Manfredonia

“La mia proposta per ‘salvare’ i ragazzi (e non solo) dalla strada”


Di:

L'attivista Francesca Brancati, anche referente Equality Manfredonia

“GENTILISSIMI lettori, gent.mo Sindaco, cari amici Volontari di tutte le associazioni di Manfredonia. Leggendo l’articolo relativo all’aggressione del 73enne invalido civile non posso solo inorridire e gridare al ‘rogo’. Non posso tollerare risposte che aggiungono violenza alla violenza. Non posso tollerare le ‘ronde’ e le ‘sprangate'”.

“Si tratta di ragazzi, minori, nostri figli, fratelli , nipoti. Siamo chiamati TUTTI alle nostre responsabilità. Ed io non intendo giustificarli per un simile gesto perché me ne guarderei bene. Ma vorrei sì provare a salvarli! Da cosa? Da se stessi prima di tutto. Permettete di dirmi, leggendo alcuni commenti all’articolo precedente, sorrido per la banalità con la quale qualcuno grida e sputa colpe sul primo cittadino, con il quale è pur vero che non sono sempre in accordo politicamente, ma mi sforzo sempre di difendere ciò che è politicamente e umanamente corretto. Sempre e comunque, a qualsiasi costo”.

“Se in mezzo a quei ragazzi ci fosse stato suo figlio potrei capire, ma non credo sia così. Il punto è che i ragazzi spesso , troppo spesso , sono lasciati a se stessi . Abbandonati dalle famiglie chi per un motivo , chi per un altro, trascorrono la maggior parte delle ore dopo la scuola buttati per strada alla mercé di quel che capita. Sfogano la rabbia e la frustrazione che hanno appreso , chi in un modo , chi in un altro. Non è colpa dei ragazzi. L’amministrazione potrebbe solo impegnarsi maggiormente a creare appositi spazi per farli giocaremonitorati‘ o meglio , al sicuro! Io ho detto anche durante un incontro con le associazioni nel quale si parlava proprio di questo aspetto nell’ambito di un’iniziativa sulla legalità, che i ragazzi più ‘problematici’ vanno stimolati. Si. Vanno responsabilizzati. Come?”.

“Cominciamo per esempio ad ‘affidargli’ gli spazi. Se io da buon educatore “lascio fare” ( chiaramente io sono li a sorvegliarli da lontano) .. però lasciandoli agire , lasciando che siano loro ad occuparsi anche della stessa manutenzione dei campetti da calcio .. loro potrebbero non solo giocare in spazi sicuri, ma sublimare le proprie frustrazioni e le proprie insoddisfazioni nella creazione di valore. Lasciamo che si prendano cura loro degli spazi. Una volta esistevano gli oratori in cui interi spazi venivano lasciati ai ragazzi per giocare a pallone o coltivare le proprie passioni”.

“Bene, intere generazioni di uomini sono venute fuori di li. Mio padre e suo fratello sono cresciuti ai Salesiani. Entrambi i miei nonni lavoravano e ‘non avevano tempo’ di occuparsi sempre di loro. Sono venuti su due bravi ragazzi e due uomini onesti, non due delinquenti. Lasciamo che siano loro a responsabilizzarsi. Diamogli spazio. Altrimenti saranno loro , come vedete,a prenderselo con la forza”.

“Caro Sindaco Angelo Riccardi ci possiamo lavorare su , creando valore, ne sono convinta. Dico anche , metto a disposizione il mio tempo libero , che per ora ne ho abbastanza, per questa causa. Mi piacerebbe che qualche altro volontario si facesse avanti, invece di criticare e basta!”.

