cast di artisti internazionali che renderanno il Piazzale Diomede, teatro della manifestazione per tutte e tre le serate, un coacervo di giovani e meno giovani pronti a dimenarsi e divertirsi grazie ai virtuosismi musicali degli ospiti che si succederanno nel corso dell’intero Festival. Serata dedicate, quindi, ai numerosi appassionati del genere, ma anche a quei tanti che si sapranno far trascinare dai ritmi che di volta in volta si succederanno sul palco.


La prima sera, quella del 9 agosto prossimo, si apre con Maurizio Pugno e MZ Dee. Maurizio Pugno, chitarrista umbro sulle scene da più di 25 anni, è ormai riconosciuto dai maggiori esperti dell’ambiente come musicista elegante e fine conoscitore degli stili musicali. Sempre più alla ricerca di linee melodiche autentiche e forti che si traducono in un lavoro dedito alla composizione e all’arrangiamento più che ad un idioma di “guitar hero”, ha ancorato il suo essere europeo alle radici musicali che affondano nella black music afroamericana e nella roots music in genere.

Dopo i due dischi da solista con gli ex Roomful Of Blues (Sugar Ray Norcia e Mark DuFresne), prodotti in USA dalla Pacific Blues Records e con i quali il musicista eugubino ha ottenuto numerosi riconoscimenti ufficiali in tutto il mondo, Pugno e il suo Organ Trio (Alberto Marsico all’organo e Gio Rossi alla batteria), si sono gettati in questa nuova avventura con la cantante di San Francisco, Dejuana Logwood detta MZ Dee, un mix vocale che sta tra il soul/gospel di Mavis Staples e il blues “catramoso” di Koko Taylor.

Negli ultimi 15 anni MZ Dee ha avuto la possibilità di cantare e registrare con grandi musicisti internazionali della scena (Ruth Brown, James Cotton, Robben Ford, Garth Webber, Chris Cain, Anthony Paule, Mark Ford, Mark Naftalin, Jackie Payne, Jimmy Pugh, Tommy Castro, ecc.) effettuando numerosi tours mondiali che l’hanno vista ospite nei migliori festivals jazz & blues del mondo nonché “opening act” per artisti del calibro di B.B.King. Il progetto Live con “The Italian Connection” (come viene definita la band all’estero) è iniziato nel 2011 e si è concretizzato nel nuovo lavoro discografico: “Letters From The Bootland”, un cd “soul/R&B oriented” scritto e pensato da Mr. Pugno per una “Large Band”.

In questo mix di blues, soul, R&B, Maurizio Pugno scrive 8 pezzi originali e arrangia 4 classici resi famosi da Etta James, Billy Preston, Bobby Bland e Donny Hathaway. Oltre a MZ Dee e al suo abituale Organ Trio sono parte integrante del lavoro i Cape Horns (Mirko Pugno alla tromba, Cristiano Arcelli al sax alto, Giordano Biccheri al sax tenore e Andrea Angeloni al trombone) e le Sublimes ai cori (Gloria Bianco Vega, Lorenza Giuliano e Elisabetta Rafaele).

Il “Letters From The Bootland” Summer Tour 2012 sarà di promozione e presentazione di tale progetto e vedrà la band suonare nei maggiori Festivals d’Europa. “I’d Rather Go Blind…. Brano reso famoso da Etta James, è oramai una pietra miliare della back music, e se ne sono sentite molte versioni… ma credetemi, questa di Mz Dee e Maurizio Pugno Large Band conquista la vetta e lascia senza respiro…” Joachim Brookes (Rocktime Magazine, June 2012).

Line up:
MZ Dee – Vocals
Maurizio Pugno – Guitars, Arrangements and Horns Arrangements
Alberto Marsico – Organ and Vocal Arrangements
Gio Rossi – Drums and percussion

Ah The Cape Horns:
Mirko Pugno – Trumpet
Cristiano Arcelli – Alto Sax and Horn Arrangements
Giordano Biccheri – Tenor Sax
Andrea Angeloni – Trombone


Redazione Stato



VIDEO

Manfredonia, c’è il Festival del Blues ultima modifica: 2012-08-06T11:58:21+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • falcon

    NIENTE IN CONTRARIO COL BLUES MA STI PARASSITI CHE VERRANNO QUANTO COSTERANNO ALLA COMUNITA SPENDIG REWIU ANCHE PER LORO


  • ciccio

    ogni anno inventano un concorso musicale un premio ecc…
    ogni galoppino dei politici inventa qualcosa per a……… ,,,,,,, questo pozzo quando finirà di cacciare acqua ….


  • giulio

    e critica di là e critica di qua poi volgiamo il turismo e poi ci lamentiamo degli eventi che dovrebbero portare turismo — e costano poco e fanno schifo e costano molto e non va bene !!!
    Siamo maledetti da qualcosa di supremo non ci va mai bene niente!
    Meno male che chi organizza ste cose nella nostra città non vi KAKA proprio … forza ragazzi andate avanti e complimenti al sindaco per la scelta del blues… qualità qualità qualità


  • Luigi o Gino per gli amici

    Io ho letto che hanno il patrocinio del Consolato degli Stati Uniti d’america….forse li non è arrivato Monti e la sua spendig rewee (ops ma si scrive così) bhoooooo. Sempre a lamentare…a commentare…..a questo punto commento anch’io e quanto è costato Battiti live…quanto ci sta rimettendo il comune per gli straordinari dei vigili e quanto ci rimetterà per la pulizia straordinaria delle vie cittadine per la sicura sporcizia che si andrà a creare e quanti saranno i danni…..del quasi scontato e speriamo isolato atto vandalico scaturente da questa manifestazione…e sono sempre gli stessi organizzatori….e di qua e di la….ma siate alle volte costruttivi….!!!Scendete dal podio dell’arroganza dove siete saliti con tanto i medaglia d’oro e di record mondiale e confrontatevi con chi vuole bene a questo paese. Che sia di destra o di sinistra l’importante è che la nostra città cresca


  • Manfredonia ha un debito pubblico apocalittico

    Intanto il debito sale..sale…sale…
    salgono le tasse…salgono..salgono..
    una totale anarchia amministrativa anch’essa responsabile della gravissima crisi economica che attanaglia il paese..
    non solo i governi centrali ma anche gli dei della spesa periferica sono responsabili del gravissimo dissesto finanziario..e loro continuano continuano con le spese inopportune….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This