Foggia

Foggia, WWF: subito piano del Parco e pubblicazione bilancio


Di:

Parco B.Incoronata (WWF Foggia)

Foggia – “L’INCENDIO che il primo novembre ha distrutto circa quindici ettari di sottobosco nel Parco Regionale Bosco Incoronata è l’ultimo atto di una lunga serie di attacchi all’area protetta. Per il WWF Foggia, l’Amministrazione comunale, invece di interrogarsi artificiosamente e senza risultati se si tratti di un atto vandalico o se non ci siano altre motivazioni, deve subito correre ai ripari”.

“Due sono gli atti concreti che il WWF richiede subito: l’approvazione del Piano del Parco e la pubblicazione dei dati di bilancio del Parco dell’Incoronata che, come prevede la legge, deve essere distinto dal bilancio comunale. I cittadini foggiani hanno il diritto di sapere in che modo sono stati spesi i soldi della collettività”.

“Dobbiamo purtroppo constatare il fallimento della gestione del Parco affidata nel lontano 2006 al comune di Foggia che in tanti anni non è riuscito neppure ad approvare il Piano del Parco previsto dalla legge istitutiva. – ha affermato Matteo Orsino presidente del WWF Puglia – Il Parco dell’Incoronata è nei fatti un’area priva di gestione, dove nel migliore dei casi vengono attuate iniziative estemporanee prive di qualsiasi visione di lungo respiro. Non stupisce quindi il fatto che, nella terra di nessuno dell’Incoronata, si possa impunemente appiccare il fuoco, cacciare di frodo, organizzare gare di motocross, senza che nessuno faccia nulla per imporre la legalità.”
Il Piano del Parco e la pubblicazione del bilancio sono passaggi fondamentali per iniziare un percorso di reale salvaguardia e valorizzazione dell’area protetta, fino ad ora minacciata da pericolosi mostri ambientali ammazza Parco regionale e ammazza Masseria Giardino. Ci si riferisce al mega impianto solare da 60÷80 megawatt su di un’area di duecento ettari. Progetto fortunatamente abbandonato dopo la sonora bocciatura da parte della Regione Puglia anche grazie all’opposizione delle Associazioni ambientaliste.

Altro esempio, i progetti multimilionari, di difficile realizzazione, su Masseria Giardino: impianti sportivi, sale conferenze, centro congressi. Nel frattempo si è lasciata andare in malora la Masseria, patrimonio di tutti i foggiani, anziché avviare un graduale processo di riqualificazione utilizzando le risorse che la Regione aveva messo a disposizione negli scorsi anni. Eppure proprio la Giunta Regionale, nello studio di fattibilità “Corridoio Ecologico del Cervaro”, in relazione a Masseria Giardino ha indicato il recupero della masseria con la realizzazione del museo della transumanza, la Casa del Parco nonché orti urbani, masseria didattica, vivaio di piante autoctone, orto botanico, infrastrutture per l’Istituto di Incremento Ippico.
Risalgono al 2010 le richieste di ampliamento delle attività estrattiva in prossimità dell’alveo del Cervaro da parte della ditta Conglobix s.n.c. Eppure la legge regionale n. 10/2006 (Istituzione del Parco naturale regionale ‘Bosco Incoronata’) vieta di aprire nuove cave, miniere e discariche nel perimetro del Parco.

La soluzione che è stata trovata appare evidente dalle recenti richieste di revisione della perimetrazione del Parco, sulla base di una iniziativa dei consiglieri regionali Lonigro e Losappio, richieste che prevedono l’esclusione dal Parco dell’area occupata dall’attività estrattiva e volta quindi a favorire un imprenditore privato, metodo che per il WWF può costituire un precedente pericoloso anche per altri contesti. “Per quanto riguarda l’attività imprenditoriale in questione – evidenzia Carlo Fierro presidente del WWF Foggia – se ci fosse già un Piano del Parco vigente, si potrebbe cercare un equilibrio tra la salvaguardia ambientale dell’area e le esigenze produttive della cava, mantenendola, anche attraverso modifiche normative, nell’area protetta, evitando così di perdere altro tempo con la riapertura della questione del perimetro del Parco.”

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Foggia, WWF: subito piano del Parco e pubblicazione bilancio ultima modifica: 2013-11-06T12:03:49+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This