(Lettera a Stato di Francesca Brancati, attivista)

Redazione Stato@riproduzioneriservata

“La mia proposta per ‘salvare’ i ragazzi (e non solo) dalla strada” ultima modifica: 2013-11-06T00:32:18+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
40

Commenti


  • Michael

    Da Ragazzo 16enne, Appoggio Pienamente la Posizione di Francesca. I giovani Feriscono, Deturpano, Uccidono anche nei casi piu’ estremi, si drogano, si Annoiano…
    L’Annoiarsi e’ la giustificazione che gli aldolescenti piu’ spesso usano…E se Fosse Davvero Cosi’?!? Non e’ di certo un bel modo di divagare ma diciamoci la verita’: “Da cosa possono trarre vantaggio quei ragazzi che oggi sono adolescenti?”
    DI NIENTE! Sono lasciati stare a marcire, non si impara lor


  • Michael

    Da Ragazzo 16enne, Appoggio Pienamente la Posizione di Francesca. I giovani Feriscono, Deturpano, Uccidono anche nei casi piu’ estremi, si drogano, si Annoiano…
    L’Annoiarsi e’ la giustificazione che gli aldolescenti piu’ spesso usano…E se Fosse Davvero Cosi’?!? Non e’ di certo un bel modo di divagare ma diciamoci la verita’: “Da cosa possono trarre vantaggio quei ragazzi che oggi sono adolescenti?”
    DI NIENTE! Sono lasciati stare a marcire, non si imparal’ loro l’Educazione, Il Modo di Apprendere, Non si indirizzano le loro menti verso cosa e’ giusto o sbagliato e se succede e’ da menti bigotte?
    E’la nostra societa’ che e’Regredita? Forse si’ , Forse No…Fatto sta che il giovane non ha possibilita’ di svago o di esprimere il proprio talento, gli si dice di fare molte cose ma non gli si danno i mezzi. E’PER QUESTO CHE (STUPIDAMENTE) HA BISOGNO DI COMMETTERE CRIMINI O AFFINI PER DIVERTIRSI…


  • michele

    Francesca bella proposta. Purtroppo come tanti altri Manfredoniani vivo fuori dal mio paese ma la mia famiglia e li. Ho un figlio della stessa eta’ dei bulli e non mi piacerebbe mai sentire una cosa del genere fatta da mio figlio. E lui lo sa`.

    Torno alla tua bellissima iniziativa e vorrei solamente darti un suggerimento vissuto sulle mie spalle. Tantissimi educatori intraprendono queste esperienze per aumentare I punti in graduatoria a scuola (cito esempi Grest, Catechismo, ACR e campo scuola, Rally della Pace) senza apportare nessun risultato alla causa, anzi come succede in tantissime societa` dove si pensa alla carriera o al successo nella scala dell`organigramma societario si accaniscono contro chi ci mette il cuore verso I ragazzini. Quindi chiedo a te (non penso che l`amatissimo Vescono mi legga) di non permettere l’emissione di lettere d`apprezzamento per incrementare l`invidia e la gelosia tra gli istruttori in quando chi paghera il dazio saranno di nuovo I nostri figli.
    Un augurio e ti prometto che nel mio pochissimo tempo libero (durante le ferie) mi fara` piacere aiutarti visto che non ho bisogno di punti.
    Buona fortuna. Michele


  • Maestra

    Francesca nelle ns scuole grazie agli ass. Varrecchia e Cascavilla in questi giorni si terranno le votazioni per eleggere i rappresentanti di classe che parteciperanno al forum dei ragazzi, il primo appuntamento sarà il 20 novembre a palazzo celestini, tra un po’ ne avremo tutti notizia, si sta già lavorando in questa direzione dall’ invidio dell’anno scolastico, naturalmente il forum sarà aperto a tutti, sarebbe bello se anche tu partecipassi.


  • Maestra

    Francesca nelle nostre scuole in questi giorni, grazie agli ass. Varrecchia e cascavilla si terranno le votazioni per eleggere i rappresentanti per ogni classe che parteciperanno al “FORUM DEI RAGAZZI”; il primo appuntamento pubblico sarà il 20 novembre, sicuramente tra un po ne avremo notizia, questo è il frutto di un lavoro che già da tempo è iniziato e che sicuramente darà degli ottimi risultati.Naturalmente il forum è pubblico e serve sempre l’aiuto di tutti, volontari e famiglie, sarebbe bello se anche tu partecipassi.Ciao


