Manfredonia

Manfredonia, iniziato il fermo delle attività di pesca


Di:

Manfredonia, un addetto alla vendita di prodotti ittici (st@)

Manfredonia – PARTITO il fermo pesca 2012 nel Golfo di Manfredonia. Interessate circa 280 barche con provvedimento analogo per i Compartimenti compresi nel tratto di mare da Pesaro e Brindisi. Gli interessati dovranno osservare, giusta decreto del 28 giugno scorsodel Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali , l’arresto temporaneo obbligatorio all’esercizio della pesca con il sistema a strascico e/o volante.

L’attività sarà ripresa lunedì 17 settembre prossimo. La misura nel contesto delle iniziative della Comunità Europea volte alla gestione razionale dello sfruttamento sostenibile delle risorse della pesca nel Mediterraneo.

Quarantadue giorni entro i quali i pescherecci rimarranno agli ormeggi nel porto, con documenti di bordo depositati in Capitaneria di Porto. Dalle fonti comunali, i pescatori sipontini “se condividono il provvedimento sul piano operativo”, non lo ritengono “organicamente finalizzato all’obiettivo che si vuole raggiungere, non ritenendo infatti che il periodo di fermo stabilito sia quello giusto per il Golfo di Manfredonia, vale a dire un habitat naturale di ripopolamento tra i più prolifici. Tant’è che avevano proposto l’anticipazione del periodo di sospensione delle attività a luglio”.

Pescatori Manfredonia (st@)

“Un solo mese di fermo biologico – sostengono i pescatori – non è sufficiente: se vogliamo veramente andare in soccorso del mare, dei pesci, se ne dovrebbero fare almeno tre, da giugno ad agosto. E’ infatti questo il periodo in cui le uova si schiudono e gli avannotti prendono forma e consistenza. Il Golfo di Manfredonia, da Macchia agli sciali (riviera sud, ndr), in questo di periodo è un turbinio di nuvole di novellame di ogni specie ittica. Andare a pesca in questo periodo significa, pur con tutte le precauzioni, fare incetta di novellame che non diventerà adulto e quindi il mare sarà sempre meno pescoso”.

Per le dieci settimane successive al fermo biologico, nell’area compresa tra Trieste e Bari, la pesca è vietata al venerdì e in un altro giorno settimanale definito dall’armatore e comunicato all’Autorità Marittima. A conclusione delle dieci settimane rimane l’obbligo da parte dell’armatore di sospendere la pesca in un altro giorno della settimana.

FOCUS PESCA: RECENTE L’ESTENSIONE DELLA CIG IN DEROGA

Pesca, elenco beneficiario contributo DM 10 giugno 2010

Redazione Stato

Manfredonia, iniziato il fermo delle attività di pesca ultima modifica: 2012-08-06T13:07:27+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • Amica

    Tanto i pescatori escono con le barche piccole e pescano comunque.


  • muammar

    condivido ciò che dice amica


  • pescatore di manfredonia

    non sono pescatori ma semplicemente “……”.E per questi piu controlli.


  • pescatore orgoglioso

    la magiorparte sono persone che si fanno chiamare pecatori ma in realta sono persone che anno posti di lavoro a terra e ci rovinano il nome dei pescatori, piu controlli da parte della finanza


  • Santiago Nadar

    adesso si dovrebbero far sentire e farsi valere i sindacati e l’ass. ARMATORI ma purtroppo non contano niente i pescatori di manfredonia non hanno un leader anzi coloro che dovrebbero gestire la categoria pensano attraverso la politica a gestire solo i loro personali interessi, a danno dei pescatori. POVERI PESCATORI.


  • ciccio

    @pescatore orgoglioso, questa la puoi far bere a chi non vi conosce… vi state già armando le barche per Capoiale, Sciali ecc…


  • ringos

    concordo con ciccio, basta fare dei controlli alle pescherie e ai venditori di pesce legale ed abusivi per vedere le agostinelle?

    da dove vengono? dalla cina? ahahah raccontatecela a chi non vi conosce


  • Amica

    Vi garantisco che sono pescatori quelli che vanno con le barchette ,l’ho sentito da loro.


  • Santiago Nadar

    hai ragione ciccio, ma la colpa non è di chi arma le barche ma di chi permette di far pescare di frodo.Ci vogliono piu controlli. I pescatori onesti dovrebbero denunciare, i sindacati e le ass. armatori dovrebbero essere vigili perchè chi pesca adesso contribuisce ad impoverire la categoria. Chiamiamola categoria.


  • pescatore orgoglioso

    siete una massa di pagliacci perche sono gia stati presi provvedimendi per quelli diciamo pescatori ma sono persone che non anno nulla da perdere ,e quindi rovinano il nome dei veri pescatori veramende onesti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This