Manfredonia
Le operazioni di voto si sono svolte in aula dinanzi al giudice delegato dott.ssa Elena Rossi, e all'ufficio commissariale composto dal Prof. Avv. Stefano Ambrosini e il Dott. Luigi Di Fant

Sangalli Manfredonia, ancora 20 giorni per approvazione piano concordatario

Avv. Gentile: "In qualità di legale di fiducia di diverse società che hanno svolto attività di trasporto merci per conto della Sangalli Vetro Manfredonia, ho ritenuto opportuno essere presente a detta adunanza per esprimere voto contrario al piano concordatario"


Di:

Avv. Michele Gentile

Avv. Michele Gentile

Manfredonia/Treviso. BISOGNERA’ attendere ancora 20 giorni per l’approvazione o meno del piano concordatario proposto dalla Sangalli Vetro Manfredonia S.p.a.. E’ quanto emerge al termine dell’adunanza dei creditori svoltasi riunitisi lo scorso 4 novembre 2015, alle ore 15 presso il Tribunale di Treviso, primo piano aula C, per votare la suddetta approvazione del piano.

Le operazioni di voto si sono svolte in aula dinanzi al giudice delegato dott.ssa Elena Rossi, e all’ufficio commissariale composto dal Prof. Avv. Stefano Ambrosini e il Dott. Luigi Di Fant. In aula erano presenti oltre ai creditori e ai lori rappresentanti, l’imprenditore dott. Giorgio Sangalli accompagnato dai propri consulenti legali. L’udienza si è svolta regolarmente nonostante la richiesta di differimento avanzata dal sindaco di Manfredonia.

“In qualità di legale di fiducia di diverse società che hanno svolto attività di trasporto merci per conto della Sangalli Vetro Manfredonia, ho ritenuto opportuno essere presente a detta adunanza per esprimere voto contrario al piano concordatario che propone l’ammissione dei loro ingenti crediti in via chirografaria”, dice a Stato Quotidiano l’avvocato Michele Gentile, legale di alcuni creditori.

“In realtà avevamo già avuto modo di esprimere il nostro voto con memoria difensiva fatta pervenire ai commissari nei giorni addietro, nella quale, oltre all’espressione di voto lamentavamo, sulla base di argomentazioni giuridiche, il mancato riconoscimento di alcuni dei nostri clienti come creditori privilegiati”, continua il legale. “Ai creditori chirografari viene infatti riconosciuto un soddisfacimento pari al 3% dell’importo creditizio vantato, modificando in senso negativo quanto prospettato inizialmente dall’impresa, ovvero del 5%. Credo pertanto sia più corretto parlare di ‘insoddisfacimento’ dei creditori, stando alle stime prospettate. Temo inoltre, che tra quanto proposto e quanto si realizzerà in concreto potrà esserci anche una modifica peggiorativa, passando quindi da un 3% a qualcosa che somigli molto allo zero”.

Tengo a precisare comunque che all’esito dell’udienza tenutasi non è stata raggiunta la maggioranza né in un senso e né nell’altro, quindi né di mancata approvazione e né di omologa del piano. Sarà necessario pertanto attendere ulteriori 20 giorni, termine entro il quale tutti i creditori potranno far pervenire il loro voto.

In conclusione, onestamente, spero che nei prossimi mesi possano aprirsi scenari diversi e più vantaggiosi per tutti, ad esempio l’accesso ad una diversa procedura quale potrebbe essere quella della amministrazione straordinaria, non difettando, a mio avviso, nessuno dei presupposti di legge previsti. Sia per dimensione dell’azienda che per livello di indebitamento. L’iniziativa in tal senso è affidata all’imprenditore, al Pubblico Ministero che può chiedere la declaratoria di insolvenza ai sensi dell’articolo 2 e 3 della 270/99, ma ricordo a me stesso che l’iniziativa è lasciata anche ad uno o più creditori che chiedano l’accertamento giudiziale dello stato di insolvenza. Una soluzione di questo tipo salvaguarderebbe i lavoratori dal punto di vista occupazionale garantendo una continuità produttiva dell’azienda, e di sicuro non pregiudicherebbe la posizione di quei creditori oggi “insoddisfatti” in misura del 3%”, conclude l’avvocato Michele Gentile.

FOCUS VERTENZA SANGALLI VETRO SPA MANFREDONIA

Redazione Stato Quotidiano.it – riproduzioneriservata, non riproducibile

Sangalli Manfredonia, ancora 20 giorni per approvazione piano concordatario ultima modifica: 2015-11-06T10:54:50+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti

  • aspettate ……. che schifo .
    povera gente


  • Operaio mv

    Caro avv. Gentile noi operai siamo con lei ma sarà difficile perché il signore sangalli – gente a molta esperienza ne sappiamo noi qualcosa sono undici mesi che non ci sta facendo prendere una lira e non paga neanche gli operai che stanno entrando a lavorare a spostato acquirenti che volevano manfredonia vetro a San Giorgio quindi le ho detto tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This