  • Franco

    Prima punire per far riflettere, poi educare…


  • Zazzà

    Francesca mi rivolgo a te in quanto genitore, la tua è una proposta valida e apprezzabile. Però nn sono d’accordo sul tuo dire “Abbandonati dalle famiglie chi per un motivo , chi per un altro, trascorrono la maggior parte delle ore dopo la scuola buttati per strada alla mercé di quel che capita. Sfogano la rabbia e la frustrazione che hanno appreso , chi in un modo , chi in un altro.” Be ti dico che in quanto genitore che sorveglia e tutela i figli, ti assicuro che quando escono di casa cambiano atteggiamento.Diventano perfetti sconosciuti, si adeguano al resto del gruppo, devono far parte della massa. Questa purtroppo è una caratteristica adolescienziale che il più delle volte ti porta a chiedere: ma questo è mio figlio/a? Devi sperare che i tuoi insegnamenti da genitore siano andati in porto, che nn si facciano spingere da questa o quella corrente di amici. Ma come dici tu bisogna sempre vigilare e mai abbassare la guardia, per cui nn sempre la colpa è dei genitori, ci sono tante storie di ragazzi di famiglie perbene che si sono rivelati dei perfetti delinquenti.L’unica soluzione è collaborare, creare dei centri di svago e toglierli dalle strade. Per altro poi rimane la speranza, d’altronde la madre dei cretini è sempre incinta e speriamo che questi episodi nn si verifichino mai più.


  • fast3r

    Chiacchiere…. e’ il momento che questi ragazzini ed i loro genitori si prendano la responsabilita’ di quello che fanno pagando di persona. Vui vedere che adesso dobbiamo costruire dare e pagare spazi per sti deficenti balordi? Ci sono tantissimi ragazzi meritevoli di queste cose e non se ne parla. Basta, ormai è il tempo di pagare di persona! So che il mio intervento non sarà molto apprezzato , ma io non mi nascondo verso falsi buonismi che hanno portato la società a questo punto.


  • Matteo

    E’ finita la pasta Barilla!


  • anto

    Gentilissima signora Brancati, le dico subito che cio` che denunciano i cittadini onesti, non e` mai banale, ma sono fatti di vita reale, sara` banale per lei che non legge attentamente, cercando di entrare nel merito di cosa viene scritto, la nostra manfredonia e` in uno stato di caos, e posso mostrarle cio` che dico visto che sto appunto facendo una raccolta fotografica, sul tema, che al momento giusto sara data alla stampa, dovrebbe vivere
    dentro la citta` minuto per minuto, giorno dopo giorno,
    questa storia del settantenne e` solo una delle tante storie
    della nostra vita cittadina, riguardo a chi deve
    amministrare l’ordine e il controllo, taccio che e` meglio.
    Dalle foto si capisce gia abbastanza,riguardo ai ragazzi di
    manfredonia, se gli esempi sono di degrado, malcostume,
    nessun controllo, e` troppo normale che si arrivi a tanto e
    di piu`, i ragazzi guardano agli adulti e agli esempi che gli
    diamo, se un mio figlio o nipote, avesse fatto un solo
    gesto simile, non starei a scusarlo ne altro, i ragazzi si
    educano, non rinchiudendoli in un recinto, ma con
    l’esempio forte di noi grandi


  • ciro

    ma ci vuole chi ti aiuta —


  • Pasqualino

    Ma fatemi il piacere!!! Cara attivista Brancati lo sai che ci sono asili Comunali (vedi Parco Pellegrino) che versano in condizioni di degrado assoluto? Passaci vicino e dai un’occhiata all’area giochi esterna ed al terreno incolto e pieno di sassi ed erbacce! Tutto comincia dall’inizio! Bisogna quindi condannare questi gesti delinquenziali dei nostri fratelli nipoti cugini e se si è a conoscenza denunciare i fatti all’autorità giudiziaria! Il tribunale dei minori poi farà la sua parte privandoli della libertà. Forse così capiranno! Lo sazio a disposizione gli sarà dato nel luogo di detenzione!


