Manfredonia
Ultimi orientamenti e sentenze in materia di prescrizione delle cartelle di pagamento

Cartelle esattoriali: prescrizione

Una volta prescritta, la cartella perde quindi la sua efficacia di “titolo esecutivo” e non può essere portata all’incasso


Di:

Quando si parla di prescrizione della cartella esattoriale ci si riferisce al termine oltre il quale la cartella può considerarsi “scaduta” e non è più possibile subire un pignoramento. Tutti i solleciti, i preavvisi di fermo o di ipoteca, gli atti dell’esecuzione forzata ricevuti dopo il compimento della prescrizione sono nulli e possono essere impugnati davanti al giudice; quelli invece consegnati al contribuente anche un solo giorno prima che la prescrizione si compia hanno l’effetto di interrompere tale termine e di farlo decorrere nuovamente da capo.

Una volta prescritta, la cartella perde quindi la sua efficacia di “titolo esecutivo” e non può essere portata all’incasso. In pratica il contribuente non è più tenuto a pagare le somme; ma se, per errore, dovesse versarle ugualmente all’Esattore non potrebbe più chiedere la restituzione degli importi.

fonte https://www.laleggepertutti.it/273656_cartelle-esattoriali-prescrizione

Cartelle esattoriali: prescrizione ultima modifica: 2019-02-07T09:46:29+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Giuseppe

    Su questo non non si è mai capito nulla. Infatti l’agenzia delle entrate fa sempre quello che vuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This