CapitanataStato news

Lapidei, Confindustria: nuovo contratto, attesa


Di:

Foggia – LA Sezione Marmi di Confindustria Foggia comunica in una nota che “la questione del nuovo contratto integrativo sarà affrontata non appena vi saranno le condizioni oggettive per aprire un tavolo di trattative. L’auspicio degli imprenditori è che ciò possa avvenire quanto prima, perché segno evidente di una ripresa del comparto, principalmente legato come è noto al settore delle costruzioni”.

“Nell’attesa spiace dover rilevare, prosegue la nota della Sezione Marmi di Confindustria, che – contrariamente ai dati diffusi da più parti in questi ultimi giorni – il settore è stato interessato da un vero e proprio dimezzamento produttivo”. “Secondo quanto rilevato dalla Commissione Attività Estrattive di Confindustria Puglia, infatti, su 415 cave autorizzate in ambito regionale solo 230 hanno effettuato scavi nell’ultimo biennio censito, a causa della mancanza di commesse o della non convenienza economica”.

“Nel frattempo il numero delle cave autorizzate si è ulteriormente ridotto, attestandosi ora a 399 unità, confermando un trend negativo che ha evidentemente riguardato anche volumi di materiali estratti e quindi di fatturati: lo conferma il calo di produzione tra il 2011 ed il 2012 pari al 23,6% in ambito regionale ed al 30,2% in provincia di Foggia.
Ci auguriamo – conclude la nota – che analisi oggettive prevalgano su considerazioni legittime ma di parte, affinchè assieme si possano individuare e porre in essere soluzioni efficaci per contrastare la perdurante crisi”.

Redazione Stato

Lapidei, Confindustria: nuovo contratto, attesa ultima modifica: 2014-05-07T13:44:01+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This