  • Vito

    giusto ,anche io sono disponibile a dare una mano


  • dsfds

    ma in concreto quali sono queste proposte per “salvare” i ragazzi dalla strada? viene citata piu volte la parola “spazi”.. ma in concreto? cura dei campi dalla mattina alla sera? e quando finiscono i campi poi cosa faranno? i lavori socialmente utili (magari scavalcando in graduatoria altre persone piu oneste)? non capisco.. in ogni caso devono pur lavorare e ricevere una stipendio per campare… altrimenti il senso di frustrazione è quadruplo! la soluzione è solo quella di trovare un lavoro al fine di non finire in carcere visto che non riescono a gestire la loro noia o tendenza a delinquere. tanto la proposta: “creare appositi spazi per farli giocare ‘monitorati‘ o meglio , al sicuro!” è un modo gentile di invitarli in una sorta di riformatorio giudiziario… cosa che a me non dispiacerebbe visto che hanno posto in essere lesioni aggravate ad un aziano.


  • randagismo no grazie

    Sono anni che ripeto anch’io le stesse cose, non esistono spazi in paese a partire dai parco giochi per bambini, campi di basket, calcetto, piste di pattinaggio, piscina comunale,ecc.
    Il comune ha pensato solo a costruire palazzi e aziende, ma di spazi sociali niente.
    Da piccoli noi siamo cresciuti per strada, tra gli scogli e la campagna, ma adesso non è più così. Le generazioni di oggi sono attratte da altri interessi la televisione i computer e alcuni crescono a fare i mafiosi e i vandali,per questo il comune avrebbe dovuto negli anni mettere a disposizione dei bambini e dei ragazzi degli spazi appositi dove confrontarsi, sfogarsi, conoscersi, crescere in modo sano.


  • Uno come tanti

    Caro michael, ora che ti scrivo mi trovo alla soglia dei 33 anni e come te, ovviamente, ne ho avuti 16. Quando io e i miei coetanei abbiamo avuto la tua età sta sicuro che la “noia” ha accompagnato anche noi. Quando si è adolescenti la “noia” è una fase normale in quanto si è pieni di energia e non trovare intorno a noi “stimoli” adeguati per poter usare tutta questa energia porta alla noia o meglio frustrazione. Questa noia/frustrazione però io e i miei coetanei non l’abbiamo mai utilizzata come scusa all’uso e/o abuso di alcolici e droghe oppure come attenuante per atti delinquenziali. Troppo facile anche dire che la società sia retrograda, bigotta o inadeguata. La prima forma di società in cui l’individuo si trova a crescere è la famiglia e penso che proprio da li derivino certi vostri comportamenti. Cara Francesca, gli appositi spazi che tanto decanti esistono o meglio esistevano prima che i vandali, che tu pensi possano esserne i custodi, pensassero bene di demolirli con tanto di video sorveglianza. Fatti una passeggiata al parco giochi che si trova vicino piazza delle rose e vedrai buona parte della staccionata divelta e sul lampione adiacente tanto di videocamera di sorveglianza. Poi fa un salto al parco giochi che sta nella zona dei “parchi” e vedrai che resta ben poco. Vogliamo parlare del percorso salute che tempo fa venne installato presso la pineta di siponto? Il problema è che questi gesti restano impuniti e cosa ben più grave si cerca di giustificarli ,apponendo un qualche disagio, invece che condannare e punire i colpevoli. Noi che siamo passati attraverso l’adolescenza senza commettere reati, siamo cresciuti nella realtà di Manfredonia che prima era anche più priva di stimoli rispetto a quanto non lo sia adesso e siamo cresciuti “in quella strada” da cui tu vorresti salvare tanti ragazzi. Per noi quella strada non è stata deformazione ma formazione. Quella che tu chiami salvezza, è un po’ come la democrazia, ossia non è un prodotto da importazione o che si può insegnare ma un qualcosa che ognuno di noi ha nella propria indole. Non mi serve che qualcuno me lo dica o insegni che picchiare un povero anziano di 73 anni sia sbagliato.


