EconomiaManfredonia
"Abbiamo bisogno di intervenire su questi argomenti"

CGIA “2017, meno tasse più lavoro ma ritorno ai livelli pre-crisi solo nel 2024”

Preoccupante anche la situazione relativa al mercato del lavoro


Di:

Roma. Dal punto di vista economico, fa sapere l’Ufficio studi della CGIA, il 2017 sarà per il nostro Paese un anno in chiaroscuro. Al netto di eventuali manovre correttive, la pressione fiscale è destinata a scendere di 0,3 punti percentuali (attestandosi così al 42,3 per cento), il Pil dovrebbe aumentare di circa un punto, il numero degli occupati crescere di quasi 112.000 unità e l’esercito di disoccupati scendere di 84.000 persone. A fronte di questi dati positivi, preoccupa, invece, la mole di tempo che sarà necessaria per ritornare ai livelli pre-crisi (ovvero il 2007).

Infatti, stando ai dati di contabilità nazionale pubblicati dall’Istat il 23 settembre 2016 e relativi al Pil reale (concatenato al 2010) e alle previsioni di Prometeia sugli scenari delle economie locali di ottobre 2016, dovremmo recuperare gli 8,7 punti percentuali di Pil persi tra il 2007 e il 2013 solo nel 2024, vale a dire fra 7 anni. L’Ufficio studi della CGIA segnala che nel 2016 l’economia italiana è “precipitata” ai livelli del 2000, ovvero di 16 anni fa. I consumi delle famiglie, invece, che a causa della crisi sono crollati di 7,6 punti percentuali, li dovremmo “riconquistare” entro il 2021 e i 28 punti percentuali circa di investimenti bruciati in questi anni non prima del 2032 (vedi Tab. 2).

Preoccupante anche la situazione relativa al mercato del lavoro. Se tra il 2007 e il 2013 il tasso di disoccupazione è quasi raddoppiato, passando dal 6,1 al 12,1 per cento, le previsioni delle dinamiche occupazionali dell’Istat e di Prometeia stimano che il livello dei senza lavoro (attualmente all’11,5 per cento circa) dovrebbe ritornare al 6 per cento solo nel 2032 (tra ben 15 anni), mentre l’occupazione pre-crisi nel giro di un paio d’anni (2018-2019).

“Sebbene le tasse siano destinate a scendere grazie, in particolar modo, alla riduzione dell’Ires che interesserà solo le società di capitali e l’occupazione è destinata ad aumentare in virtù della fiducia ritrovata tra i piccoli imprenditori – dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo – la ripresa economica del nostro Paese rimane ancora molto debole e ben al di sotto della media Ue. Se nel 2017, come riportano le ultime previsioni economiche elaborate dalla Commissione europea, il nostro Pil dovrebbe attestarsi attorno all’1 per cento, in Ue, invece, è destinato a toccare l’1,6 per cento. Tra tutti i 28 paesi dell’Unione, solo la Finlandia registrerà quest’anno una crescita più contenuta della nostra”.

Conclude il segretario della CGIA Renato Mason: “A differenza di quanto è successo per buona parte del 2016, speriamo che il Governo Gentiloni torni a discutere e a decidere sui grandi temi: come creare lavoro, quali politiche industriali sviluppare, come affrontare le sfide che l’economia internazionale ci pone. Abbiamo bisogno di intervenire su questi argomenti, altrimenti rischiamo di veder aumentare le disuguaglianze sociali che stanno minando la coesione sociale del nostro Paese”.

CGIA “2017, meno tasse più lavoro ma ritorno ai livelli pre-crisi solo nel 2024” ultima modifica: 2017-01-07T19:54:29+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Luigi

    (corretto,ndr), comunque nel NS paese non possiamo aspettare al 2024 per stare meglio, perché o entro quest’anno le cose si aggiustano per tutti e per sempre, o altrimenti sarà l’inizio di una rivoluzione e ribellione che non voglio neanche pensare a cosa porterà a breve termine… Ora Basta….Si Deve Cambiare, in Meglio, Naturalmente…


  • Raffaele Vairo

    Anche se la pressione fiscale, nel 2017, scenderà di 0,3 punti percentuali (attestandosi così al 42,3 per cento), per le famiglie questa riduzione sarà più che compensata dall’aumento delle tariffe dei servizi pubblici e/o privati (rifiuti, luce, gas, acqua, trasporti, tasse scolastiche e universitarie, spese medico-sanitarie, ecc.
    Relativamente al PIL non credo proprio che aumentare dell’1%. Ad essere ottimisti il PIL non crescerà più della metà di quanto previsto.
    Il che significa che nell’anno appena iniziato l’occupazione, specie giovanile, non aumenterà, anzi.
    Ma dirò di più (con dolore), anche nei prossimi anni la situazione economica non migliorerà, significativamente, sino a quando non cambierà radicalmente l’indirizzo di politica economica, In altri termini, sino a quando non sarà accantonata la demenziale e irresponsabile politica economica di austerità, causa di disoccupazione, povertà diffusa e sofferenze sociali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This