ManfredoniaStato news
In discussione il presunto cumulo di incarichi

“Incompatibilità” consigliere Pecorella, discussione in Aula


Di:

Manfredonia – DOPO il deposito degli atti, attesa per le determinazioni del Consiglio comunale di Manfredonia relativamente alla “Contestazione causa di incompatibilità sollevata nei confronti del Consigliere Comunale Stefano Pecorella”. L’accapo sarà discusso nel corso dell’odierna seduta di Consiglio a Palazzo San Domenico.

Da raccolta dati, la contestazione riporta a quanto riferito in un articolo di stampa, a firma del presidente dei Moderati e Centristi Giovanni Caratù, relativamente alle partecipate del Comune di Manfredonia. In particolare il riferimento è all’Oasi Lago Salso Spa (partecipata dal Comune per l’86%, che gestisce tra l’altro le attività agricole dell’ex Daunia Risi, capitale sociale 342.600 euro interamente versato, circa 10 dipendenti fissi, un Consiglio di Amministrazione con un presidente ed un vice presidente, un direttore ed un collegio dei revisori dei conti; la stessa possiede anche una partecipazione azionaria nel Gal Daunofantino s.r.l. del 12,97%).

Nell’articolo del presidente del MeC il riferimento al cumulo di incarichi del Presidente e Vice della citata partecipata del Comune. In particolare, “il vicepresidente è anche Presidente del Parco Nazionale del Gargano, nonché Consigliere Comunale del Comune di Manfredonia (proprietario del 86% della società di cui è Vicepresidente) carica a mio parere, incompatibile con la vicepresidenza di una S.P.A di proprietà del Comune”, come scritto da Caratù nel testo.

La richiesta della discussione in Consiglio comunale è stata inoltrata da Vincenzo Lo Riso, primo consigliere dei non eletti, “e quindi presunta parte lesa”, come lo stesso scrive in una nota inviata al presidente dl Consiglio comunale, al sindaco, al segretario comunale, del Comune di Manfredonia, e p.c. al Prefetto di Foggia. Secondo Lo Riso, la presunta incompatibilità del consigliere Pecorella non sarebbe “sopravvenuta di recente” essendo stata ipoteticamente a conoscenza delle “autorità di controllo da tempo”.

LO RISO: “NULLI I BILANCI COMUNALI 2011, 2011 E 2013”. “Il Consiglio di Comunale – secondo Lo Riso – ha prodotto atti che, data la non perfetta ed illegittima composizione dell’organo deliberante, risulterebbero nulli, per un vulnus di composizione perfettamente a conoscenza degli organi di controllo”. In particolare “la ratifica dei bilanci comunali 2011, 2012 e di certo il 2013 all’ordine del giorno della stessa seduta del 7 maggio, perché inclusivi del bilancio Oasi Lago Salso Spa (controllata) partecipata dal Comune di Manfredonia (controllore) per l’86% di cui il consigliere Pecorella a tutt’oggi e per tutto il 2013 è vice presidente del CdA (eletto nel 2011 con atto del 29.06.2011)”.

IERI LE DIMISSIONI DA VICE-PRESIDENTE DELL’OASI LAGO SALSO SPA?. Da voci di corridoio, l’avvocato Stefano Pecorella avrebbe rassegnato ieri le dimissioni dalla carica di vice presidente dell’Oasi Lago salso per la rimozione della presunta incompatibilita’ emersa; tuttavia, le dimissioni dovrebbero essere valide solo con la ratifica dell’assemblea dei soci e con la trascrizione della Camera di Commercio di Foggia.

Pecorella-Falcone-Nessuna dichiarazione su incompatibiltà

g.defilippo@statoquotidiano.it

“Incompatibilità” consigliere Pecorella, discussione in Aula ultima modifica: 2014-05-07T14:57:09+00:00 da Giuseppe de Filippo



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • basta

    sempre caratù..persona preparata e competente.pecorella???troppi incarichi…


  • nominato

    Il resoconto della VIII commissione della Camera per il parere sulla nomina – “Dalla lettura del curriculum del designato non emergono quelle specifiche competenze in campo ambientale che dovrebbero caratterizzare i candidati alla carica di presidente dei parchi nazionali. Richiama per questo il Governo ad una più attenta valutazione dei requisiti di tali candidati ed ad attenersi alla massima trasparenza nella loro designazione”. Così nell’atto della Camera di martedì 31 gennaio 2012, relativamente alla Proposta di nomina dell’avvocato Stefano Francesco Sabino Pecorella a presidente dell’Ente parco del Gargano: è quanto emerge dall’atto della VIII Commissione – permanente (Ambiente, territorio e lavori pubblici) Resoconto, con Presidenza del vicepresidente Roberto Tortoli ed intervento del sottosegretario di Stato per l’ambiente e la tutela del territorio e del mare, Tullio Fanelli. Si tratta del parere relativo alla nomina dell’attuale presidente del Parco, già Commissario, assessore all’ambiente uscente della Provincia (in prossimità dell’avvenuta nomina).

    Della Seta (Pd): “l’unico titolo che sembra giustificare la nomina dell’avvocato Pecorella è la circostanza per cui egli è attualmente commissario del Parco nazionale del Gargano“.

    https://www.statoquotidiano.it/11/06/2012/nomina-parco-pecorella-su-questione-curricula-il-piu-votato-tra-camera-e-senato/83144/


  • cinzia

    ma se voci di corridoio dicono che si è dimesso ma vice presidente oasi lago salso. allora avrebbe ammesso l’incompatibilità?. la mancata sottoscrizione dell’obbligo di legge della compatibilità dei suoi incarichi ricoperti, dovrebbe far scattare d’ufficio la decadenza da consigliere comunale? non sono un’avvocato ma mi pare logico.


  • PERSONA PER BENE

    Egregi signori questa è la prova provata della schifezza della schifezza della politica che consente a qualcuno di “incozzarsi” a spese dei cittadini e dello stato. In questa posizione non puo’ servire i cittadini e la citta’ quindi si deve dimettere innanzi tutto da consigliere comunnale e poi dagli altri ennesimi incarichi.


  • Pasqualino

    Questa è la prova dell’odio nei confronti degli avversari politici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This