  • gionnyjolly

    In parte è vero ed in parte no,quello che scrive la signorina Brancati.I nostri genitori,in periodi in cui la fame era fame ed i desideri,se pur limitati,tanti,se ci permettevamo di portare alle nostre case qualcosa “di preso per caso”,i nostri ci “paliavano” .La noia?La combattevamo con non con i telefonini o le play stations,ma andando per falegnami a chiedere pezzetti di tavole abbandonate e con un barattolo ,un poco di colla.I nostri genitori,nella loro non”cultura”come la si intende oggi,qualcosa ci hanno dato….non solo calcio.Oggi molti ragazzi,con prospettiva “zero” o con genitori acculturati,fanno parte di un minestrone scipido;senza alcuna prospettiva ,ma pieni di ideali,si vedono derubati di tutto.Da una classe politica che è sotto gli occhi di tutti ed a tutti i livelli,ma anche di una chiesa che ha acconsentito a molti suoi operai di operare in maniera non appropriata e con esempi,tante volte,al limite della delinquenza……per amore dei soldi.A parte ciò,la scuola,per chi voglia di studiare non ne aveva tanta ha a sua volta mancato nella formazione di professioni.Non istituti privati per far ingrassare i soliti noti,ma istituti statali che potevano dare,senza imparare tanta pappardella a memoria,consentire l’apprendimento di un lavoro.Chi di noi,lontanamente ,non ricorda le scuole professionali marittime,che forgiavano motoristi e meccanici navali?Oltre:c’erano le botteghe che impartivano i rudimenti per una futura attività.Ciò è venuto meno,perchè una classe dirigenziale ha impartito il motto:Lavorare poco e guadagnare molto e se non si lavora e non si guadagna molto….Si ruba!Quindi,non solo campetti di calcio,ma laboratori seri che possano spingere i giovani ad nuovi interessi e a vecchie future attività artigianali!


  • Gesuele Rosciano

    Mio padre anche ultra settantenne abita nei pressi,io sono nato e cresciuto in quel quartiere. Chi mi conosce adesso,potrebbe pensare che sono cresciuto dai salesiani,eppure ho trascorso un infanzia molto vivace proprio per strada tra quelle vie,eravamo più che vivaci,comunque ragazzi di strada,ma mai a questi livelli.
    Sabato o domenica sera, ho visto due di questi “ragazzi” (età non nota,altezza circa 1,80 m) portare un bambino di 6 -7 anni che piangeva si dimenava e cercava di liberarsi,a mò di trofeo di caccia,costretto dalle mani e dai piedi,in giro per via Luigi Allegato e purtroppo mi trovavo in transito e non ho potuto intervenire.
    (Se i genitori di questo bambino o altri testimoni oculari dei fatti volessero denunciare sono pronto a testimoniare quanto ho assistito)
    Io personalmente ho già presentato 2 denunce di reato contro ignoti,dopo aver rilevato diversi danneggiamenti all’autovettura parcheggiata in zona.
    Carissima Francesca,pur apprezzando moltissimo la tua umanità,mi dispiace,ma,
    nella massima tolleranza,pur odiando ogni forma di repressione,
    devo ammettere che,
    dopo la brutale aggressione a quell’uomo,a mio parere,
    è ora che per i responsabili vengano aperte le porte del carcere minorile,in quanto,minimizzando questi accadimenti,rischiamo di ritrovare a breve,nuovi protagonisti di un nuovo romanzo criminale.
    La correzione di questi ragazzi ormai e purtroppo,
    può solamente essere disposta dal giudice.


  • Rione Croce Bronx

    Signora Brancati, perché non viene nel rione Croce a rendersi conto di persona di che cosa sono capaci i ragazzini, venga ad intervistare un po’ di gente trai quali molti anziani, qui è il top.
    Fatti non parole! La gente non ne può più e alla fine si è rassegnata ad essere vessata che si tappa in casa!!!!!!
    Non importa un cazzo a nessuno di questa drammatica situazione!!


  • Rione Croce Bronx

    Signora o signora Brancati, se può e quando può venga vicino la scuola elementare Croce ingresso principale e osservi lo stato di degrado totale dei pressi, simboli inneggianti al sesso, falli ciclopici, immondizia varia, cacche di cani è un’immagine molto emblematica del Rione!


  • nicola

    E’un problema educativo, in Italia non abbiamo più esempi buoni, l unica educazione diffusa è stata quella della legge del più forte. Se si fanno concorsi pubblici e vince chi ha la raccomandazione,senza meriti, se le regioni,lo stato ecc derubano soldi pubblici per interessi privati, posso sapere di cosa parliamo? Tra l altro la giustizia non è mai veloce e giusta e vedrete che andrà sempre peggio, la correzione avverrà ma passando attraverso la sofferenza, perchè nessuno ha accettato la legge di Dio, del reciproco sostegno, del farsi carico del proprio vicino, di distribuire equamente ricchezza,benessere ed opportunità, la gente si è preoccupata solo di se stessa,completamente disconnessa con il vero obiettivo di questa vita e i frutti acerbi ne usciranno tutti i giorni allo scoperto.


