Edizione n° 5310
/ Edizione n° 5310

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Caracciolo: “violenza su donne, serve battaglia anche culturale”

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
7 Gennaio 2015
Cronaca //

Roma – LA definizione del Piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere è aperto a tutti tramite una consultazione pubblica. Infatti la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità – al fine di favorire il processo di apertura verso i cittadini e di trasparenza verso le imprese e la società civile dà la possibilità di fornire suggerimenti attraverso risposte a domande specifiche riferite a ciascuna linea di azione del Piano che ha come obiettivo principale quello di garantire azioni omogenee nel territorio nazionale volte a prevenire e a contrastare il grave fenomeno della violenza di genere nonché a tutelare le donne che subiscono violenza e i loro figli. La consultazione è aperta sino alle ore 23 del 10 gennaio 2015 sul sito www.partecipa.gov.it e sul sito www.pariopportunita.gov.it. I contributi concorreranno ad una migliore articolazione del Piano. Intervento del consigliere regionale Filippo Caracciolo.

“Invito tutti a partecipare alla consultazione pubblica – sottolinea Caracciolo – rispondendo alle 9 domande relative ad altrettante problematiche. Il tema della violenza di genere merita grande attenzione perché nonostante la sensibilità crescente delle istituzioni e della società è ancora molto presente ma poco denunciato. Il Piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere prende spunto anche dalla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica è stata adottata ad Istanbul l’11 maggio 2011 (Convenzione di Istanbul) ed è entrata in vigore il 1° agosto 2014”.

“I risultati della consultazione saranno considerati quali elementi utili per l’elaborazione definitiva del Piano: guardo con molto favore alla consultazione promossa dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri proprio per il diretto coinvolgimento della cittadinanza. Invito tutte le associazioni presenti sul territorio della provincia di Barletta-Andria-Trani che con grande merito sono da tempo impegnate nel combattere la violenza sulle donne prestando assistenza alle vittime di abusi a promuovere la consultazione sino al 10 Gennaio ossia l’ultimo giorno utile per votare. Sono convinto – conclude Filippo Caracciolo – per sconfiggere la violenza di genere sia necessaria anche una battaglia di tipo culturale che elimini alla radice ogni possibile causa di abuso e di sopruso”.

Redazione Stato

Lascia un commento

“I coraggiosi agiscono, i pavidi desistono.” Luigi Giuseppe Bruno D'Isa

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.