CronacaManfredonia
Sollecitati dal presidente Porreca tutti i partecipanti alla riunione hanno assicurato una rapida adesione all’associazione

Avviato in Camera Commercio l’iter per costituzione Distretto Turistico del Gargano

La giornata in Camera di Commercio dedicata al turismo non si è esaurita con la presentazione delle procedure di costituzione del Distretto


Di:

Foggia. Partecipata riunione ieri mattina nella Sala Consiglio della Camera di Commercio di Foggia, per dare il via all’iter procedurale previsto dal decreto legge n° 70 del 13 maggio 2011 per la costituzione del Distretto Turistico del Gargano. Alla Cittadella dell’Economia si sono ritrovati rappresentanti della: Prefettura, Provincia di Foggia, Università degli Studi, Parco del Gargano, delle amministrazioni comunali del promontorio e di tutte le associazioni di categoria di settore che hanno manifestato la volontà di procedere in tempi brevi alla costituzione del nuovo soggetto. Riqualificare e rilanciare l’offerta turistica; favorire lo sviluppo di un settore trainante dell’economia del territorio assicurando alle imprese agevolazioni fiscali, amministrative e finanziarie; semplificazione nei rapporti tra imprese e amministrazioni pubbliche: questi i principali benefici che la normativa riserva alle aziende presenti in un distretto turistico riconosciuto. Sollecitati dal presidente Porreca tutti i partecipanti alla riunione hanno assicurato una rapida adesione all’associazione, soggetto giuridico che avanzerà alla Regione la richiesta di convocazione della Conferenza dei Servizi per la delimitazione territoriale, con il coinvolgimento dei Comuni. Elemento questo propedeutico per il riconoscimento formale da parte del MIBACT.

Promotori dell’azione saranno, così come prescritto dalla normativa, le aziende che di fatto risultano essere le vere beneficiarie del riconoscimento del Distretto. Ma nel corso della riunione è emersa con forza anche la volontà di dare a questo nuovo soggetto giuridico, che potenzialmente potrebbe veder coinvolto l’intero territorio provinciale, anche funzioni di elaborazione progettuale in grado di definire strategie e interventi mirati, alla luce della nuova programmazione comunitaria.

La giornata in Camera di Commercio dedicata al turismo non si è esaurita con la presentazione delle procedure di costituzione del Distretto. A seguire la prima riunione, si è svolto, convocato dall’Ipsar Mattei di Vieste, un incontro per la presentazione al territorio del nuovo ITS per il Turismo, di cui l’istituto scolastico viestano è protagonista.

Redazione Stato Quotidiano.it

Avviato in Camera Commercio l’iter per costituzione Distretto Turistico del Gargano ultima modifica: 2015-11-06T15:19:02+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    Oggetto: Mobilitazioni territoriali Camere di Commercio
    Cari amici e compagni,
    come voi ben saprete il Governo sta portando avanti la riforma della Pubblica Amministrazione con i
    decreti legislativi attuativi della delega contenuta nella legge n. 124/2015 (c.d. Riforma Madia).
    Tra questi è prevista l’adozione di un decreto legislativo di “riordino” delle Camere di Commercio
    che il Governo avrebbe dovuto discutere nell’ultimo Consiglio dei Ministri.
    La discussione, invece, del testo sembra essere slittata al giorno 29 gennaio p.v.
    Ritenuto che il testo del decreto legislativo sulle Camere di Commercio, a dispetto di quanto previsto
    dalla legge delega, mette in serio pericolo la tenuta occupazionale e i servizi alle imprese prevedendo
    una riduzione del 15% del personale (che poi diventerebbe 25% per le Camere di Commercio
    accorpate, con conseguente esubero di circa 1000 unità sulle quasi 7000 oggi impiegate direttamente
    dalle Camere di commercio); ritenuto che le ripercussioni sul sistema camerale (Unioni regionali e
    Aziende speciali e partecipate) sarebbero disastrose e ritenuto, quindi che la scelta attuata risulta
    essere grave e sbagliata in quanto contraria alla legge, in quanto assunta senza alcun confronto con i
    rappresentati dei lavoratori e senza considerare le necessità del tessuto produttivo; ritenuto che le
    scriventi organizzazioni sindacali, unitariamente, hanno chiesto al Governo di “dare corso al riordino
    garantendo la salvaguardia dei livelli occupazionali secondo quanto disposto dalla legge delega”,
    anche perché “in mancanza di una norma a garanzia dei posti di lavoro, il decreto risulterebbe
    viziato da eccesso di delega e quindi illegittimo”, vi invitiamo, facendo seguito a quanto già
    annunciato nei giorni scorsi, ad organizzare nei giorni che precedono il Consiglio dei Ministri del 29
    gennaio, nei territori e nei luoghi di lavoro, assemblee, incontri e tutto quanto riteniate opportuno che
    serva a sottolineare la ferma intenzione di CGIL, CISL e UIL di non fermarsi dinanzi alle richieste
    inascoltate del Governo e agli interventi ostinati di riordino fatti, ancora una volta, sulle spalle dei
    lavoratori.
    Un caro saluto
    FP CGIL CISL FP UIL FPL
    Federico Bozzanca Daniela Volpato Giovanni Torluccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This