  • Rione Croce Bronx

    Quando becchi un ragazzino e conosci i genitori se vai a casa loro a far presente il loro civilissimo comportamento, le mamme li difendono e rischi anche di prendere mazzate e denunce!! Vigili e polizia debbono intervenire punto e basta! Ma non interviene mai nessuno! Signora Brancati dica al sindaco che ci vuole la sorveglianza delle telecamera ma anche il vigile di quartiere e sino a sera tardi!! Dica la medesima cosa al Commissariato di Polizia, che le ronde dei poliziotti a piedi a salvaguardare le chiappe delle signore che fanno footing vanno bene ma ci sono altre zone della città ove i ragazzini sono più pericolosi dei VENDITORI CLANDESTINI E GENTE DALLE STRANE abitudini, l’episodio tremendamente bestiale accaduto al poverette di anziano e l’avvisaglia che tra poco ci potrebbe scappare il morto!!!
    Il SINDACO LO LEGGE INTERNET PER DIO!
    FAI QUALCOSA!!!!


  • VIAIVIGILI!

    vero, davanti alle scuole in questione ci sono disegni di falli, scritte offensive verso le minoranze (neri, gay,ecc…), volgarità di ogni genere o simboli nazifascisti.
    be’ è chiaro che ci troviamo di fronte ad un’emergenza sociale.
    vedo che molti si rivolgono al sindaco, ed è giusto, ma perché quando si segnalano le moltissime illegalità ai —– vigili urbani questi sempre, e dico sempre, rispondo che non possono intervenire per mancanza di pattuglie o perché di non loro competenza?!
    che li paghiamo a fare? solo per fare le statuine alla processione del santo patrono?!
    licenziateli in tronco e con gli stipendi risparmiati mettete a lavorare laureati preparati e volenterosi!
    giunta, sveglia, maledetti, sveglia!!!


  • amante manfredoniano

    Iniziative come questa ci sono già, ma ne usufruiscono solo i bambini/adolescenti con un minimo di sale in zucca. Da volontario in un oratorio posso dire che decine di ragazzi ci vanno nei c.d. spazi aperti, ma per pisciare drogarsi o (visto con i miei occhi) per farci sesso approfittando delle zone buie (ovviamente rese tali da loro) … sono pessimista … certe persone (con un background familiare poco raccomandabile) sono irrecuperabili già prjma dei 10 anni. Nella mia professione mi è capitato anche di assistere ad udienze al tribunale dei minorenni di bari … nella sala d’attesa era una gara a chi aveva fatto più “messe in prova” … semplicemente non riconoscono alcuna autorità. La soluzione è selezionare i ragazzi che possono salvarsi … per il resto non c’è più soluzione (se non spendendo migliaia di euro che non si meritano) ed è possibile solo renderli la vita difficile con denunce su denunce sperando che si redimano per disperazione o non peggiorino


  • Momilla

    Non posso che concordare in pieno con gli interventi di Uno come Tanti e di Rione Croce Bronx. La rovina di molti di questi ragazzi (non tutti, perchè, sicuramente, ci sono anche quelli che, sebbene provenienti da famiglie perbene, si lasciano trasportare ed influenzare dal gruppo)sono proprio le loro stesse famiglie che non li educano al rispetto degli altri e soprattutto delle regole e delle istituzioni. Come ha riportato Rione Croce Bronx, se si tenta di intervenire presso le famiglie per segnalare il comportamento incivile dei propri figli, nella più ottimistica delle ipotesi, si beccano male parole, insulti ed improperi. E’ quello che avviene anche nella scuola con gli insegnanti che, oramai, non possono più permettersi nemmeno di rimproverare un ragazzo/a, altrimenti si ritrovano il giorno successivo i genitori, che invece di redarguire i propri figli per le loro omissioni e/o comportamenti, protestano e inveiscono contro gli insegnanti, inducendo così i ragazzi a non avere alcun rispetto nei confronti di chi è deputato a formarli, spesso demolendo la loro figura.E i risultati sono sotto gli occhi di tutti… Ad un mio parente è capitato di parlare, mesi fa, con il padre di uno dei ragazzi arrestati per la nota vicenda delittuosa denominata “Romanzo Criminale”, il quale ha avuto il coraggio di affermare, a proposito della situazione del proprio figlio, “Eeee,purtroppo, mio figlio ci si è trovato in mezzo, si è fatto coinvolgere, e ora, poverino,si trova in carcere…” Devo aggiungere altro?


  • michele

    Voglio precisare che non difendo l`atto fatto dai ragazzini, anzi la condanno in pieno, ma secondo me dai commenti letti ci si sta confondendo l`iniziativa che dovrebbe partire oggi per portare dei risultati negli anni da quello che e` accaduto al povero signore.

    Ho 45 anni e non dimentico che mazz e panell fann I figli belli.

    Quindi per poter avere un futuro migliore bisogna partire dal presente e credetemi che il tempo e` sempre quello giusto quando si parte.

    Adesso vorrei chiedere a tutti coloro che hanno condannato “giustamente” i ragazzi se lo avrebbero fatto se erano i loro figli e se fossero stati presi dai vigili, carabinieri e polizia quanto avreste pagato di Avvocati per liberarli?? Visto che e` un forum cercate di essere onesti.

    Purtroppo il problema piu` grande l`ha creata la mia generazione ed era espressa in una vignetta che ho visto. Citava questo:

    “Nel 1968 durante i colloqui scolastici sia la madre che l`alunno erano succubi delle parole della maestra.
    Nel 1986 durante i colloqui scolastici la maesta era succube delle parole dell`alunno che era protetto dalla mamma”

    Abbiamo bisogno tutti di rispetto ma bisogna anche darlo per vivere meglio. Non difendiamo solamente l`operato dei nostri figli.

    Il mondo e` bello perche` e` aVARIatO

    Michele


  • agguerrito

    L’unica soluzione è quella di ——-
    Dott.ssa Brancati io non spenderei un solo centesimo dietro a questi balordi. Ci vorrebbe un pò meno democrazia per far posto ad un regime…tipo Corea del Nord.


  • Giudizio supremo

    Manfredonia è una delle peggior realtà del mondo occidentale, a partire quella della delinquenza minorile. Parrebbe che la gran parte della cittadinanza è conscia, tranne le Autorità che unitamente ai politici vivono in mondo parallelo tutto loro, ovviamente molto distante dalla cruda realtà. La situazione è davvero scabrosa altrettanto scabrosa e la latitanza di chi deve difendere coloro che versano le tasse per pagare lo gli stipendi. Grazie


  • uscupastred

    Cara francesca, ho 30anni, nato e cresciuto in zona sacra famiglia. Sono vissuto per strada, alle tre di pomeriggio ero gia in giro a giocare. Ci chiamavamo dalla strada, a squarciagola, per far scendere giu gli altri amici. Ai miei tempi c era solo una palla arancione chiamata supersantos e con quella si giocava dalla mattina alla sera contro le serrande dei garage. Era la normalitá che qualcuno dal palazzo di sopra si affacciasse e ci intimasse di andare a giocare da un altra parte, ma mai nessuno si é permesso di malmenare queste persone perché avevamo un educazione basata sul rispetto dei piu grandi, al massimo c’era qualche scambio di sfottò ma mai oltre.
    La mia famiglia ha un attivitá in zona sacra famiglia e qualche anno fá proprio in questo periodo, ha banda di ragazzi che frequentava la zona ha sparato dei mortaretti all interno del locale commerciale con il rischio di incendiare l attivita, al che ho acchiappato il capo di questi ragazzi e gli ho dato due ceffoni in volto. Da quel giorno non ho piu avuto problemi e a quel ragazzo li ho evitato qualche hanno di carcere minorile. Mazz e panel fann i fidg bell, pen senza mazz fann i fidj pacc!


  • cumper girill mlon

    michele la tua e saggezza ai perfettamente ragione la colpa e dei genitori educano male i propri figli o due figli uno sta facendo l’università il telefono di mio figlio costa 50 euro praticamente un giocattolo vedendo bambini delle elementari con ifhone oppure vestiti cose se andassero alla sfilata di moda mi rendo condo che stiamo toccando il fondo essendo mia moglie rappresentante di classe a sentire tanti genitori una continua lagna i maestri dovrebbero adattarsi alle loro richieste come se il garzone(con tutto rispetto)dovrebbe dare ordini al padrone bisogna che i genitori tornino a fare i genitori


  • MICHELE STROGOFF

    quanti commenti, solo bla bla bla e demagogia, avoglia a parlare, io ho chiamato il comando vigili urbano, ed il comando della pubblica sicurezza per chiedere aiuto in un episodio del genere ma sia l’uno che l’altro non sono intervenuti ed aggiungo altro che una pattuglia di polizia dieci minuti dopo la mia chiamata è passata a venti metri dal luogo e non si è nemmeno fermata. avevo chiesto l’intervento delle forze dell’ordine perche un gruppo di ragazzi ogni sera si da appunamento in quella piazza per giocare a pallone, piazza che difronte a casa mia che abito al piano rialzato, mi hanno rotto con le ballonate un vetro e due zanzariere e non dico i danni che fanno ai lampioni ed il fastidio che danno alle persone che stanzioano la piazza, si litigano con tutti e posso assicuravi che non sono figli di pregiudicati ma anche di noti professionisti.quando li richiami ti deridono e ti sfidano con fare minaccioso evidenziando la loro minore età. se i vigili non riescono a far rispettare le ordinanze sindacali andassero a fare gli uscieri ad altra parte.


  • legnasanta

    La ricetta è la seguente:
    12 chili di cachizzi al giorno leva la violenza di torno … e
    crea la diarrea


  • Manfredonia (Zen*Scampa*periferia Caracas*)

    Povera Manfredonia..


  • GIUSI

    Condivido tutto ciò che ha scritto Francesca! Ottima proposta


  • maryterry

    Ancora un altro mio intervento:La sera del 31 ottobre,serata di Hallowen,quello che hanno combinato…..tanti bravi ragazzi,è incommentabile!Ho visto un negoziante placcare un ragazzo e subito dopo,dei genitori, presenti sono intervenuti in difesa del “povero bimbetto”!Bravi,fate sempre così!Avete visto come sono state ridotte le vetrine di tanti negozi del centro e della periferia?Avete visto i portoni ed i citofoni imbrattati con uova e farina? E’ giusto che un momento,diciamo di festa,ma con risvolti satanici,si riduca ad atti vandalici?E’ questa la società che vogliamo?E’ questo che i “bravi genitori”impartiscono ai loro figli?E’ questo che la scuola ,per giustificare i cosiddetti”Progetti”prepara le nuove generazioni?E’ vero che ci sono state delle eccezzioni,ma la regola è stata:Violenza ad ogni costo!Maleducazione ad ogni costo!


  • willer

    che pena mi fate


  • Filomena

    io ti consiglio di salvarti tu che ne hai di bisogno, carcere e repressione per quelle belve


  • peppa pig

    IO SOLO KE VEDO LA FOTO DI QUEl POVERO SIGNORE, MI SALE DA SOTTO I PIEDI UN NERVOSISMO KE MI RIBOLLE IN TESTA….. VISTO KE LA BRANCATI HA avuto da ridire sulle NOSTRE CRITIKE DIREI KE L’UNICA COSA DA FARE E’ DAVVERO PRENDERLI CON —- FINI….. VEDI SE ERA UN SUO PARENTE SE FACEVA TANTO LA BUONISTA DI STO C***O……. VALENTINA TI SONO VICINA!!!!! MI DISPIACE TANTISSIMO!!!!!!!


  • Il grande arcano del debito del Comune di Manfredonia

    Ma perché questa buonista non viene di sera nelle zone a rischio a rendersi conto di persona della realtà?


  • Pensionato del rione croce

    la sera di allvuen ho chiamato la polizia e i vigili per un banda di ragazzini che appiccava il fuoco sparava le bombe e inzultavano non viene nessuno
    spero gli zingari rapirebero qualche bambino teppista cosi i genitori penseranno a controllarli!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This